Teleromagna » 30 luglio 2019

Daily Archives: 30 luglio 2019

RIMINI: Si lancia dalla ruota panoramica e muore sul colpo

RIMINI: Si lancia dalla ruota panoramica e muore sul colpo È arrivato nel punto più alto della giostra posizionata sul porto di Rimini e si è buttato giù dalla cabina, morendo sul colpo dopo l’impatto a terra. Il fatto è avvenuto attorno alla mezzanotte quando piazzale Boscovich, dove si trova la ruota panoramica, era ancora popolato di gente. Secondo la prima ricostruzione è quasi certo che si sia trattato di un gesto estremo e il protagonista sarebbe un giovane del posto. C’erano ancora turisti a riempire le altre cabine dell’attrazione. A 55 metri la vista sul mare e sulle colline è mozzafiato, ma molti di loro hanno dovuto assistere alla scena più brutta della loro vita. Un giovane a un certo punto decide di spogliarsi, riesce ad aprire la porta della cabina, fa un passo e precipita di sotto. Nel volo urta i bracci della struttura prima di finire a terra. Inutile la corsa dell’ambulanza. Sul posto è arrivata anche la polizia Scientifica per indagare sulle dinamiche dell’accaduto che solleverà ora quesiti sulla sicurezza delle cabine. Nella notte sono stati chiamati anche i familiari della vittima per il riconoscimento del corpo. Scene strazianti là dove di regola dovrebbe avere luogo soltanto il divertimento. (Seguono aggiornamenti. Video Migliorini)

FORLI’: Acquisto del Comune dei padiglioni della fiera, la Gdf indaga

FORLI’: Acquisto del Comune dei padiglioni della fiera, la Gdf indaga Dopo l’annuncio di un possibile mancato accordo con la Fiera di Parma, la fiera di Forlì torna sotto i riflettori. Questa volta si tratta di un indagine della Guardia di Finanza sull’acquisto, da parte del Comune, dei padiglioni della struttura, operazione deliberata nell’ottobre 2018 dal consiglio comunale, per un importo di 1,7 milioni di euro .Una decina di giorni fa, infatti, le Fiamme Gialle sono entrate in Comune per sequestrare i documenti relativi a questa operazione. Lunedì pomeriggio durante il consiglio comunale, rispondendo a un “question time” del segretario territoriale del Pd, Valentina Ancarani, l’assessore al Bilancio del Comune, Vittorio Cicognani, lo ha annunciato. Sul tema, il Movimento 5 Stelle, ha presentato in passato un paio di esposti, uno in Procura, l’altro alla Corte dei Conti. I pentastellati  contestavano l’aiuto concesso da parte dell’Amministrazione che in tal modo si accollava finanziamenti ipotecari. Citando le parole dei consiglieri Vergini e Benini si tratterebbe di un "mero provvedimento mirato ad impedire il crack dell’ente fieristico attraverso l’estinzione del mutuo, guarda caso proprio di 1,7 milioni, che la stessa Fiera aveva acceso con Cassa dei Risparmi di Forlì, da poco fusa in Intesa Sanpaolo, peraltro socio dello stesso Ente Fiera" . Anche il futuro della Fiera di Forlì è finita sotto il mirino. L’assessore Cicognani ha anche annunciato, durante il Consiglio, un imminente incontro in Camera di Commercio tra i soci, cercando di capire come le Fiere di Parma e Rimini possano garantire un futuro alla fiera forlivese con un loro coinvolgimento diretto.  

IMOLA: Festa dell’Unità, per il Comune il Pd nel 2017 ha pagato troppo poco

 IMOLA: Festa dell’Unità, per il Comune il Pd nel 2017 ha pagato troppo poco La tariffa pagata dal Pd per l’occupazione del suolo pubblico in occasione della Festa dell’Unità del 2017 nell’area Pirandello a Imola finisce nel mirino dell’amministrazione comunale pentastellata che dal giugno dello scorso anno è alla guida della città. La convinzione del Comune è che il Pd abbia pagato troppo poco e che la tariffa sia stata calcolata prendendo come riferimento non i 22 mila metri quadrati dell’area completa ma solo i circa 4000 metri quadrati della parte coperta. Per questo motivo, spiega una nota dell’amministrazione comunale, è stata avviata un’indagine anche sulla base delle segnalazioni pervenute, accompagnate da una corposa documentazione fotografica e video. Il Comune ha fatto sapere che ha "intenzione di riscuotere integralmente gli oneri Cosap, calcolati sulla base della reale area occupata durante e dopo lo svolgimento della manifestazione, nel rispetto di ogni singolo cittadino contribuente e nel rispetto di ogni singolo organizzatore di eventi" e ha dato mandato agli uffici di valutare ogni azione utile "al conseguimento di quanto effettivamente dovuto". Una questione che torna a puntare i riflettori sulla Festa dell’Unità del 2017 dove a far discutere è stata anche la vicenda del vicenda del mancato pagamento, da parte del Partito Democratico, degli oneri relativi ai servizi sanitari e dei presidi svolti dalla Ausl imolese all’interno dell’area della kermesse.

RIMINI: Oggetti rubati al Cocoricò, venduti sul web come memorabilia

RIMINI: Oggetti rubati al Cocoricò, venduti sul web come memorabilia Il Cocoricò depredato e gli oggetti rubati venduti sulla rete come memorabilia: è il destino della discoteca riccionese simbolo delle notti trasgressive degli anni '90 e chiusa da tempo, da prima che la società di gestione fosse dichiarata fallita il 4 giugno dal Tribunale di Rimini, che ha accolto una richiesta dell'Agenzia delle Entrate per una cifra di oltre 800mila euro. In pista, riportano i media locali, c'è spazio solo per vandali e ladri: arredi e impianti danneggiati, vetrate del locale in frantumi. Non solo bravate, ma anche furti 'mirati': pezzi del locale, oggetti, fotografie e altro, che vengono poi rivenduti sul web come 'cimeli' al miglior offerente.  

RIMINI: Oggetti rubati al Cocoricò, venduti sul web come memorabilia

RIMINI: Oggetti rubati al Cocoricò, venduti sul web come memorabilia Il Cocoricò depredato e gli oggetti rubati venduti sulla rete come memorabilia: è il destino della discoteca riccionese simbolo delle notti trasgressive degli anni '90 e chiusa da tempo, da prima che la società di gestione fosse dichiarata fallita il 4 giugno dal Tribunale di Rimini, che ha accolto una richiesta dell'Agenzia delle Entrate per una cifra di oltre 800mila euro. In pista, riportano i media locali, c'è spazio solo per vandali e ladri: arredi e impianti danneggiati, vetrate del locale in frantumi. Non solo bravate, ma anche furti 'mirati': pezzi del locale, oggetti, fotografie e altro, che vengono poi rivenduti sul web come 'cimeli' al miglior offerente.  

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi