Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Covid, Bonaccini, “i nuovi positivi oggi sfiorano i 900”

EMILIA-ROMAGNA: Covid, Bonaccini, "i nuovi positivi oggi sfiorano i 900" “Anche nella mia regione oggi c’è stato un aumento di casi positivi. Oggi i positivi sfiorano i 900, ieri sfioravano i 700”. Lo ha anticipato il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ospite a ‘Oggi è un altro giorno’ su Rai 1. “Noi come percentuale sui tantissimi tamponi che facciamo siamo ancora una delle regioni con il dato molto inferiore rispetto alla media nazionale”, conclude Bonaccini. 

Si arriverà a chiudere le Regioni? “Io spero di no. Così come mi viene da dire che non ci possiamo permettere un lockdown totale e generalizzato perché vorrebbe dire passare da pandemia sanitaria a pandemia economica e sociale”: lo ha detto il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ospite a “Oggi è un altro giorno” su Rai 1.

Per contenere la diffusione del Covid-19, visto che “non ci possiamo permettere” un lockdown totale “penso che occorrano chiusure parziali ulteriori restrittive”: lo ha detto il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, intervistato a “Oggi è un altro giorno” su Rai 1. Per il governatore, se crescono i contagi, “serve distinguere tra ciò che è indispensabile tenere aperto come le fabbriche, i negozi, le scuole e capire poi quali possono essere invece abitudini quotidiane cui possiamo rinunciare per evitare di contagiarci tutti”, ha concluso.

“Siccome noi, come Emilia Romagna, siamo una delle sanità pubbliche tra le prime in Europa, dico che riteniamo che i test sierologici siano utili e li continuiamo a fare visto che decidiamo noi”: lo ha detto il presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ospite a “Oggi è un altro giorno” su Rai 1, rispondendo a chi pensa che non siano utili i test sierologici avviati dalla Regione grazie ad un accordo con le principali associazioni farmaceutiche.

FORLI’: Parte la ribellione delle palestre, “noi non chiuderemo” | VIDEO

FORLI’: Parte la ribellione delle palestre, “noi non chiuderemo” | VIDEO Salvaguardare gli investimenti di anni di lavoro e proteggere chi non sarà più in grado di riaprire dopo una seconda chiusura, Niccolò Colli, il giovane titolare  della palestra Crossfit 47100  di Forlì sta facendo sentire la propria voce anche a livello nazionale, dopo un’apparizione nella trasmissione “L’aria che tira” sulla 7.  

Un danno economico importante già subito durante il lockdown, oltre a tutti gli investimenti fatti per seguire le norme di sicurezza nella riapertura.  Niccolò sta organizzando, quindi, un’associazione di varie palestre in tutto il territorio nazionale che non hanno nessuna intenzione di chiudere

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi