Attualità

RICCIONE: Aperto il congresso Fiom-Cgil, duro attacco al governo | VIDEO

RICCIONE: Aperto il congresso Fiom-Cgil, duro attacco al governo | VIDEO E’ iniziato oggi al palacongressi di Riccione il ventisettesimo congresso nazionale della Fiom-Cgil. L’assise si è aperta con la relazione della segretaria generale Francesca Re David. “E’ un momento fondamentale di riflessione su quello che succede e su quello che deve succedere”, risponde così Re David in merito agli intenti dell’appuntamento riccionese. “L’obiettivo che noi abbiamo oggi – prosegue la segretaria – è rispondere alla grande offensiva che è stata fatta sul lavoro sia da parte delle imprese che da parte dei governi. La legislazione degli ultimi anni ha messo al centro soltanto le aziende e non il lavoro, le imprese hanno utilizzato la crisi per frantumare il lavoro”. La segretaria Fiom entra anche nel merito della manovra economica contestata dall’Unione Europea: “Ci pare tutto molto confuso, è difficile da dire quale sarà la determinazione, il governo sta sentendo l’Europa ma non sta sentendo le organizzazioni sindacali. L’incontro che Conte ha fatto con Cgil, Cisl e Uil sembra più formale che sostanziale”. Sullo sforamento del deficit, Re David ritiene che “sia necessario poiché le politiche regressive degli ultimi anni sono state un disastro”. La leader Fiom ritiene sia urgente investire sul lavoro, sullo stato sociale e sui diritti, “se questo non viene fatto o viene fatto solo per spot elettorale non va bene”.

“La candidatura di Maurizio Landini alla segreteria della Cgil per noi è motivo di orgoglio perché partecipe di una storia collettiva”, ha poi proseguito Francesca Re David parlando con i giornalisti a margine dell’apertura a Riccione del ventisettesimo congresso della Fiom Cgil. “Credo sia una scelta molto importante per tutta la Cgil”, prosegue la segretaria in riferimento alla proposta messa in campo da Susanna Camusso che “ha l’obiettivo di ricomporre la frantumazione del lavoro”. Re David è intervenuta anche sul caso di Industria Italiana Autobus (ex Bredemenarinibus). L’ingresso dei nuovi soci (Leonardo con quota minoritaria e i turchi di Karsan), “non è quello che speravamo e non era quello che il ministro Di Maio aveva detto in un famoso video in cui spiegava che sarebbero state le Ferrovie dello Stato a prendere in mano I.I.A. . Il governo è passato da un’idea pubblica degli autobus a una privatizzazione in mano turca. Ci sono state promesse che hanno avuto un rapporto diverso dalla realtà”.

RIMINI: Presentato il Meeting 2019, “Se qualcuno ci snobba prendiamo atto” | VIDEO

RIMINI: Presentato il Meeting  2019, "Se qualcuno ci snobba prendiamo atto" | VIDEO Presentata stamani a Rimini la quarantesima edizione del ‘Meeting per l’amicizia fra i popoli’ che si svolgerà nei padiglioni della fiera locale dal 18 al 24 agosto 2019. “Nacque il tuo nome da ciò che fissavi” questo il titolo della nota kermesse di Comunione e Liberazione, il cui manifesto è stato illustrato alla stampa in mattinata. Un appuntamento che nelle intenzioni degli organizzatori vorrà connotarsi con una maggiore apertura internazionale, come “testimonia la missione in Egitto dello scorso ottobre, segno di un Meeting che verrà realizzato con gli amici dei diversi popoli”. All’evento erano presenti Lorenzo Cagnoni, presidente di Italia Exhibition Group, il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, il vescovo della città mons. Francesco Lambiasi e Emilia Guarnieri, presidente del Meeting. “Se qualcuno ci ha snobbato in passato bisogna chiederlo a loro”, risponde Guarnieri in riferimento all’assenza l’anno scorso degli esponenti del Movimento 5 Stelle. “Col governo – prosegue Guarnieri – abbiamo iniziato un primo approccio appena insediatosi, ad agosto erano presenti diversi ministri tra cui Bussetti, Moavero Milanesi. La storia va avanti, il Meeting va avanti, i rapporti crescono, noi non abbiamo preclusioni nei confronti di nessuno ma se qualcuno ha preclusioni nei confronti nostri ne prenderemo atto”. “Gli ultimi 40 anni – commenta il sindaco Gnassi – sono stati per Rimini, per l’Italia e per il mondo un tempo di enormi cambiamenti. Il Meeting ha attraversato questi 40 anni come un vascello leggero e non ha mai perso la bussola”. Anche il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini ha inviato un saluto in occasione della presentazione del quarantennale della manifestazione: “Faccio i miei migliori auguri agli organizzatori del Meeting, che si conferma un momento sempre prezioso per gli stimoli che mette in campo”.

(video in arrivo)

EMILIA-ROMAGNA: Rientra l’allerta smog, via libera ai diesel Euro 4

EMILIA-ROMAGNA: Rientra l’allerta smog, via libera ai diesel Euro 4 Rientra in Emilia-Romagna l’allerta smog in vigore dal 7 dicembre in tutte le province: le condizioni meteorologiche favorevoli e in particolare la ventilazione che ha interessato tutto il territorio hanno favorito il rientro dei valori di polveri PM10 entro la soglia di legge (50 microgrammi per metro cubo). Lo comunica l’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpae). Da domani rientrano quindi le misure emergenziali: potranno tornare a circolare i veicoli diesel Euro 4. Resta invece il blocco per i veicoli più inquinanti: benzina fino all’euro 1 compreso, diesel fino all’euro 3 compreso, ciclomotori e motocicli pre euro non possono circolare dalle 8,30 alle 18,30 dal lunedì al venerdì entro i perimetro cittadino definito dalle Ordinanze dei Comuni, si potranno utilizzare le stufe pellet di categoria 2 stelle o superiore. Nella prima settimana di dicembre si erano registrati picchi di concentrazione di PM10 fino a 97 microgrammi per metro cubo e 75 microgrammi per metro cubo. Già dall’8 dicembre in tutte le province i valori sono rientrati entro la soglia di legge.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi