Teleromagna » 25 marzo 2020

Daily Archives: 25 marzo 2020

TG SERA del 25/03/2020

Il Telegiornale di Teleromagna da oltre quarant’anni è uno dei pilastri dell’informazione locale romagnola. Grazie alle varie redazioni e ai suoi corrispondenti, vi racconta quotidianamente tutte le vicende del territorio. Il Telegiornale va in onda alle 7 – 14 – 19 – 20.30 e all’una di notte.

25-03-2020 A TUTTA BICI

Ancora una puntata di soli collegamenti telefonici; ma l'importante è non fermarsi, è continuare a parlare di ciclismo, magari con uno sguardo positivo. Quindi grazie a Milena Bettocchi (Appenninica MTB Race), Francesco Trebbi (3B Training) ed il mitico Campione del Mondo 2008 Alessandro Ballan.

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, superata quota 10mila contagi

EMILIA-ROMAGNA: Coronavirus, superata quota 10mila contagi Coronavirus, l'aggiornamento: 10.054 i casi positivi in Emilia-Romagna, 800 in più rispetto a ieri. I casi lievi in isolamento a domicilio sono 4.265. 721 le guarigioni (+ 163) I pazienti in terapia intensiva sono 294, 3 in più di ieri. Aumentano purtroppo i decessi, che arrivano a 1.077: 92 in più. Quasi 4.323i posti letto aggiuntivi già allestiti in tutta la regione. Dalla protezione civile nazionale arrivati 148 ventilatori polmonari: a breve altri 55 acquistati direttamente dalla Regione Bologna –10.054 i casi di positività al Coronavirus, 800 in più di ieri. 38.045 i test refertati, 4.518 in più sempre rispetto a ieri. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi, sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in Emilia-Romagna. Complessivamente, sono 4.265 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (273 in più rispetto a ieri); aumentano di poche unità quelle ricoverate in terapia intensiva, chesono 294, 3 in più rispetto a ieri. Ma crescono purtroppo i decessi, passati da 985 a 1.077: 92, quindi, quelli nuovi, di cui 60 uomini e 32 donne. Al tempo stesso, continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 721 (163 in più rispetto a ieri), 608 delle quali riguardano persone “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione; 113 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi. Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 23 residenti nella provincia di Piacenza, 16 in quella di Parma, 9 in quella di Reggio Emilia, 14 in quella di Modena, 17 in quella di Bologna (2 nel territorio imolese), 3 in quella di Ferrara, 3in quella di Ravenna, 3in quella di Forlì-Cesena (3 nel territorio di Forlì), 2in quella di Rimini e 2 residenti fuori regione. Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: Piacenza 2.122 (141 in più rispetto a ieri), Parma 1.525 (90 in più), Reggio Emilia 1.586 (149 in più),  Modena 1.533 (179 in più), Bologna 1.107 (di cui Bologna 899, 123 in più rispetto a ieri, e 208  Imola, 16 in più),  Ferrara 204 (14 in più rispetto a ieri), Ravenna 387 (19 in più), Forlì-Cesena 454 (di cui 215 a Forlì, 4 in più rispetto a ieri, e 239 a Cesena, 13 in più),  Rimini 1.136 (52 in più). 

ROMAGNA: L’Ausl acquista 6.000 test rapidi Simplexa per la ricerca del Coronavirus | VIDEO

ROMAGNA: L'Ausl acquista 6.000 test rapidi Simplexa per la ricerca del Coronavirus | VIDEO Dopo l’ok venerdì scorso dell’autorità americana per i prodotti farmaceutici, si avvia a livello mondiale la commercializzazione del test Simplexa Covid-19 dell’azienda italiana Diasorin. Il test consente l’individuazione del coronavirus in un’ora anziché in sette. Tra i primi acquirenti c’è anche l’Ausl Romagna che ne ha ordinati 6.000. Come riporta questa lettera, datata 16 marzo, è stata la multinazionale operante nel settore della diagnostica, con sede in provincia di Vercelli, a scrivere direttamente al laboratorio di Microbiologia di Pivesestina facendo la propria offerta. L’Ausl, come si legge in quest’altro documento dalla sua bacheca per le determinazioni pubbliche e datato 19 marzo, ha accolto l’offerta. I test verranno analizzati dagli strumenti Liaison messi a disposizione gratuitamente. Secondo quanto riporta il Corriere della Sera, la società “avrebbe tagliato i prezzi di fornitura del 25% per un tema di responsabilità sociale”. In particolare, per l’Ausl Romagna l’ordine vale 150.000 euro più iva. Il prodotto sarà commercializzato presumibilmente dal primo aprile in attesa della validazione europea. La relazione tecnica del test spiega che il Simplexa “consente il rilevamento qualitativo in vitro dell’Rna del virus a partire dai tamponi nasofaringei”. Questo significa che il test molecolare “non fornisce informazioni sul valore quantitativo dei microrganismi rilevati presenti”. Intanto le azioni di Diasorin sono cresciute in Borsa.

EMILIA-ROMAGNA: Multe salate per chi circola senza motivo, benzinai aperti | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Multe salate per chi circola senza motivo, benzinai aperti | VIDEO Multe più salate per chi viola le regole anti contagio e la possibilità per le singole Regioni di adottare misure più restrittive di quelle nazionali se il contagio si acuisce, ma in coordinamento con il governo. E’ questo il contenuto del decreto legge presentato ieri in conferenza stampa dal premier Giuseppe Conte nel quale sono state accorpate le norme adottate con i di-versi dpcm emanati in precedenza. L'orizzonte temporale è il 31 luglio, perché a fine luglio è ad ora fissata la fine dell’emergenza nazionale, dichiarata a gennaio. Conte però ha tranquil-lizzato gli italiani specificando che sulle singole misure si deciderà comun-que di mese in mese, in base ai dati del contagio. Nelle prossime ore poi è previsto un incontro tra governo e sigle sindacali in merito all’annunciata chiusura totale dei distributori di benzina per il momento valevole solo per i tratti autostradali. Abbiamo fatto il punto della situazione con il presidente dell'Ordine Avvocati di Ravenna e la rappresentante Faib Confesercenti Emilia-Romagna

RAVENNA: Coronavirus, sindacati insoddisfatti, “Decreto a maglie troppo larghe” | VIDEO

RAVENNA: Coronavirus, sindacati insoddisfatti, “Decreto a maglie troppo larghe” | VIDEO A detta dei sindacati il decreto governativo che regola le aperture delle attività produttive sarebbe insoddisfacente in quanto, secondo Cgil, Cisl e Uil, "sono ancora troppi i settori – circa un’ottantina – considerati strategici per la produzione". Tra coloro che invece hanno deciso di chiudere, in provincia di Ravenna "rientrano il settore ceramico  – spiega il sindacalista di Filctem Cgil Alessio Vacchi – e l'automotive, con aziende importanti come la Vulcaflex".

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi