Teleromagna » 11 settembre 2017

Daily Archives: 11 settembre 2017

RAVENNA: Vaccini, dibattito acceso in sala D’Attorre | VIDEO

RAVENNA: Vaccini, dibattito acceso in sala D’Attorre | VIDEO Dibattito acceso, nonostante la sala non fosse piena, quello in sala D’Attorre a Ravenna sul tema dei vaccini indetto dall’Amministrazione. Il sindaco Michele De Pascale, insieme all’assessore alla Scuola Ouidad Bakkali e a rappresentanti dell’Ausl Romagna hanno cercato di fare chiarezza in merito alla documentazione da presentare e alle tempistiche da rispettare, ricordando che chi non è vaccinato non potrà frequentare le lezioni.

TG SERA del 11/09/2017

Il Telegiornale di Teleromagna da oltre quarant’anni si pone come uno dei pilastri dell’informazione locale romagnola. Grazie alle varie redazioni e ai suoi corrispondenti, vi raccontiamo quotidianamente tutte le vicende del territorio. Il Telegiornale va in onda alle 7 – 14 – 16 – 19 – 20.30 e all’una di notte. Ogni edizione viene replicata mezz’ora dopo su Teleromagna News (canale 74).

RIMINI: Stupri, la Procura potrebbe chiedere il giudizio immediato per Butungu

RIMINI: Stupri, la Procura potrebbe chiedere il giudizio immediato per Butungu Potrebbe arrivare a processo in meno di 6 mesi il congolese Guerlin Butungu, il 20enne detenuto nel carcere dei 'Casetti' di Rimini con le accuse di rapina aggravata, violenza sessuale di gruppo e lesioni aggravate. L'unico maggiorenne del 'branco' che la notte del 25 agosto scorso ha violentato una turista polacca sulla spiaggia di Miramare, picchiato l'amico e stuprato una prostituta transessuale. Il procuratore capo Paolo Giovagnoli e il sostituto Stefano Celli potrebbero chiedere per il congolese il giudizio immediato, come prevede la legge, entro sei mesi dall'arresto. Le prove contro di lui sarebbero sufficienti perché c'è il riconoscimento da parte delle persone offese, l'ammissione dello stesso Butungu di aver preso parte al 'branco', i racconti dei complici minorenni. Contro il 20enne congolese ovviamente anche le prove in mano alla Squadra Mobile. Per la richiesta della Procura, che dovrà essere valutata dal Gup senza udienza preliminare ma solo sulla scorta della documentazione raccolta, non servirebbe attendere neanche la prova del Dna per chiedere il processo immediato nel confronti di quello che viene considerato il leader del gruppo. Per i minorenni, i due fratelli marocchini di 15 e 16 anni e il nigeriano di 16, deciderà la Procura del Tribunale dei minori di Bologna.

EMILIA-ROMAGNA: Alluvione Livorno, partono squadre della Protezione Civile regionale | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Alluvione Livorno, partono squadre della Protezione Civile regionale | VIDEO Dell’Emilia Romagna c’è bisogno a Livorno, che sta provando a reagire all’alluvione che l’ha colpita nella notte tra sabato e domenica. Le vittime sono sei, si stanno cercando due dispersi e nel frattempo ha preso il via l’immane opera di pulizia delle case invase dall’acqua, di svuotamento degli scantinati sepolti dal fango. Scatta l’ora della solidarietà, con l’apporto dei paesi e delle città vicine e anche l’arrivo di 130 vololontari della protezione civile dalla nostra regione e dalla Liguria.

EMILIA-ROMAGNA: A Bologna la commemorazione dell’11/09/01 | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: A Bologna la commemorazione dell'11/09/01 | VIDEO 16 anni dall'attentato alle Torri Gemelle: 16 anni in cui la visione della vita quotidiana degli americani è profondamente cambiata e, di conseguenza, anche quella di tutti perché dopo quell'attacco altri ne sono seguiti, ne paga le conseguenze anche l'Europa, e tutti rivendicati dall'Isis. Il tempo trascorso ancora non ha cancellato le ferite, la paura e lo ha spiegato bene nel corso della commemorazione che si è svolta a Bologna, Gabrielle Calabro, della Johns Hopkins University di Bologna

RAVENNA: Poggiali in tv, “non sono un killer”

RAVENNA: Poggiali in tv, "non sono un killer" Torniamo sul caso dell'infermiera di Lugo. "Gli scatti fotografici pubblicati sono brutti e irrispettosi, per i quali però ho già pesantemente pagato con il licenziamento nel posto di lavoro ma  non sono un serial killer e finalmente posso dire che giustizia è stata fatta". Sono queste le parole pronunciate dall'ex infermiera Daniela Poggiali nel corso dell'intervista rilasciata a "Mattino Cinque". Nel luglio scorso la Poggiali, accusata di aver ucciso con il potassio la 78enne Rosa Calderoni, è stata assolta dai giudici della Corte di appello di Bologna perché il fatto non sussiste. La donna ha poi precisato: "Mi piacerebbe molto tornare a fare il mio lavoro perché l'ho sempre fatto e anche molto bene".

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi