Teleromagna » 19 dicembre 2018

Daily Archives: 19 dicembre 2018

TG SERA del 19/12/2018

Il Telegiornale di Teleromagna da oltre quarant’anni è uno dei pilastri dell’informazione locale romagnola. Grazie alle varie redazioni e ai suoi corrispondenti, vi racconta quotidianamente tutte le vicende del territorio. Il Telegiornale va in onda alle 7 – 14 – 19 – 20.30 e all’una di notte.

CESENA: San Domenico, 200mila euro e 6 mesi per sistemare il campanile | VIDEO

CESENA: San Domenico, 200mila euro e 6 mesi per sistemare il campanile | VIDEO 200 mila euro per 6 mesi di lavoro. Sono questi tempi e costi della ristrutturazione del campanile della chiesa di San Domenico, a Cesena, che con le sue vistose crepe, sta facendo preoccupare non poco fedeli e semplici cittadini, per non parlare dei genitori degli alunni della scuola elementare che si trova proprio sotto alla grande torre. Spessore delle crepe che è pienamente sotto controllo, assicurano dalla parrocchia che, in ogni caso, ha deciso di correre ai ripari commissionando un progetto che, 180 giorni, dovrebbe togliere ogni preoccupazione. Stabilito il da farsi ora il problema è solo uno. I soldi scarseggiano e la Diocesi, che aveva assicurato che avrebbe utilizzato i fondi dell’otto per mille per finanziare l’opera, sembra avere qualche difficoltà. Questo il motivo per cui il parroco di San Domenico, don Fermen, ha lanciato una sottoscrizione pubblica per chiedere i soldi direttamente ai fedeli che pagheranno il campanile mattone su mattone. Si parte da 25 euro a blocco fino a arrivare alla tanto agognata somma di 200mila euro che darebbe quindi il via al cantiere. Sempre nella speranza che, nel frattempo,arrivi un aiuto dall’alto.

Tg Sport del 19/12/18

Il TG Sport di Teleromagna va in onda dal lunedì al sabato alle 14.15 circa e nella versione breve all’interno dei Telegiornali delle 19, 20.30 e dell’una di notte. L’edizione si apre con le notizie principali della giornata, seguono le prime pagine dei quotidiani sportivi e infine “L’Opinione” di Luciano Poggi.

RAVENNA: Crisi Cmc, si rischia l’effetto a catena, cantieri a rischio in Sicilia | VIDEO

RAVENNA: Crisi Cmc, si rischia l’effetto a catena, cantieri a rischio in Sicilia | VIDEO Assicurare la continuità aziendale e garantire gli stipendi. Questi sono i primi obiettivi per Cmc, la cooperativa ravennate attiva nelle costruzioni in dissesto economico, schiacciata dal peso di 1,8 miliardi di debito. Ai primi di dicembre il Tribunale di Ravenna ha ammesso la società alla procedura di concordato preventivo con riserva, con tre commissari a gestirlo, mentre in Regione è stato istituito un tavolo permanente di monitoraggio insieme ai sindacati. Una situazione che continua a preoccupare, con i creditori a battere cassa e i dipendenti sempre allarmati per il futuro incerto. A rischiare il default sono anche le società controllate dalla cooperativa: 46 imprese, come riporta il Corriere Romagna, di cui la Cmc detiene una quota maggioritaria, alcune delle quali implicate nei contenziosi con Anas. Diverse quelle create all’estero che potrebbero essere sacrificate per incassare denaro e risollevare le sorti dell’azienda. Nel frattempo corre lungo lo Stivale l’angoscia degli operai impegnati nelle grandi opere dalla cooperativa. In Sicilia, dove gestisce tre grandi appalti con centinaia di lavoratori, c’è fibrillazione, nei giorni scorsi i dipendenti impiegati negli interventi sulla Palermo-Agrigento hanno attivato un presidio per chiedere garanzie sul proseguimento del cantiere.

RIMINI: Protesta dei sinti fuori dal Comune, “Vogliono buttarci fuori casa” | VIDEO

RIMINI: Protesta dei sinti fuori dal Comune, “Vogliono buttarci fuori casa” | VIDEO Continua la protesta delle 30 famiglie sinte di Rimini, che attualmente vivono all’interno di rouloutte o case mobile in diversi terreni agricoli della zona e alle quali il Comune ha inviato la lettera di esproprio. I manifestanti, che rappresentano un centinaio di persone di cui la metà minori, definiscono “illogica” una politica che prima crea i campi nomadi e poi li espropria. Una legge regionale per regolarizzare queste aree c’è, spetta ai sindaci applicarla, come è già avvenuto nella vicina Misano Adriatico. Questa piazza chiede che il primo cittadino di Rimini faccia lo stesso. I sinti chiedono all’amministrazione comunale di non correre dietro alla propaganda di destra.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi