Teleromagna » 25 maggio 2020

Daily Archives: 25 maggio 2020

ROMAGNA: Le discoteche provano a reinventarsi per riaprire

ROMAGNA: Le discoteche provano a reinventarsi per riaprire Alcune famose discoteche romagnole sono pronte a riaprire mettendo al centro della loro offerta la ristorazione e aggiungendo le formule 'american bar' e musica dal vivo. Nel Riminese, il Byblos, la Villa delle Rose, il Peter Pan e il Living, celeberrimi locali di Misano Adriatico, potrebbero riaprire entro metà giugno, abbandonando, almeno temporaneamente, il ballo, così come imposto dalle normative. I locali da ballo romagnoli dovranno quindi reinventarsi, ridisegnando i loro spazi interni. Si potrà accedere su prenotazione e saranno utilizzati degli stewart che gestiranno gli ingressi. "L’offerta delle discoteche ha sempre rappresentato una componente rilevante per la nostra offerta turistica – dice il sindaco di Misano Adriatico Fabrizio Piccioni – ma oggi il modello tradizionale non può essere proposto e l’essersi messi in discussione, portando insieme una proposta alternativa, è un segno che cogliamo con grande favore. Sarà una proposta diversa – aggiunge – proveniente da un settore che paga dazio pesante alla condizione attuale, ma egualmente appetibile e sono convinto avrà successo perché si tratta di location con ampi spazi ed espressione di una cultura imprenditoriale di alto livello".

ROMAGNA: Termina il lockdown, ripartono gli incidenti. Morti e feriti sulle strade | VIDEO

ROMAGNA: Termina il lockdown, ripartono gli incidenti. Morti e feriti sulle strade | VIDEO Con il traffico nelle strade ritornano anche gli incidenti stradali. Diversi gli episodi ieri in tutta la Romagna, tra cui un mortale. Stava viaggiando in direzione Fusignano a bordo della sua Peugeut quando , all'altezza di un incrocio, è stato colpito da un'altra macchina che arrivava da sinistra, in direzione Bagnacavallo. Così è morto Francesco Guizzano, 81 anni, residente a Bizzuno, piccola frazione di Lugo, nel Ravennate. Nell'impatto, la sua macchina ha prima colpito frontalmente un'altra vettura, una Yaris, per poi terminare la sua corsa in un fosso. I Vigili del Fuoco sono intervenuti per estarre la vittima dalle lamiere e affidarla alle cure del 118 ma, ormai, era troppo tardi. L'uomo è morto sul colpo. Questo uno dei tanti episodi avvenuti domenica in Romagna durante il primo fine settimana di vera riapertura dopo il lockdown. Tanta gente in giro, uguale, tanti incidenti. Questa l'equazione diabolica che ha visto di nuovo le strade macchiarsi di sangue. E, come sempre, la categoria più a rischio è rappresentata dagli appassionati delle due ruote. Domenica notte, intorno all'una e trenta, c'è stato un incidenti che ha coinvolto tre motociclisti che si sono scontrati tra loro all'incrocio tra la circonvallazione meridionale e via Veronese. Ad avere la peggio è stato un 37enne, trasportato all'ospedale Bufalini di Cesena con codice di massima gravità. Proprio a Cesena,in questa rotonda domenica mattina, è avvenuto un altro incidente grave. Questa volta le due ruote appartengo a una bicicletta, quella di Antonio Zanella, agente di Polizia di 49 anni, caduto rovinosamente sull'asfalto dopo essere stato travolto da una Mercedes guidata da una donna di 91 anni. Zanella, che si trovava assieme alla compagna per una normale gita fuori porta è stato ricoverato in rianimazione in condizioni molto gravi. In tutto fa un morto, due feriti gravi, e 4 feriti di minore entità. Un bollettino che sembra essere tristemente tornato ai numeri dell'era pre Covid

RIMINI: Movida, si va verso la chiusura anticipata dei locali

RIMINI: Movida, si va verso la chiusura anticipata dei locali Le immagini di venerdì e sabato sera del divertimento in piazza non sono piaciute all’amministrazione comunale di Rimini. Nemmeno ai gestori dei locali, preoccupati dall’idea di dover richiudere a causa degli assembramenti, e tra di loro c’è chi lo ho già fatto di sua spontanea volontà. Palazzo Garampi si dice prossimo a fermare la movida del dopo cena, la fascia oraria che ha dato più problemi, chiudendo i bar dalle 21.30. In Prefettura è stato convocato il Comitato per l’ordine e la sicurezza. Tema, appunto, la movida. Venerdì sera sotto la Vecchia Pescheria, abituale punto di ritrovo dei giovani riminesi, sono state staccate 65 multe da 400 euro ciascuna, cinque multe in più di Roma. Contestati il non rispetto del metro di distanza interpersonale e il non utilizzo della mascherina. All’aperto si può non indossarla, a meno che non si riesca a garantire il metro di distanza, e qui, tra i vicoli del centro, spesso si camminava strusciando la spalla del vicino. Ogni volta che le forze dell’ordine intervenivano per far allontanare un gruppetto di ragazzi, al loro posto ne compariva subito un altro. Una situazione “non gestibile”, come ha detto il Comune al Carlino. Dal governo intanto arriva la notizia del reclutamento di 60 mila volontari per i controlli anti-assembramento scelti tra disoccupati, cassaintegrati e persone col reddito di cittadinanza, messi a disposizione dei Comuni.

TR24 Speciale Sport del 23/05/2020

Lo sport al tempo del Coronavirus non fa eccezione rispetto a tutte le altre manifestazioni sociali che il dilagare dell'epidemia ha lasciato in sospeso. Le società restano alla finestra in attesa di capire se sarà possibile proseguire la propria stagione agonistica e soprattutto quali scenari si apriranno quando terminerà l'emergenza: proprio per fare il punto della situazione Teleromagna ha voluto proporre una nuova trasmissione, "TR24 – Speciale Sport", per sentire il parere dei massimi dirigenti dei nostri club.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi