Teleromagna » 20 dicembre 2019

Daily Archives: 20 dicembre 2019

TG SERA del 20/12/2019

Il Telegiornale di Teleromagna da oltre quarant’anni è uno dei pilastri dell’informazione locale romagnola. Grazie alle varie redazioni e ai suoi corrispondenti, vi racconta quotidianamente tutte le vicende del territorio. Il Telegiornale va in onda alle 7 – 14 – 19 – 20.30 e all’una di notte.

BOLOGNA: Dichiarato il fallimento dell’azienda Bio-on

BOLOGNA: Dichiarato il fallimento dell'azienda Bio-on Il Tribunale di Bologna ha dichiarato il fallimento di Bio-on, nominando Giudice delegato Fabio Florini e Curatore fallimentare un collegio composto da Antonio Gaiani e da Luca Mandrioli, già Amministratore giudiziario. Con la medesima sentenza il Tribunale di Bologna ha altresì disposto la continuazione temporanea dell’attività economica d’impresa autorizzando l’esercizio provvisorio, al fine di preservare la continuità aziendale con l’obiettivo di evitare che venga dissolta l'organizzazione produttiva nelle sue componenti di occupazione, tecnologiche e di avviamento. Stante a tutt’oggi la mancata disponibilità da parte del sistema bancario a concedere nuova finanza sebbene assistita dalla garanzia della prededuzione, informa una nota dei curatori fallimentari, il pagamento delle retribuzioni dei lavoratori dipendenti di prossima scadenza potrà essere reso possibile solo a seguito dell’incasso dei crediti di futura esigibilità. Sarà compito della curatela fallimentare, chiude la nota, attivarsi quanto prima al fine di presentare la domanda di Intervento Straordinario di Integrazione Salariale per crisi aziendale.

FERRARA: Rapinarono e tentarono stupro, arrestati due minorenni

FERRARA: Rapinarono e tentarono stupro, arrestati due minorenni Hanno rapinato due quattordicenni e, in un secondo episodio, hanno tentato violenza a una ragazzina, anche lei di 14 anni. Per questo due ragazzi minorenni, di 16 e 15 anni, residenti nel Ferrarese, sono stati arrestati con l'accusa di rapina e violenza sessuale. Il provvedimento è stato eseguito giovedì dai carabinieri, a conclusione di un'indagine che ha richiesto tre mesi di lavoro agli inquirenti per risalire agli autori dei reati. La possibilità di reiterazione ha convinto il giudice ad allontanare i due dalle famiglie obbligandoli alla permanenza di una comunità per minori problematici. Il primo episodio risale a metà settembre, con la denuncia di una rapina avvenuta in un paese del Ferrarese ai danni di due ragazzi di 14 anni. Le vittime avevano spiegato ai carabinieri che mentre si trovavano nei pressi dei giardini pubblici erano stati avvicinati da due ragazzi, conosciuti solo di vista, che li avevano minacciati per farsi consegnare gli orecchini che indossavano. Per convincerli i rapinatori li avevano presi a pugni, impossessandosi anche di qualche spicciolo che i ragazzini avevano con sé. Il 19 settembre scorso ai carabinieri dello stesso paesino del Ferrarese si era rivolta una ragazzina di 14 anni, accompagnata dai genitori, che ha raccontato di essere stata vittima di tentativo di violenza da parte di due giovani, azione interrotta solo grazie alla repentina fuga dell'adolescente. Gli elementi raccolti e l'incrocio dei dati hanno consentito agli inquirenti di individuare i responsabili dell'aggressione.

RIMINI: Lotta alla spaccio, operazione “Clean Park”, 10 arresti e 7 misure cautelari | VIDEO

RIMINI: Lotta alla spaccio, operazione “Clean Park”, 10 arresti e 7 misure cautelari | VIDEO Gli agenti della sezione antidroga della “Mobile” di Rimini  hanno svolto  una serie  indagini che hanno permesso di accertare che un gruppo di soggetti di origine: gambiana, senegalese, nigeriana, ghanese, due italiani ed un romeno si erano organizzati in modo tale da creare una zona ove l’attività di spaccio era fiorente a qualsiasi orario della giornata. I riscontri forniti, hanno permesso al p.m. titolare dell’indagine di potere richiedere al G.i.p. l’emissione di 17 misure restrittive. Sono stati, infatti, emessi 9 provvedimenti di misura cautelare in carcere a carico di altrettanti giovani di età compresa tra i 20 ed i 30 anni, 1 misura degli arresti domiciliari a carico di un 24enne riminese e 7 misure di divieto di dimora nel territorio delle province della regione Emilia – Romagna a carico di altrettanti giovani di età compresa tra i 20 ed i trent’anni. Al termine delle operazioni, che hanno interessato – oltre l’area “Forlani” ed il parco XXV Aprile – l’intero territorio riminese, la “piazza di spaccio” è stata ripulita e messa in sicurezza.  

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi