Teleromagna » 1 aprile 2019

Daily Archives: 1 aprile 2019

ROMAGNA: Concessioni demaniali, Centinaio “Aumentiamo i canoni d’affitto” | VIDEO

ROMAGNA: Concessioni demaniali, Centinaio “Aumentiamo i canoni d’affitto” | VIDEO Bastano meno di 500 euro per un chiosco in spiaggia. E’ quanto emerso da una ricerca sui canoni demaniali degli stabilimenti balneari anche se il ministro Centinaio ha assicurato che la prossima legge di bilancio porterà una serie di aumenti per le concessioni. La proroga delle concessioni balneari prima, l’aumento dei canoni demaniali poi. Questa l’agenda del ministro delle politiche agricole Gian Marco Centinaio che pochi giorni fa, intervistato da La7, ha stilato un programma ben preciso su cosa ha intenzione di fare il governo con il tema degli stabilimenti balneari. Una polemica che era nata qualche settimana fa, quando qualcuno aveva fatto due conti, scoprendo che bagni e chioschi in spiaggia pagano allo stato un affitto irrisorio se paragonato con gli incassi che portano a casa alla fine della stagione. 15 miliardi è, infatti, il giro d’affari delle nostre spiagge, contro gli appena 103 milioni che incassa lo stato che, dagli stabilimenti, pretende un canone di affitto medio che si aggira sui 6mila euro al chilometro quadrato. In mezzo a questo ci sono anche casi estremi, come alcuni chioschi che arrivano a pagare meno di 500 euro all’anno o stabilimenti che pagano meno di 6mila euro per occupare 4 chilometri di spiaggia. Non è stato possibile inserire gli aumenti dei canoni nella prima legge di bilancio – ha detto Centinaio – che ha spiegato come il governo si sia concentrato principalmente sul rinvio della Bolkenstain, la normativa europea che prevede la ridiscussione di tutte le concessioni demaniali e che è stata rinviata di 15 anni. Un’infrazione che, probabilmente costerà all’Italia una multa salata. Tradotto: tutti i cittadini italiani pagheranno per permettere ad alcuni di continuare a guadagnare milioni con le spiagge.  Questo uno dei motivi per cui il ministro si è affrettato a garantire che gli aumenti dei canoni saranno già inseriti nella prossima legge di bilancio e che c’è già l’accordo con i balneari “Una misura necessaria – spiega – al pari della proroga sulla Bolkenstein”

ROMAGNA: Lavoro femminile, 32,6% in meno di guadagno rispetto ai colleghi maschi | VIDEO

ROMAGNA: Lavoro femminile, 32,6% in meno di guadagno rispetto ai colleghi maschi | VIDEO La loro partecipazione nel mondo del lavoro è in costante aumento, ma le donne continuano a guadagnare di meno rispetto ai loro colleghi maschi. In Italia, per esempio, l’occupazione è cresciuta dell’1,4% con il lavoro femminile in aumento del 3%. Non raggiunge gli stessi numeri l’Emilia-Romagna che, nell’ultimo decennio, sempre per quanto riguarda il lavoro femminile, ha visto un aumento del 2,6%. Andando più nel dettaglio, nella provincia di Forlì-Cesena, il numero è ancora più basso ossia +2,1%. Dall’altro lato, purtroppo, rimane il problema dei compensi.  Nonostante le donne siano mediamente più istruite, 12% di laureate in più  rispetto agli uomini,  la differenza di retribuzione media annua in regione è del 32,6%. Nella Provincia di Forlì-Cesena il dislivello è superiore, attestandosi al 33%. Nella fascia 25-49 anni, il divario aumenta del 18,1% fra donne con figli che lavorano rispetto alle donne senza figli. Non va inoltre dimenticato tutto il lavoro che le donne svolgono all’interno della famiglia tra cura dei figli, della casa e degli anziani. Nonostante la Regione Emilia-Romagna registri buoni livelli per i servizi di cura offerti, il numero di lavoratrici che potrebbero essere inserite nel mondo del lavoro è ancora ampio. La mancata partecipazione al mondo del lavoro delle donne è del 13,7% contro l’8,9% degli uomini. Insomma un quadro per niente roseo che richiede ancora molto lavoro, non solo da parte del mondo politico, ma anche e soprattutto a livello culturale.

EMILIA-ROMAGNA: Stop a misure antismog, arrivano più incentivi per rottamare | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Stop a misure antismog, arrivano più incentivi per rottamare | VIDEO Con la giornata di domenica 31 marzo sono terminati i provvedimenti che hanno posto limiti alla circolazione, per i veicoli più inquinanti, in numerose città dell’Emilia-Romagna. Le misure avevano preso il via il primo ottobre 2018 nel contesto del “Piano aria integrato regionale”. I mezzi obbligati a stare fermi nella fascia 8.30-18.30 dal lunedì al venerdì ora potranno circolare normalmente. Tra le città più inquinate si segnala Ferrara, che ha registrato il maggior numero di sforamenti dei livelli di polveri sottili, seguono Piacenza e Modena. È da sottolineare come la sospensione sia temporanea, il Pair prevede nuove restrizioni sulla circolazione a partire dal mese di ottobre 2020. A quel punto sarà inserito anche lo stop ai diesel euro4 che, in caso di misure emergenziali si estenderà anche agli euro5. Se da un lato si assiste pausa di questi provvedimenti   per oltre un anno dall’altro vanno evidenziati gli aumenti degli incentivi per rottamare la propria auto. Dalla Regione EcoBonus fino a 3.000 euro per chi passa a elettrico, ibrido, metano o gpl. A questo si aggiungerà poi uno sconto minimo del 15% dai concessionari aderenti.

RIMINI: Gruppo Facebook segnala i posti di blocco evocando i cartoni animati

RIMINI: Gruppo Facebook segnala i posti di blocco evocando i cartoni animati Sono più di diecimila e ogni giorno pubblicano segnalazioni per avvertire gli automobilisti della presenza sulle strade delle pattuglie delle Forze dell'ordine. Si tratta di un gruppo Facebook segreto, la pagina "Animali fantastici e dove trovarli – Rimini e dintorni", come riportano le pagine riminesi de Il Resto del Carlino. La community viene informata dagli altri utenti del social sulle varie postazioni di carabinieri, vigili urbani e polizia. Un gruppo ovviamente segreto e al quale si può accedere soltanto se invitati da altri iscritti, visto che come noto si può  incorrere in guai giudiziari e denunce. Per le segnalazioni gli utenti della pagina usano nomi fittizi, spesso provenienti da cartoni animati o film.

BOLOGNA: Il piccolo eroe Adam all’assemblea Ucoii | VIDEO

BOLOGNA: Il piccolo eroe Adam all'assemblea Ucoii | VIDEO Adam El Hamami, uno dei due ragazzini eroi del bus sequestrato e incendiato di San Donato Milanese, è arrivato a Bologna per partecipare  insieme al padre all'assemblea generale dell'Unione delle Comunità Islamiche d'Italia. Adam, uno dei bimbi eroi che hanno sventato il sequestro del bus di San Donato chiamando i carabinieri, ha pensato ai suoi compagni, quel giorno come come oggi, ricordando che tutti hanno fatto la propria parte per salvarsi. Da grande vuole fare il Carabiniere e proprio l’incontro con i militari dell’Arma che con un blitz hanno tratto lui e i suoi compagni, lo ha inorgoglito. Adam insieme al suo papà ha partecipato a Bologna all’Assemblea Generale dell’Unione delle Comunità Islamiche d’Italia accolti dal presidente dell’Ucoii Yassine Lafram. Adam e Ramy, l’altro ragazzino che ha telefonato ai Carabinieri dal bus sotto sequestro, riceveranno la cittadinanza italiana, dopo che la loro vicenda ha riaperto il dibattito politico sullo Ius Soli.  Adam è nato a Crema. “Ci sentiamo già italiani” dice il suo papà che è in Italia dal 1999. Dopo la grande paura, Adam è pronto a guardare al futuro.    

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi