Teleromagna » 27 febbraio 2019

Daily Archives: 27 febbraio 2019

CARTELLINO GIALLO 25/02/2019

Petto o mano? Petto o ala? Petto o coscia?  Una puntata DE-VA-STA-NTE! Cartellino Giallo, il format satirico sul calcio più irriverente della TV, ti aspetta per una serata ricca di divertimento, polemiche, sfottò, gag beffarde e diatribe deliranti in compagnia dei suoi bomber Luca MastrangeloGaddo Gaddoni e Stefano Ravaglia, tenuti a bada (con l'aiuto del VAR) dal nostro direttore di gara Riccardo Girardi!

GUEST STAR della serata, il presidente del "Bologna Club Romagna Rossoblu" Paolo Graziani!

Naturalmente non mancheranno le ultimissime "INTERVISTE IMPOSSIBILI" di Luca Mastrangelo!

RIMINI: Caso Sarti, l’ex fidanzato pronto a vendicarsi “Preparate i popcorn” | VIDEO

RIMINI: Caso Sarti, l’ex fidanzato pronto a vendicarsi “Preparate i popcorn” | VIDEO “Preparate i popcorn” Scrive così Bogdan Tibusche sulla sua pagina Facebook in merito alla decisione della procura di archiviare l’inchiesta a suo carico nata dalla denuncia della deputata grillina Giulia Sarti, che l’aveva accusato di essersi intascato i rimborsi del M5s. 23 mila euro che la Sarti avrebbe dovuto versare nei famosi fondi per il microcredito e che invece non sono mai arrivati. “Bogdan li aveva sottratti a mia insaputa” Questa in sintesi l’accusa che la Sarti aveva rivolto al suo ex collaboratore e fidanzato per togliersi dall’impiccio e invece, secondo la procura di Rimini l’onorevole non fu né derubata né raggirata. Anzi, dalle indagini risulterebbe che furono proprio i dirigenti 5 stelle a consigliare la Sarti di denunciare il suo ex per salvarsi la faccia. Questo il motivo per cui la deputata, appena capito che aria tirava, si è autosospesa da presidente della commissione Giustizia della Camera. “Non finisce qui però” ha risposto Bogdan Tibusche il quale, per oltre un anno, ha subito, spiega il suo avvocato “Un attacco senza precedenti sui mezzi di informazioni e sui social” per delle accuse che si sono poi rivelate totalmente false. “Valuteremo – continua il legale – se presentare una denuncia penale per calunnia o concentrarci direttamente su un’azione di risarcimento civile” Insomma si chiude un processo e, probabilmente, se ne aprirà un altro. Quello ai danni della Sarti che, un anno fa proprio a ridosso delle elezioni, aveva salvato il posto scaricando le colpe sul fidanzato e che, adesso, potrebbe essere chiamata a pagare il conto in tribunale.

EMILIA-ROMAGNA: Approvata la nuova legge sui tirocini, stretta sugli abusi | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Approvata la nuova legge sui tirocini, stretta sugli abusi | VIDEO “No agli abusi, il tirocinio non è e non deve essere un rapporto di lavoro”. Questo è il messaggio arrivato dall’Assemblea regionale emiliano-romagnola, in seguito all’approvazione della nuova legge che regolamenta i tirocini. Il provvedimento introduce delle novità importanti in materia ed entrerà in vigore a partire dal 1 luglio 2019. “I tirocini sono un momento fondamentale per promuovere l’acquisizione di competenze delle persone e accompagnarle al lavoro”, ha detto Patrizio Bianchi, assessore alla Formazione e al Lavoro. Andando nello specifico, la nuova normativa parifica i tirocini formativi e quelli di inserimento al lavoro. Per entrambe le tipologie, il rapporto di tirocinio non potrà superare i 6 mesi di durata. Altra novità è l’istituzione di un sistema di autorizzazione preventiva e tempestiva, la quale dovrà essere rilasciata dall’Agenzia per il Lavoro entro 10 giorni dal recepimento della documentazione di tirocinio. In più, sul fronte della tutela dagli abusi, viene introdotto il divieto di sostituire il personale aziendale in malattia, maternità, ferie o sciopero con i tirocinanti. Tra le altre novità contenute nella legge, c’è l’introduzione di un limite al numero dei tirocinanti che possono essere seguiti contemporaneamente, nonché l’interdizione dalla somministrazione di tirocini per i soggetti che commettono abusi.  

BOLOGNA: Intossicata dal monossido, 17enne in ospedale

BOLOGNA: Intossicata dal monossido, 17enne in ospedale Intossicata dal monossido di carbonio. Questo è quanto accaduto nella serata di mercoledì ad una 17enne marocchina del Bolognese in seguito ad una fuga di gas. Ad accorgersi del fattoè stato il marito della donna, un marocchino di 33 anni. Rientrando a casa, l’uomo ha trovato la moglie accasciata al suolo, in pieno stato confusionale. La donna è stata portata dai sanitari del 118 all’ospedale Maggiore di Bologna. Dai primi accertamenti, pare che la fuga di gas si sia propagata da una caldaia presente all’interno dell’abitazione e sottoposta a manutenzione nella mattinata. Il macchinario è stato posto sotto sequestro dai carabinieri intervenuti sul posto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi