Attualità

ROMAGNA: Vongole, confermata la raccolta fino a 22 mm

ROMAGNA: Vongole, confermata la raccolta fino a 22 mm Anche gli eurodeputati spagnoli accetteranno la deroga dell’Ue

I pescatori dell’Emilia-Romagna potranno continuare a raccogliere e commercializzare le ‘venus gallina’, le vongole di mare, al di sotto del limite di 25 millimetri consentito dall’Unione europea. Arriva infatti da Bruxelles la conferma che anche la Spagna accetterà ancora per un anno l’attuale regime transitorio, in scadenza il 31 dicembre 2019, che permette la pesca e la vendita dei molluschi sotto-soglia. Confcooperative regionale aveva lanciato l’allarme, ricordando che “oltre 120 famiglie di pescatori fra Rimini e Ravenna” rischiavano di ritrovarsi in seria difficoltà, nel caso in cui il Parlamento europeo, su richiesta di alcuni eurodeputati spagnoli, non avesse intenzione di prorogare fino a tutto il 2020 la deroga già concessa all’Italia dalla Commissione Ue. Ieri l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, in missione a Bruxelles, ha ricevuto una sostanziale conferma alla proroga, nel corso dell’incontro con l’europarlamentare spagnola della Commissione Pesca, Clara Aguilera Garcia. “La Spagna accetterà l’atto delegato – ha spiegato Caselli – che prevede ancora per un anno l’applicazione del regime transitorio. Ma è fondamentale che i governi italiano e spagnolo trovino un accordo. Lunedì, quando incontrerò la ministra Bellanova – ha aggiunto l’assessore -, solleciterò l’intervento di Palazzo Chigi perché dobbiamo assolutamente scongiurare di ritrovarci, il prossimo anno, nella stessa condizione”. Caselli ha poi incontrato i deputati europei sul tema della politica agricola comunitaria (Pac). Da loro è venuta la sostanziale conferma del supporto alle modifiche della riforma della Pac, che garantiscano il ruolo delle Regioni nella gestione dello sviluppo rurale. Ribadita anche la necessità di garantire adeguate risorse alla Pac. 

BOLOGNA: Siria, gruppo attivisti blocca check-in Turkish Airlines al Marconi

BOLOGNA: Siria, gruppo attivisti blocca check-in Turkish Airlines al Marconi Blitz dei collettivi all’Aeroporto Marconi di Bologna in segno di protesta contro la Turchia e in solidarietà a quanto sta accedendo in Siria: una ventina di attivisti, con tanto di striscione, stanno bloccando l’accesso ai due check-in della Turkish Airlines per il volo Bologna Instanbul in programma per le 11.10 e ora segnalato in ritardo sulla partenza. L’Aeroporto è in contatto con la polizia per sbloccare la situazione.  “Siamo qua per condannare ogni accordo tra l’unione Europea e Turchia e stiamo bloccando il volo di Turkish Airlines”. Così centri sociali, collettivi e movimenti annunciano in una nota la protesta in corso stamattina all’aeroporto Marconi contro la compagnia aerea turca. “Da ormai una settimana la Turchia ha dichiarato guerra alla Siria del nord e dell’est. Davanti agli occhi del mondo, Erdogan sta invadendo e bombardando l’esperienza confederale del Rojava. Le notizie che ci arrivano dal fronte testimoniano la brutalità di questo attacco- si legge in un comunicato firmato da più sigle: Rete Jin, Non Una Di Meno, Vag61, Crash, Cua, Circolo anarchico Berneri, Làbas, Tpo, Xm24, Coordinamento migranti, Connessioni Precarie- le morti dei civili già non si contano ed è di qualche giorno fa la notizia dell’esecuzione dell’attivista femminista Harvin Khalaf, stuprata e uccisa barbaramente dai miliziani armati dalla Turchia” . Annunciata anche una nuova mobilitazione sabato a Bologna in piazza XX settembre.

ROMAGNA: Misura minima delle vongole, si rischia lo stop alla pesca | VIDEO

ROMAGNA: Misura minima delle vongole, si rischia lo stop alla pesca | VIDEO Parliamo di pesca. C’è fermento nel settore in attesa di una deroga alla misura minima delle vongole. Ecco il punto della situazione

 

Oltre 120 famiglie di pescatori fra Rimini e Ravenna rischiano di ritrovarsi in seria difficoltà se non verrà confermato il via libera alla pesca in Adriatico per le vongole con misura minima a 22 millimetri. Lo denuncia Confcooperative, spiegando che è quello che accadrà nel caso in cui il Parlamento europeo, su richiesta di alcuni eurodeputati spagnoli, non dovesse prorogare fino a tutto il 2020 la deroga già concessa all’Italia dalla Commissione Ue alla normativa che vieta la pesca delle vongole sotto i 25 millimetri. Se l’europarlamento dovesse dare ragione agli spagnoli e il limite minimo per le vongole pescate in Adriatico tornasse a 25 millimetri, “nella Riviera romagnola – spiega Vadis Paesanti, vicepresidente Confcooperative FedAgriPesca Emilia Romagna – 54 barche per la pesca di vongole (37 nella marineria di Rimini e 17 in quella di Ravenna) dovranno essere tirate definitivamente in secca con più di 120 pescatori che si troveranno senza lavoro per provvedere alle proprie famiglie”. Si discute dunque di tre millimetri, da 22 a 25, che però per i pescatori romagnoli sono di importanza vitale.“La vongola Venus Gallina – prosegue Paesanti -, che vive in particolare nei fondali sabbiosi del tratto di mare compreso fra le province di Ravenna e Rimini ed è comunemente nota come ‘poverazza’, in queste zone non riesce quasi mai a raggiungere la misura minima prevista dalla Ue. Negli anni abbiamo fatto diversi tentativi di favorirne lo sviluppo – conclude il vicepresidente di Confcooperative –  incluso prevedere lunghi periodi di fermo pesca, ma i risultati sono stati inequivocabili: a differenza delle vongole veraci, la ‘poverazza’ una volta raggiunti i 22 millimetri circa, comincia lentamente a decadere e, per lo più, muore prima di conquistare questi fatidici 3 mm che mancano per la misura richiesta dall’Unione Europea”.

PREDAPPIO: Domenica la messa per Mussolini, Anpi critica

PREDAPPIO: Domenica la messa per Mussolini, Anpi critica Domenica 27 ottobre a Predappio, in provincia di Forlì-Cesena, sarà celebrata una messa in suffragio di Benito Mussolini. Lo annuncia sui social network Alessandra Mussolini. “La famiglia – scrive – comunica che la cripta sarà aperta domenica 27 ottobre, con il seguente orario: 8.30 – 18.00. La S. Messa in suffragio sarà celebrata alle 11.30 nella Chiesa di San Cassiano adiacente al cimitero di Predappio. Vi ricordiamo – prosegue la nipote – che il cimitero e la chiesa sono luoghi sacri che richiedono il massimo rispetto, educazione e compostezza”. La notizia non ha mancato di suscitare reazioni nell’Anpi. “Non possono essere tollerate manifestazioni di stampo fascista – dice il vicepresidente Emilio Ricci – abbiamo rispetto per le vicende personali della famiglia ma siamo molto duri dal punto di vista politico e morale. Noi non dimentichiamo, siamo difensori della memoria e di tutti i martiri massacrati dai nazisti e dai fascisti. Il rispetto per i morti c’è”, aggiunge. “Il problema è che questa commemorazione non si trasformi in apologia del fascismo e nella celebrazione di Mussolini che è stato una disgrazia per l’Italia. Ha trascinato l’Italia in un dramma che non è stato solo quello della guerra ma della soppressione delle libertà democratiche”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi