Teleromagna » 12 giugno 2019

Daily Archives: 12 giugno 2019

EMILIA-ROMAGNA: Maturità, studenti preoccupati dalla nuova prova

EMILIA-ROMAGNA: Maturità, studenti preoccupati dalla nuova prova Manca una settimana all'avvio degli esami di maturità 2019. Tanti studenti sono preoccupati dalla nuova modalità di svolgimento degli esami.    Sarà mercoledì 19 giugno che i maturandi 2019 affronteranno la prima prova d'esame: quella di italiano. Ma mai come quest'anno l'ansia sembra prevalere tra gli studenti che per la prima volta dovranno sostenerla con le novità decise di recente dal ministero dell'istruzione. Per il primo test, si potrà scegliere tra 7 tracce, due per l'analisi del testo, tre per quello argomentativo e due per la riflessione critica di attualità. Nervi tesi però per la seconda prova del 20 giugno che riguarderà una o più discipline caratterizzanti il percorso di studi: matematica per lo scientifico, latino e greco per il classico, prima e terza lingua straniera per il linguistico. Si passerà poi all'esame orale dove sparisce la storica tesina. Circa il 59% dei giovanissimi, secondo una recente indagine, si è detto spaesato da quest'ultima novità, dichiarando difficoltà nel redigere la relazione del percorso scuola-lavoro svolto durante l'anno. Internet si conferma sfogo di ansie e timori dei nuovi maturandi: esplodono in queste ore forum e gruppi di whatsapp dove ci si scambia informazioni o ci si passa appunti e riassunti degli argomenti papabili all'esame. Anche Youtube sta dando una mano: boom di visualizzazioni per i filmati riassuntivi di argomenti papabili all'esame. Anche per questo durante lo svolgimento delle prove sarà guerra agli smartphone: si profilano massime misure di sicurezza affinché gli studenti non possano copiare. Nonostante questo, secondo skuola.net ben 8 studenti su 10 proverà a farsi dare un aiutino dall'esterno, organizzandosi a farsi dare una "mano" in caso di difficoltà.

EMILIA-ROMAGNA: Maturità, studenti preoccupati dalla nuova prova

EMILIA-ROMAGNA: Maturità, studenti preoccupati dalla nuova prova Manca una settimana all'avvio degli esami di maturità 2019. Tanti studenti sono preoccupati dalla nuova modalità di svolgimento degli esami.    Sarà mercoledì 19 giugno che i maturandi 2019 affronteranno la prima prova d'esame: quella di italiano. Ma mai come quest'anno l'ansia sembra prevalere tra gli studenti che per la prima volta dovranno sostenerla con le novità decise di recente dal ministero dell'istruzione. Per il primo test, si potrà scegliere tra 7 tracce, due per l'analisi del testo, tre per quello argomentativo e due per la riflessione critica di attualità. Nervi tesi però per la seconda prova del 20 giugno che riguarderà una o più discipline caratterizzanti il percorso di studi: matematica per lo scientifico, latino e greco per il classico, prima e terza lingua straniera per il linguistico. Si passerà poi all'esame orale dove sparisce la storica tesina. Circa il 59% dei giovanissimi, secondo una recente indagine, si è detto spaesato da quest'ultima novità, dichiarando difficoltà nel redigere la relazione del percorso scuola-lavoro svolto durante l'anno. Internet si conferma sfogo di ansie e timori dei nuovi maturandi: esplodono in queste ore forum e gruppi di whatsapp dove ci si scambia informazioni o ci si passa appunti e riassunti degli argomenti papabili all'esame. Anche Youtube sta dando una mano: boom di visualizzazioni per i filmati riassuntivi di argomenti papabili all'esame. Anche per questo durante lo svolgimento delle prove sarà guerra agli smartphone: si profilano massime misure di sicurezza affinché gli studenti non possano copiare. Nonostante questo, secondo skuola.net ben 8 studenti su 10 proverà a farsi dare un aiutino dall'esterno, organizzandosi a farsi dare una "mano" in caso di difficoltà.

RIMINI: Discarica in mare, scoperta e rimossa dalle Fiamme Gialle | FOTO

RIMINI: Discarica in mare, scoperta e rimossa dalle Fiamme Gialle | FOTO I sommozzatori delle Fiamme Gialle della Stazione Navale di Rimini hanno scoperto una vera e propria discarica sommersa di rifiuti di vario tipo a Viserba. In particolare sono stati trovati e recuperati dei termosifoni in ghisa, pneumatici esausti, griglie metalliche, spezzoni di reti ed ancorotti da pesca, buste di plastica e lattine, presenti sul fondale marino ormai da tempo. I sommozzatori hanno recuperato il materiale, utilizzando il pallone di sollevamento in dotazione, per portare a galla i pesanti termosifoni in ghisa e tutti i rifiuti trasportati a terra sono stati conferiti a un operatore ecologico per l’avviamento allo smaltimento.

RAVENNA: Rissa in Darsena, giovane accoltellato | FOTO

RAVENNA: Rissa in Darsena, giovane accoltellato | FOTO Un 29enne tunisino è stato ricoverato in ospedale in gravi condizioni dopo essere stato accoltellato a una gamba. E’ successo martedì sera a Ravenna, nella zona della Darsena, proprio a due passi dalla sede della Polizia Municipale. Secondo le prime ricostruzioni, sul posto è nata una rissa tra un gruppo di nord- africani, al culmine della quale uno di questo ha tirato fuori un coltello con una lama molto lunga colpendo la vittima alla coscia. L’allarme è stata lanciato da un gruppo di giovani di passaggio. Il 29enne è stato quindi portato d’urgenza all’ospedale Santa Maria delle Croci dove è stato sottoposto ad intervento chirurgico. Contemporaneamente sono scattate le ricerche da parte delle forze dell’ordine che,tuttavia, per il momento hanno dato esito negativo.

RAVENNA: Picchiava moglie e figlio disabile, 40enne finisce in carcere

RAVENNA: Picchiava moglie e figlio disabile, 40enne finisce in carcere Custodia cautelare per il 40enne moldavo residente nel Ravennate accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali continuate. La misura è stata disposta dalla Polizia locale di Ravenna dopo che gli inquirenti hanno accertato che avrebbe ripetute volte usato violenza su moglie e figlio disabile. In un’occasione il 40enne a seguito di una lita furibonda con la moglie l’avrebbe picchiata davanti ai figli, lasciata fuori casa e raccontato in famiglia che la donna di notte andava a prostituirsi. Lo scorso dicembre, inoltre anche il figlio disabile sarebbe stato picchiato. Ogni volta che la moglie cercava di ribellarsi, il marito la minacciava dicendole che se avesse chiesto il divorzio sarebbe fuggito in Moldavia con i figli dando fuoco alla loro casa. L'uomo, su richiesta del Gip del Tribunale di Ravenna, nei giorni scorsi è stato condotto in carcere.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi