Attualità

RAVENNA: Vigili del Fuoco, porto e caserma le priorità del neo comandante | VIDEO

RAVENNA: Vigili del Fuoco, porto e caserma le priorità del neo comandante | VIDEO Dallo scorso 15 settembre l’ingegnere Giuseppe Lomoro è ufficialmente il nuovo comandante provinciale dei Vigili del Fuoco di Ravenna. Originario di Gioia Tauro ma residente a Padova, il neo comandante è passato attraverso sette comandi ed ha trascorso gli ultimi tre anni in quello di Parma prima di arrivare alla caserma di viale Randi.

Nel suo discorso di presentazione alla stampa, Lomoro ha toccato i due temi principali che interessano la provincia, ovvero la costruzione di un nuovo comando provinciale, che sorgerà alle spalle di quello esistente, e la riorganizzazione del distaccamento portuale. 

EMILIA-ROMAGNA: Mons. Perego, il vescovo dei migranti, “Fare politica a partire dalla gente” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Mons. Perego, il vescovo dei migranti, “Fare politica a partire dalla gente” | VIDEO È stato definito il vescovo dei migranti, degli ultimi, essendo da moltissimi anni a capo della Fondazione Migrantes, ed è proprio sugli ultimi che monsignor Perego, neo arcivescovo di Ferrara-Comacchio, si è concentrato cogliendo il vero significato della visita pastorale di Papa Francesco a Cesena e Bologna. Il Pontefice nei suoi discorsi si è rivolto direttamente alle Istituzioni esortandole a tornare a fare politica a partire dalla gente. “Sono parole che richiamano la necessità di una formazione sociale e politica che riparta dalle nostre comunità e che veramente ridia sostanza a questa realtà politica che sta diventando invece una realtà che rischia di ritornare alle corporazioni, agli interessi di pochi”, ha dichiarato il presule.

La vera eredità lasciata dal Papa alla comunità emiliano-romagnola, dunque, è di riscoprire la cultura del dialogo e dell’incontro senza lasciare nessuno ai margini della società, con un chiaro riferimento ai tanti migranti che arrivano in Europa con una nuova speranza di vita. “Il Papa sulla linea del magistero sociale della Chiesa ha richiamato come l’accoglienza e la tutela delle persone che sono oggi in fuga siano fondamentali”, ha sottolineato monsignor Perego esortando tutti a “ripensare la città” sulla base dei nuovi che arrivano.

EMILIA-ROMAGNA: 5 milioni di euro per il miglioramento sismico | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: 5 milioni di euro per il miglioramento sismico | VIDEO 5,1 milioni di euro sono stati messi a disposizione per la sicurezza di 9 edifici strategici, in particolare di scuole e municipi, e per nuovi studi di microzonazione in 66 comuni dell’Emilia-Romagna. Si tratta di studi che suddividono in modo dettagliato il territorio sulla base del comportamento dei terreni durante un evento sismico e che studiano i possibili effetti indotti dallo scuotimento. I finanziamenti sono resi disponibili dal Piano nazionale settennale per la riduzione del rischio sismico e si aggiungono agli oltre 45 milioni di cui l’Emilia-Romagna ha già beneficiato a partire dal 2010.

Sono 9 i Comuni in cui vengono finanziati i lavori per la sicurezza sismica: 5 in provincia di Forlì-Cesena, 2 a Rimini, 1 a Reggio Emilia e 1 a Parma. A Forlì-Cesena, i fondi serviranno per il miglioramento sismico della scuola elementare De Amicis a Gatteo e dell’edificio comunale di Rocca San Casciano. Inoltre, parte andrà al rafforzamento locale del municipio di Mercato Saraceno e al miglioramento sismico della palestra utilizzata dalle scuole elementari e medie di Civitella di Romagna. Sarà coinvolto da questo piano anche il palazzo municipale di Cesenatico. 

Si tratta dunque di un intervento che risponde chiaramente all’appello lanciato dal presidente della Repubblica che recandosi ad Assisi in occasione del 20esimo anniversario del terremoto che colpì l’Umbria nel 1997 ha chiesto un grande patto nazionale per la prevenzione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi