Teleromagna » 13 luglio 2015

Daily Archives: 13 luglio 2015

RIMINI: Terza edizione per ‘Il gelato di Bruno Fabbri’

Il gelato al pistacchio è il protagonista della terza edizione de “Il gelato di Bruno Fabbri”, concorso e borsa di studio istituita in memoria del fondatore di Moka Rica e Dulca,  scomparso nel 2012. Un memorial che vuole ricordare, oltre alla figura di uno dei massimi precursori dell’arte del gelato, anche l’importanza di un’adeguata formazione per i giovani che stanno entrando nel mondo del lavoro, impegnati ad acquisire un elevato livello di competenza e professionalità in un settore in forte crescita. Il concorso, aperto a tutti i gelatieri, permetterà di far vincere 3 borse di studio destinate ai giovani talenti della scuola alberghiera. I primi tre classificati riceveranno ricchi premi e il vincitore si aggiudicherà un corso professionale presso “IFSE”. Oltre a Dulca, gli altri sponsor tecnici del concorso sono Debic, Ristocontract Group e Iceteam 1927. “Ho ritenuto importante trasformare questo memorial in una borsa di studio – spiega il titolare di Dulca Roberto Fabbri – per dare ai ragazzi giovani un’occasione di formazione gratuita e sviluppare i propri talenti. Abbiamo ritenuto importante coinvolgere alcuni sponsor tecnici come Carpigiani e la divisione Iceteam di Bologna che si occuperanno, tra un percorso base ed uno avanzato, della formazione dei tre ragazzi vincitori della borsa di studio”.  

FAENZA: Ceramica europea e contemporanea al Mic

Due nuovi riallestimenti per il Mic – Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza, uno dedicato alla ceramica europea dal XVI al XX secolo e un altro relativo alla scultura italiana del secondo dopoguerra. La direttrice del museo Chiara Casali annuncia entusiasta l’apertura al pubblico di due percorsi che ripercorrono non solo la ricchezza delle produzioni ceramiche che hanno segnato il panorama artistico degli ultimi 4 secoli, ma contribuiscono anche a dare valore alle collezioni e al patrimonio del museo faentino. “Sono due allestimenti importanti che mancavano nel panorama della nostra offerta culturale anche da diversi decenni, soprattutto quello dedicato alle manifatture europee – dichiara la direttrice – È stato un percorso molto complesso, erano diversi anni che pensavamo a questo allestimento e, insieme alla curatrice Valentina Mazzotti. siamo riusciti a focalizzarci su tematiche legate alla tecnica e alla materia“. “Il senso del nostro intervento è stato quello di estendere l’arco cronologico dal XVI secolo fino all’età moderna e di ampliare anche il numero dei centri e delle realtà produttive esposte – annuncia Valentina Mazzotti, conservatrice del museo e curatrice della Sala Europa – Raccontare la storia relativa all’evoluzione della produzione della ceramica europea nell’arco dei secoli, suddividendo i materiali per categorie e tipologie materiche e tecnologiche: maiolica, grès, terraglia e porcellana”.  

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi