Teleromagna » 19 gennaio 2020

Daily Archives: 19 gennaio 2020

BOLOGNA: Sardine, piazza stracolma, Santori, “Siamo oltre 40mila”

BOLOGNA: Sardine, piazza stracolma, Santori, "Siamo oltre 40mila" “La piazza è già stracolma di persone. Ci sono già 35, 40mila persone perché anche il parco sul retro di piazza VIII Agosto” la cosiddetta Montagnola “è pieno di persone: questa è l’ennesima dimostrazione che a volte il buon senso, la parola, il non urlare, il non giocare sporco può ancora pagare”. Lo ha detto il leader delle sardine, Mattia Santori, facendo un primo bilancio della manifestazione in corso a Bologna in piazza VIII agosto. Obiettivo raggiunto per le sardine che hanno riempito piazza VIII Agosto, nel centro di Bologna, per la manifestazione – per l’evento sono stati raccolti 70mila euro con il crowdfunding – che chiuderà ufficialmente la mobilitazione sul territorio in vista delle elezioni regionali in Emilia-Romagna. “Avevamo una grande energia da poter sfruttare. Avevamo la possibilità di spendere molti soldi per fare, ad esempio, sponsorizzate su Fb o sul web invece – ha spiegato il leader delle Sardine, Mattia Santori – abbiamo deciso di rimanere nel reale e di farlo organizzando un grande evento culturale con tanti musicisti. Voleva essere una grande festa abbiamo scelto piazza VIII Agosto perché è una piazza molto più grande e più facile da gestire di piazza Maggiore, ma potevamo andare in una piazza grande il doppio”. Santori ha poi specificato che “noi non vogliamo dare lezioni a nessuno, non siamo qui per indicare chi votare. Siamo qui semplicemente per dire che se noi siamo riusciti a fare questo senza un soldo, partendo da una piccola cucina che abbiamo condiviso per anni, vuol dire che c’è davvero tanta speranza e c’è tanto margine di miglioramento”.  “Non molleremo di sicuro se il centrosinistra perderà le elezioni in Emilia Romagna. Come movimento delle sardine non temiamo una sconfitta della coalizione di centrosinistra, non temiamo la vittoria della Borgonzoni, in questa regione”: lo ha detto Mattia Santori a margine della manifestazione della sardine a Bologna. Una eventuale vittoria in Emilia Romagna della senatrice leghista in corsa per il centrodestra alla guida della regione “la temiamo a livello personale perché sappiamo gli effetti che avrà nei prossimi 5 anni ma non la temiamo come movimento delle sardine – ha ribadito Santori – perché siamo in una fase di costruzione e torneremo a costruire un fenomeno e una dimensione nazionale”. “Sì al processo” per Matteo Salvini sul caso Gregoretti, dice il leader delle Sardine Mattia Santori che, interpellato sul tema, precisa comunque di parlare "a titolo personale". “Noi da ottimi spettatori – aggiunge Santori, a margine della manifestazione delle Sardine a Bologna – amiamo osservare quanto avviene in Parlamento. Se fosse per me, personalmente, voterei tutta la vita di andare a vedere cosa è successo nel caso Gregoretti, per andare a vedere se è normale che delle persone rimangano in mare così tanto tempo su una nave italiana. Però – ribadisce – sono tutte opinioni personali”.

ROMAGNA: Regionali, Salvini, “Insultano Lucia perché è donna” | VIDEO

ROMAGNA: Regionali, Salvini, "Insultano Lucia perché è donna" | VIDEO “Sanno solo insultare. Insultano Lucia perché è donna, insultano le Lega perché è razzista, fascista”. Lo afferma Matteo Salvini parlando coi giornalisti a Cattolica, nel Riminese, rispondendo a Nicola Zingaretti che aveva definito Lucia Borgonzoni inadeguata al governo della regione Emilia-Romagna. “Noi governiamo tantissime regioni italiane da vent’anni – prosegue Salvini – siamo il primo partito di questo Paese, abbiamo idee chiare sulle case popolari, sugli stabilimenti balneari e sulle infrastrutture che mancano, su come ampliare il porto di Rimini, l’aeroporto di Forlì, come dare una mano ai lavoratori e agli imprenditori romagnoli ed emiliani, di là ci sono solo insulti e quindi domenica prossima il popolo emiliano-romagnolo deciderà fra gli insulti di una sinistra che è qua da 50 anni e l’energia e l’entusiasmo delle proposte della Lega”, aggiunge. "Domani chiederò ai parlamentari della Lega di votare sì per farmi processare". Ha poi detto Salvini.  ​“Mi mandino a processo così la decidiamo una volta per tutte se difendere i confini dell’Italia, la sicurezza e l’onore dell’Italia è un crimine oppure se è un dovere di un buon ministro”. Così Matteo Salvini parlando coi giornalisti subito dopo il comizio a Cattolica, dove ha annunciato il voto favorevole domani dei parlamentari leghisti. “Non ho più voglia di perdere tempo o far perdere tempo agli italiani, nei tribunali ci sono delinquenti veri da processare – ha detto – mi mandino a processo, trovino un tribunale abbastanza grande perché penso che milioni di italiani vorranno farmi compagnia”.

RIMINI: La ‘cittadella della sicurezza’ occuperà la caserma Giulio Cesare

RIMINI: La ‘cittadella della sicurezza’ occuperà la caserma Giulio Cesare L’ex caserma Giulio Cesare di Rimini sarà la sede definitiva della ‘cittadella della sicurezza’, da lungo tempo in cerca di una destinazione dopo l’annosa vicenda dell’edificio di via Bassi mai entrato in funzione. Ad averlo annunciato è stato il sindaco della città, Andrea Gnassi, durante una visita alla costruzione di via Bassi. Insieme a lui, il presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini. “Grazie ad un lavoro con la Regione Emilia-Romagna, il Comune, la prefettura, il ministero dell’Interno e il ministero delle Finanze – ha detto Gnassi -, la caserma Giulio Cesare”, lasciata dall’esercito lo scorso settembre, “diventerà la sede definitiva di guardia di Finanza, questura e polizia Stradale”. “Qui c’è stato un tradimento dello Stato”, ha affermato il primo cittadino. Intanto i primi uffici della questura, come ha fatto sapere il questore di Rimini nei giorni scorsi, saranno trasferiti entro l’estate nella sede provvisoria di piazzale Bornaccini, la quale, ha spiegato Gnassi, “è quasi pronta grazie ai soldi che ha messo il Comune di Rimini e non qualcuno che di passaggio ha fatto il ministro degli Interni”.

FORLÌ: Diga piena nonostante la siccità, Romagna Acque inizia l’anno con nuovi progetti | VIDEO

FORLÌ: Diga piena nonostante la siccità, Romagna Acque inizia l’anno con nuovi progetti | VIDEO Nonostante l’inverno siccitoso non ci sono situazioni di allarme per quanto riguarda la Diga di Ridracoli. E ‘ quanto dichiara il presidente di Romagna Acque nella nostra intervista. Vediamola Tanto si è parlato negli ultimi giorni di questo inverno siccitoso e le sue conseguenza sull’ambiente. Fortunatamente per quanto riguarda la Diga di Ridracoli non ci sono ripercussioni, anche grazie alle piogge di novembre. L’inizio dell’anno vede la società impegnata in una serie di lavori alle infrastrutture.

IMOLA: Richetti e Calenda per Bonaccini “Ma restiamo all’opposizione” | VIDEO

IMOLA: Richetti e Calenda per Bonaccini “Ma restiamo all’opposizione” | VIDEO Come annunciato, Carlo Calenda e Matteo Richetti hanno fatto visita ad alcune città dell’Emilia Romagna per supportare i propri candidati nella lista del governatore uscente Stefano Bonaccini. Gli esponenti del del partito Azione hanno radunato circa un centinaio di persone nella sala briefing dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari parlando di sanità e di investimenti sulla scuola. Non sono mancate stoccate alla candidata della Lega e al governo Conte bis supportato da PD e Movimento 5 Stelle.

CESENA: Andamento demografico 2019, in aumento i nati e i matrimoni religiosi | VIDEO

CESENA: Andamento demografico 2019, in aumento i nati e i matrimoni religiosi | VIDEO La popolazione cesenate cala di 172 unità. Sono questi alcuni dei dati che emergono dal dossier sull’andamento demografico del 2019. Al 31 dicembre 2019 la popolazione residente a Cesena, compresi gli stranieri iscritti in anagrafe, conta 97.038 abitanti. La componente femminile con 50.107 cittadine (- 141 rispetto al 2018) rappresenta il 51,63% del totale. Diminuzione meno marcata nella componente maschile, 46.931 cittadini. Il saldo migratorio invece è positivo (+308). Il dato sulla natalità è segnato da una debole ripresa rispetto all’anno precedente: il numero dei nati registra un aumento del 2,14%, 620 in totale di cui 109 stranieri (17,58%). Rispetto al 2018, si registra un lieve diminuzione dei decessi che passano da 1.106 a 1.100. Dando uno sguardo al movimento migratorio invece si rileva che nel corso del 2019 sono immigrati nel Comune di Cesena 2.362 abitanti, 446 in meno rispetto al 2018. Gli immigrati di cittadinanza straniera sono 759 ( 32% del totale) con una flessione rispetto al precedente anno ( 972 nel 2018 – 1.051 nel 2017 – 940 nel 2016 – 839 nel 2015). Crescono tuttavia gli emigrati che passano da 1.859 dell’anno scorso a 2.054 (tra questi 1.463 verso altri Comuni, 367 verso Paesi esteri). Inoltre, nel 2019 si sono celebrati 232 matrimoni(152 civili, 80 religiosi), 10 in meno rispetto al 2018. Una leggerissima inversione di tendenza che riguarda i matrimoni religiosi che interrompono il loro trend negativo passando dai 77 registrati nel 2018 agli 80 registrati nel 2019.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi