Teleromagna » 10 febbraio 2019

Daily Archives: 10 febbraio 2019

ROMAGNA: Industriali in piazza a Roma coi sindacati, Maggioli difende off-shore

ROMAGNA: Industriali in piazza a Roma coi sindacati, Maggioli difende off-shore Tra le migliaia di persone provenienti dall’Emilia-Romagna che nella giornata di sabato si sono unite alla manifestazione di Roma indetta dai sindacati contro le attuali politiche del governo, si sono aggiunti anche gli industriali. Presente anche una delegazione ravennate del settore off-shore. Il presidente di Confindustria Emilia-Romagna, Paolo Maggioli, ha difeso le trivelle e ha così spiegato la propria insolita presenza in piazza al fianco dei lavoratori: “La nostra non è una adesione alla piattaforma sindacale di Roma, ma una occasione per manifestare la nostra forte preoccupazione per il caso dello stop alle trivellazioni”. “Sfilare con i lavoratori – ha aggiunto Maggioli -, in questa circostanza, era però doveroso". Confindustria si dice preoccupata per il blocco di 18 mesi alle esplorazioni in mare e sull’incertezza per il dopo.

RICCIONE: Uno degli accoltellati in rianimazione, “Erano quattro contro due”

RICCIONE: Uno degli accoltellati in rianimazione, “Erano quattro contro due” Un’aggressione furibonda. “Dammi 50 euro, che devo comprare la droga”. È la frase carpita da chi stava attorno al gruppo di ragazzi, uno dei quali minorenne, che nella notte tra venerdì e sabato ha accoltellato a Riccione due giovani 23enni del vicino comune di Gradara. Questi sono risultati da subito gravi e il più critico dei due è stato ricoverato in rianimazione. Tutta la comunità locale, oltre alle famiglie, è in apprensione per loro. Le due vittime erano giunte venerdì sera a Riccione al ristorante La Mulata, in via Torino, per unirsi a degli amici. Qualche tavolo più in là festeggiava un compleanno una comitiva di una ventina di persone, delle quali avrebbero fatto parte i giovani aggressori. Il fatto ha avuto luogo dopo la mezzanotte fuori dal ristorante. Secondo quanto riportato dal titolare, nel video consegnato ai carabinieri si vedono 4 ragazzi, in una zona all’aperto di pertinenza del locale, avvicinarsi ai due giovani di Gradara e chiedere loro qualcosa. Uno del gruppo comincia a provocare e colpisce uno dei due amici. L’altro scappa, ma viene preso alle spalle e trovato più tardi da una ragazza nei pressi della vicina fermata dell’autobus. I presenti sono stati i primi a prestare soccorso e a tamponare il sangue ai feriti in attesa del 118. Un’altra ragazza ha preso la targa dell’auto su cui sono scappati tutti gli aggressori. Sempre secondo i testimoni, questi ultimi farebbero parte di una stessa famiglia. Tre i fermati nella giornata di sabato. All’appello manca il quarto, ovvero colui che in base alle indagini avrebbe fatto partire i fendenti

FORLÌ: Traffico di stupefacenti e prostituzione, condannato a 4 anni

FORLÌ: Traffico di stupefacenti e prostituzione, condannato a 4 anni Dovrà scontare in carcere quasi sei anni di detenzione per una serie di condanne per traffico di stupefacenti e sfruttamento della prostituzione. La Squadra Volanti della Questura di Forlì ha arrestato un 41enne romeno, senza fissa dimora. Da circa quattro anni in Romagna proveniente da Milano, dove era stato condannato a due anni e otto mesi di reclusione per traffico di stupefacenti, lo straniero a Forlì si era unito ad alcuni famigliari prendendo in affitto un appartamento. L'immobile, però, era in realtà la sede di un vasto giro di prostituzione, con al lavoro due ragazze romene. Una sarebbe la fidanzata del 41enne. Scoperta dalla Polizia la casa d'appuntamenti, il tribunale di Forlì a condannato l'uomo a quattro anni di carcere. Divenuta definitiva quest'ultima condanna, il romeno è stato arrestato per un cumulo di pena, detratto quanto già scontato in custodia cautelare, di cinque anni e quattro mesi di carcere.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi