Teleromagna » 15 novembre 2019

Daily Archives: 15 novembre 2019

BOLOGNA: Salvini al Paladozza “Prima del voto vado in Piazza Maggiore” | VIDEO

BOLOGNA: Salvini al Paladozza “Prima del voto vado in Piazza Maggiore” | VIDEO Si è tenuto ieri sera al Paladozza di Bologna l’evento organizzato dalla Lega per la campagna elettorale di Lucia Borgonzoni. L’ospite d’onore era Matteo Salvini, vediamo come è andata. Sono circa le 10 di sera quanto Matteo Salvini fa il suo ingresso al Paladozza sulle note del “Nessun Dorma” con Pavarotti che intona il suo acuto vincerò in barba a ogni scaramanzia. Prima di lui avevano parlato i governatori delle regioni leghiste, da Fontana a Zaia. Poi è stata la volta di colei che vorrebbe fare il colpo grosso, strappando per la prima volta l’emilia-romagna al centro sinistra. Lucia Borgonzoni, la regina come la chiama Salvini, intervistata sul palco da Mario Giordano. La platea però si scalda davvero solo quando arriva lui, il capitano, che parla sul palco per circa mezzora. Cita Guareschi, Oriana Fallaci e Walt Disney e poi si lancia sul suo cavallo di battaglia, il voto in emilia-romagna come arma per far cadere il governo. 5500 gli spettatori al Paladozza, molti di più di fuori a contestare. E proprio a loro Salvini riserva un’ultima dedica. Promettendo una sorta di secondo round prima della data del voto, il fatidico 26 gennaio.

EMILIA-ROMAGNA: Si va verso il plastic-free, la Regione “un esempio per il governo” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Si va verso il plastic-free, la Regione "un esempio per il governo" | VIDEO Al via il piano, 'svolta ecologica, non tasse ma incentivi' Imprimere una "svolta vera" alla lotta all'inquinamento dalla plastica. Così la Regione Emilia-Romagna lancia il suo piano verso il 'plastic free': 15 azioni basate su tre pilastri – riconvertire, ridurre e ripulire – per ridurre drasticamente plastica monouso, passare a materiali alternativi ed ecocompatibili incentivando la riconversione aziendale, ripulire fiumi, mare e spiagge. Un piano ambizioso, approvato dalla Giunta nell'ultima seduta, e per il quale sono pronti da subito quasi due milioni di euro. "Fra un anno entra in vigore la direttiva europea sulla plastica – spiega il presidente Stefano Bonaccini presentando il piano in Regione – Dobbiamo tutti impegnarci per una svolta ecologica e ambientale. Su questi temi è in ritardo il mondo, guardiamo a cosa è accaduto ieri in termini di cambiamenti climatici nei disastri che hanno colpito Venezia, Matera e altre parti d'Italia". Il piano emiliano-romagnolo "non introduce un solo euro di tasse, ma va a mettere incentivi e risorse per buone pratiche, riconversioni delle filiere produttive". Un modo, aggiunge Bonaccini, per indicare anche al Governo la strada su questi temi, Governo da cui il governatore si "aspetta" modifiche sulla 'plastic tax' ipotizzata in manovra. "C'è bisogno di una svolta ecologica – afferma Bonaccini – ma contemporaneamente non vogliamo perdere un solo posto di lavoro, anzi con la green economy vogliamo crearne qualcuno di nuovo". Tra le azioni previste, si partirà dagli uffici regionali con la sostituzione progressiva di tutti i prodotti in plastica monouso: nelle mense, nei bar di ospedali, scuole, aziende, spiagge, stabilimenti balneari, sagre, eventi sportivi. Ci sono poi un progetto speciale di raccolta delle plastiche abbandonate e lo studio di incentivi per promuovere la vendita di prodotti 'alla spina' negli esercizi commerciali. Una cabina di regia avrà il compito di monitorare l'attuazione del piano e verificarne l'impatto su ambiente ed economia.

RAVENNA: Delitto Ballestri, per i giudici si è trattato di “femminicidio”

RAVENNA: Delitto Ballestri, per i giudici si è trattato di “femminicidio” Centosettantasette pagine in cui i giudici descrivono come lucido e crudele il piano di Matteo Cagnoni di uccidere la donna da cui si stava separando, Giulia Ballestri. Dopo la sentenza del 26 settembre scorso che ha condannato il medico ravennate all’ergastolo, i giudici della Corte d’Appello di Bologna hanno depositato le motivazioni della sentenza in cui compare il termine di “femminicidio”. Secondo i magistrati, Cagnoni è un uomo dalla personalità fortemente narcisistica con l’ambizione di apparire perfetto in società e che era “intimamente convinto di dominare e possedere la propria consorte” al punto di costringerla a lasciare il lavoro. Il medico, si legge tra le pagine, aveva esercitato su di lei “un enorme potere economico, culturale e caratteriale” e quando la moglie aveva deciso di lasciarlo, l’uomo non riusciva ad accettarlo. Un senso del “dominio” che per i giudici di secondo grado “può sfociare in feroce violenza e, nei casi estremi, nel femminicidio”. Un delitto eseguito in modo “efferato” e vissuto dal marito come “somma punizione” nei confronti della donna, dicono i magistrati, i quali hanno smontato la linea difensiva che puntava sul far riconoscere l’incapacità di intendere e di volere dell’imputato. Per i giudicanti, però, “non vi è ragione per dubitare della piena capacità” di Cagnoni “nel momento in cui pose in essere il fatto delittuoso”.

RAVENNA: Fatture false, nota azienda nei guai

RAVENNA: Fatture false, nota azienda nei guai La Guardia di Finanza di Ravenna ha sequestrato 800 mila euro in beni e disponibilità finanziarie a una nota azienda ravennate che opera nel settore delle riparazioni e manutenzioni delle apparecchiature elettriche. Secondo quanto emerso, attraverso società definite cartiere, aveva utilizzato fatture per operazioni ritenute inesistenti che le avevano procurato un vantaggio fiscale di circa mezzo milione di euro. Il legale rappresentante dell'azienda è stato segnalato alla Procura per il reato di utilizzo di fatture false e in concorso col fratello per sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

RIMINI: Arrivano contributi dalla Regione per aumentare voli europei sul Fellini

RIMINI: Arrivano contributi dalla Regione per aumentare voli europei sul Fellini Aumentare i voli dalle mete europee, come Francia, Germania e Scandinavia, sull’aeroporto Fellini di Rimini. Quattro milioni e 172 mila euro è il finanziamento di Apt Servizi, in accordo con Visit Romagna e messo a bando dalla Regione Emilia-Romagna, che mira ad incrementare i flussi turistici internazionali presso lo scalo riminese e fidelizzare quelli già presenti. Lufthansa e Ryanair sono le due principali compagnie operanti sul Fellini. L’ambizione è quella di aumentare le loro tratte e attrarre nuove compagnie. “Il turismo è il petrolio della nostra Regione”, ha detto il governatore Stefano Bonaccini a commento dell’iniziativa, sottolineando l’importanza di internazionalizzare. Lo stesso assessore regionale al Turismo, Andrea Corsini, ha ricordato che la strategia della Regione è quella di portare più turisti stranieri in Emilia-Romagna. Non aiuti pubblici, ma contributi alle compagnie aeree. Di questo si tratta e di questo si rallegra l’amministratore delegato di Airiminum, Leonardo Corbucci, secondo il quale la durata di quattro anni del contratto “fornisce uno strumento strategico nel periodo in cui saranno investiti 23 milioni di euro nelle infrastrutture”. Un progetto che la società di gestione dell’hub riminese presenterà ai primi di dicembre. Un anno che si sta chiudendo per il Fellini con quasi 400mila passeggeri, tutti provenienti da paesi stranieri, il 28 % in più dell’anno prima.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi