BOLOGNA: Morte Gianlorenzo, non ci sono regolamenti sui carri | VIDEO

Cronaca
BOLOGNA: Morte Gianlorenzo, non ci sono regolamenti sui carri | VIDEO I Carabinieri del nucleo investigativo di Bologna hanno terminato gli accertamenti, svolti insieme alla sezione investigazioni scientifiche dell'Arma, sul carro di carnevale dal quale il 5 marzo, durante la sfilata di martedì grasso, è caduto Gianlorenzo Manchisi, il bimbo di due anni e mezzo che l'indomani è morto. La relazione tecnica è stata depositata in Procura dove sul caso è aperto un fascicolo, per omicidio colposo contro ignoti, di cui sono titolari la pm Beatrice Ronchi e il procuratore capo Giuseppe Amato. Nella relazione ci sono, a quanto si apprende, tutte le fotografie e le misurazioni fatte per valutare se il carro fosse sicuro, se rispondesse cioè alle norme antinfortunistiche generali, in assenza di una normativa specifica per questo tipo di veicoli. Il carro a tema 'Masterchef' realizzato dalla proloco di Granarolo Emilia è risultato collaudato e regolarmente assicurato, e anche la portanza del mezzo (cioè la capacità massima di carico) risulterebbe essere stata rispettata. Nella relazione, l'attenzione degli investigatori si è concentrata in particolare sull'ampiezza dei varchi nella parte bassa della balaustra del carro, da uno dei quali il piccolo è caduto, e sul materiale con cui è stata fatta la copertura delle ruote, non con materiale rigido ma con un tessuto morbido tipo velluto. Una volta finito a terra, il bambino è scivolato sotto il mezzo dove è stato colpito da una delle ruote. Un altro elemento che sarebbe emerso è l'assenza di un vero e proprio regolamento, che disciplinasse lo svolgimento della sfilata di carnevale a Bologna. Esaminata la relazione dei Carabinieri, la Procura valuterà se disporre ulteriori approfondimenti che potrebbero essere affidati a un organo tecnico.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi