Teleromagna » 22 settembre 2019

Daily Archives: 22 settembre 2019

CESENA: Furgone si ribalta in un fossato della A14, 63enne grave

CESENA: Furgone si ribalta in un fossato della A14, 63enne grave Incidente sul tratto cesenate dell'autostrada A14, all'altezza del chilometro 106 in direzione nord. Intorno alle 9 un 63enne al volante di un furgone è uscito di strada, ribaltandosi e finendo in un piccolo fossato. Sul posto gli uomini della Polizia Stradale e i Vigili del Fuoco che hanno liberato il guidatore dalle lamiere poi preso in consegna dai sanitari del 118 intervenuti con un'ambulanza e l'elicottero giunto da Ravenna. Il 63enne è stato condotto all'Ospedale 'Bufalini' di Cesena in codice 3, ossia di massima gravità.

RAVENNA: Espulso un 21enne, fratello di un foreign fighter, la Lega “grave problema”

RAVENNA: Espulso un 21enne, fratello di un foreign fighter, la Lega "grave problema" Espulsione, a Ravenna, per un cittadino tunisino 22enne, fratello di un 'foreign fighter' e con un viaggio sospetto in Siria avvenuto negli scorsi anni. Nel dettaglio – così riporta la stampa locale ravennate – è stato però, espulso per avere ignorato l'ordine di abbandonare il territorio nazionale che, nel gennaio del 2018 il questore di Agrigento gli aveva notificato divenendo così clandestino. Il 22enne – accompagnamento al centro romano di permanenza per rimpatri di Ponte Galeria – è stato rintracciato mercoledì scorso a Ravenna. Tra i timori quello che l'uomo, ospite di connazionali, potesse permettere l'arrivo nella città romagnola del fratello. In base agli accertamenti condotti dalla Polizia, osservano i quotidiani di Ravenna, il giovane era stato considerato un 'soggetto pericoloso' dalle autorità tunisine dopo un suo viaggio in Siria per poi fare ingresso in Italia, nel 2017, a Lampedusa. Sulla vicenda si è espresso, in una nota, il deputato della Lega e segretario della Lega Romagna, Jacopo Morrone, secondo cui "è evidente che sono la politica dei porti aperti e dell'immigrazionismo selvaggio e senza controlli". A giudizio dell'esponente del Carroccio, "le politiche immigratorie del Pd, sposate dal nuovo governo giallorossofucsia, sono un grave problema per l'ordine pubblico in Italia, perché consentono la violazione delle leggi vigenti in materia di sicurezza dello Stato e dell'immigrazione. Non sono – conclude –  il buonismo o l'umanitarismo a muovere queste politiche, ma l'affarismo e l'irresponsabilità nei confronti del Paese".

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, Bonaccini, “Con Bignami ottimo rapporto” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, Bonaccini, "Con Bignami ottimo rapporto" | VIDEO La sfida per le elezioni regionali entra piano piano nel vivo in Emilia-Romagna. Stefano Bonaccini, presidente uscente dell'Emilia-Romagna, appare rassicurato dopo il recente sondaggio che lo ha visto, con un 48%, in netto vantaggio sulla sua potenziale competitor leghista Lucia Borgonzoni, ammesso che non ritiri la sua candidatura come paventato. Il nodo centrale però è se ci sarà o meno l'alleanza coi 5 stelle. “Non c'è nulla", mi pare che oggi siano molto concentrati quello che accadrà in Umbria. Mi pare che la piattaforma Rousseau abbia dato il via libera a cercare un'alleanza con un candidato civico. Io ho sempre detto che le alleanze si fanno sui programmi non a tavolino e, soprattutto, non per battere gli avversari e basta, perché si rivelerebbero ben poca cosa alla prova del governo non tanto del voto”. Hd detto Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna, parlando a margine della cena di partito a Misano Adriatico del tema alleanza tra Pd e 5s. “Ma credo – aggiunge – che sarebbe giusto, utile, persino naturale con un Governo nazionale che è partito, quanto meno andare a verificare se ci possono essere eventuali convergenze. Io credo che ci uniscano molte più cose di quelle che pensiamo. Per altro in diverse occasioni il Movimento 5 Stelle ha votato con la maggioranza persino diverse delibere importanti della Giunta come la prima che proposi, il taglio di 15 milioni di euro ai costi della politica a inizio legislatura oppure l'ultima, importante, quella sull'avanzamento dei diritti per le persone omosessuali. Io credo – aggiunge – che l'unica cosa che si possa fare, se si vuole provare a dialogare, sia mettersi a sedere e provare a guardare ai programmi. Altrimenti – conclude – si può rimanere tranquillamente avversari e amici come prima, ma da avversari come siamo stati in questi anni, vedremo…” Ma quasi inaspettatamente, Bonaccini lancia un assist a Galeazzo Bignami, ex parlamentare berlusconiano ora con Fratelli d'Italia su cui Giorgia Meloni spinge come candidato alle regionali. “Lucia Borgonzoni la conosco veramente poco – dice il presidente dell'Emilia-Romagna  – conosco invece abbastanza bene Galeazzo Bignami con cui abbiamo avuto una ottima collaborazione pur nel contrasto su tante politiche, parlavo di collaborazione istituzionale, persona con cui c’è sempre stato un ottimo rapporto di grande correttezza e rispetto reciproco pur militando su due posizioni proprio opposte”.  Infine la data del voto sulle regionali. “Lunedì (23 settembre, ndr) incontriamo il presidente della Corte d’Appello che è quello che insieme a me per legge deve decidere. Valuteremo lì e decideremo il da farsi”. Sarà “tra fine novembre e fine gennaio, non si scappa”, aggiunge. “Vedo tanta agitazione nella destra, non cambia nulla se sarà qualche settimana prima o dopo. La data temporale è stabilita dalle regole e noi le regole le rispettiamo”. “Ai sondaggi – conclude Stefano Bonaccini parlando a margine di un evento a Misano Adriatico dell’ultimo rilevamento che lo vede in vantaggio – ci credo zero, lasciano il tempo che trovano. Contano i voti nelle urne, quante volte abbiamo visto sondaggi che sembravano positivi rivelarsi sbagliati o sondaggi negativi che sono stati ribaltati dal voto?”.

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, c’è un sondaggio, Bonaccini primeggia col 48% | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, c'è un sondaggio, Bonaccini primeggia col 48% | VIDEO In attesa di conoscere la data del voto, in ambienti di centrosinistra gira da qualche giorno un sondaggio che vedrebbe Stefano Bonaccini avanti sulla sfidante Lucia Borgonzoni, mentre sarebbe testa a testa tra le due coalizioni.   17 punti percentuali. Sarebbe questa la forbice, decisamente consistente, che separerebbe Stefano Bonaccini a Lucia Borgonzoni, i due candidati alla presidenza della Regione. A dirlo è un sondaggio commissionato dal Pd emiliano romagnolo che sta girando in questi giorni nel centrosinistra. La rilevazione vedrebbe intanto la conferma di una buona reputazione dell’amministrazione regionale uscente, nei confronti della quale il 70% degli interpellati avrebbe espresso un giudizio positivo. Cambia l’opinione guardando alle coalizioni, dove il Pd vedrebbe un leggerisismo vantaggio: il 44,5% degli intervistati sceglierebbe infatti il centrosinistra, mentre il 43,6% opterebbe per il centrodestra, Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. Il Movimento 5 stelle invece è dato all’8,5%. Il distacco tra il centrosinistra e il centrodestra, appena 0,9%, non è tale da fare dormire sonni tranquilli ai democratici. Decisamente più incoraggiante per i dem il gradimento tra i candidati governatore. Qui l’uscente Stefano Bonaccini godrebbe addirittura di un 48% dei consensi, mentre Lucia Borgonzoni, la scelta annunciata dalla Lega, arrancherebbe al 31%. Solo il 6,5% voterebbe un candidato dei 5 stelle, ancora anonimo per il fatto di non essere stato scelto. Addirittura il 13% degli interpellati, invece, vorrebbe un altro candidato rispetto a quelli proposti: segno evidente che l’attuale offerta non accontenta tutti, dando così ragione alla leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni che, per riuscire nell’impresa di strappare la presidenza di viale Aldo Moro alla sinistra, vorrebbe Galeazzo Bignami e non la senatrice leghista, che Meloni ritiene debole. Se il centrodestra è nel pieno della discussione sul candidato, il centrosinistra nelle prossime settimane dovrà lavorare alle liste e a una eventuale alleanza con il Movimento cinque Stelle. A intervenire in merito è stato Luigi di Maio: “Ogni regione e' una storia a sé – ha assicurato il leader grillino -. Iniziamo dall'Umbria. Poi valuteremo, insieme, il resto”

Zingaretti a Misano per dare sprint a Bonaccini, “Con M5s ottimo clima di confronto”

Zingaretti a Misano per dare sprint a Bonaccini, "Con M5s ottimo clima di confronto" Tanti ieri sera a Misano Adriatico per la cena di raccolta fondi del Partito Democratico. Ecco cosa ha detto Nicola Zingaretti, presente all'evento, ai nostri microfoni. “Le persone sono sagge e hanno visto che cosa accade quando governa la destra. Tante parole, tante promesse, tanti slogan, tanti comizi ma pochi fatti”. Lo sostiene il segretario dem Nicola Zingaretti commentando il recente sondaggio che in Emilia – Romagna vede il presidente uscente Bonaccini in vantaggio. “Qua c’è un presidente, una squadra, una comunità larga, una comunità dell’Emilia-Romagna operosa, pilastro dell’economia italiana che giustamente vuole difendersi e vuole pensare al futuro con serenità. Non mi sorprendono questi buoni giudizi, su Stefano e sulla voglia di futuro dei cittadini dell’Emilia-Romagna”, aggiunge. A margine della cena del Pd a Misano Adriatico, nel Riminese, Nicola Zingaretti tocca anche il tema dell’alleanza in Umbria con il Movimento 5 Stelle. “C'è un ottimo clima di confronto, quindi sono fiducioso che alla fine da questa volontà di trovare soluzioni, la soluzione si troverà"​, sostiene, toccando poi sul palco un altra questione chiave: la nascita di Italia Viva: “Matteo Renzi non sarà mai un avversario politico. Malgrado non l’ho mai votato nei congressi c’é un rapporto di grandissima stima. In questo passaggio politico ha commesso un errore”.  “Le correnti organizzate -aggiunge poi Zingaretti – sono una degenerazione della vita democratica di un partito. Nella mia vita non ho mai partecipato alla riunione di una corrente. A ottobre presenteremo la app del Pd, conterà come la tessera, si potrà votare e confrontarsi”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi