CESENA: Antonio Manuzzi sindaco di tutti

Speciali
La sezione di Cesena “Ugo La Malfa” dell’Associazione Mazziniana Italiana ha voluto ricordare un grande figura di rilievo del passato storico cittadino, un uomo che ha avuto un ruolo centrale nella storia italiana e in quella cesenate: Antonio Manuzzi, antifascista, Presidente del Comitato di Liberazione e Sindaco di Cesena dal 1956 al 1970. L’incontro si è tenuto presso la Sala Endas, meglio conosciuta come “Rimbomba”, in corso Mazzini 46 a Cesena. “Abbiamo voluto ricordare Antonio Manuzzi nel 70esimo dalla liberazione del nazifascismo – commenta il presidente della sezione A.M.I. Onlus di Cesena Fausto Faedi – Abbiamo voluto ricordare Antonio Manuzzi antifascista, presidente del Comitato di Liberazione, ma soprattutto come ‘mazziniano doc’ che ha vissuto tutta la sua vita programmata sui principi e sui valori repubblicani”. Giordano Conti, ex sindaco di Cesena, lo definisce “il sindaco per antonomasia della città” mentre Africo Morellini del PRI di Cesena evidenzia il ruolo fondamentale che Manuzzi ha avuto in due aspetti dell’attività amministrativa, il mantenimento della biblioteca piana nei locali della Malatestiana e la cessione della Tenuta di Capo d’Argine a mezzadri e braccianti per l’istituzione delle cooperative. “Era un uomo di grande autorevolezza, ma contemporaneamente era un uomo con una grande capacità di critica. Il più mazziniano dei repubblicani” ricorda Giancarlo Biasini.
Tags:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi