Attualità

BOLOGNA: Coronavirus, per Prodi “l’Italia ha salvato l’Europa”

BOLOGNA: Coronavirus, per Prodi "l'Italia ha salvato l'Europa" “Prima ci deridevano, ora si sente dire ‘la via italiana’. Noi abbiamo salvato l’Europa”. Lo afferma Romano Prodi durante un passaggio del suo intervento ieri sera alla ‘Repubblica delle Idee’ di Bologna commentando le azioni promosse dal nostro paese a contenimento dell’epidemia da coronavirus. Sono molti i temi che ha toccato l’ex premier: “Il sovranismo non è finito ma la sua parabola è discendente. Il problema – ha sottolineato Prodi – è la selezione della classe dirigente politica. Anche i 5 Stelle hanno problemi perché hanno parlamentari con 41 voti di preferenza. Magari sono anche meglio degli altri ma non hanno l’esperienza che si forma con il mestiere e lo studio”. Anche il Partito Democratico, secondo il fondatore dell’Ulivo, “fa fatica. Non fa congressi, ma non per colpa del singolo dirigente, ma perché si è venuta a rompere la struttura locale che te li fa fare: la rete. E questo è quello che mi preoccupa. Questa – spiega – è la chiave della delega verso l’alto, che non è meglio del populismo”.

“Credo sia giusto dire di sì ma elencare come si impiegheranno i soldi”. Ha poi detto Romano Prodi parlando del Mes intervenendo alla prima serata della ‘Repubblica delle Idee’ in scena a Bologna. “I problemi che non abbiamo ce li creiamo”, ha aggiunto l’ex premier. “Bisogna dire subito quello che si fa con quei soldi. Noi di quei soldi ne abbiamo bisogno”, ha sottolineato.

“Un terzo degli alberghi sono chiusi. Perché lo Stato non li compra affidando poi la gestione agli ex proprietari?”. E’ il quesito che si pone Romano Prodi, ex presidente del Consiglio. Per Prodi, riferendosi al Governo, è il momento di “reagire con decisioni immediate”: una lentezza decisionale “dovuta alle attività di mediazione tra le due principali forze politiche” rischia, secondo il fondatore dell’Ulivo, di penalizzare la ripresa economica vittima, a suo dire, anche di un generale e ingiustificato pessimismo.

Trump per vincere “ha bisogno di qualche ‘anti’. Mi aspetto qualche problema di tensione internazionale”, ha poi raccontato. “E’ in un momento molto difficile, ha bisogno di una situazione emotiva”, ha aggiunto.

L’APERTURA A BERLUSCONI

“Il problema è che il governo abbia una maggioranza solida e che quindi possa prendere delle decisioni. O noi diamo una spinta o il Paese si arrotola su se stesso. Non è certo un tabù, la vecchiaia porta la saggezza…”. Così Romano Prodi, ai microfoni della trasmissione In Onda su La7, a margine di un evento a Bologna, risponde alla domanda se il voto favorevole sul Mes annunciato da Forza Italia potrebbe essere l’anticamera di un ingresso del partito di Silvio Berlusconi nella maggioranza.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi