Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Donini, “forse torneremo in zona gialla prossima settimana”

EMILIA-ROMAGNA: Donini, "forse torneremo in zona gialla prossima settimana" “La curva epidemiologica sta rallentando”. Lo ha detto in diretta Facebook l’assessore alle politiche per la salute dell’Emilia-Romagna Raffaele Donini durante un aggiornamento del contagio da Covid in regione. “L’indice Rt è a 1,14. Non possiamo passare di fase per almeno due settimane, ne parleremo forse la settimana prossima. Se questi dati dovessero essere confermati l’Emilia-Romagna potrebbe tornare in zona gialla”, ha aggiunto. “Questi dati devono confermarsi la prossima settimana”

EMILIA-ROMAGNA: Covid, Bonaccini negativo al tampone, “grazie ai medici”

EMILIA-ROMAGNA: Covid, Bonaccini negativo al tampone, "grazie ai medici" “Questa mattina ho ricevuto una bella notizia: sono risultato negativo all’ultimo tampone di controllo. Ancora per qualche tempo dovrò proseguire a casa le cure per la polmonite, che migliora ma non può certo essere trascurata, ma il ritorno alla normalità è oggi più vicino”. Lo scrive su Facebook il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. “Per il momento – aggiunge – continuo a lavorare da qui, ma certo oggi il cuore è più leggero. Mi raccomando, continuiamo tutti a seguire le regole di sicurezza, per proteggere noi stessi, chi ci è vicino e gli altri. (…) Grazie ai medici, agli infermieri e a tutti gli operatori sanitari – conclude il governatore – e grazie ancora a tutti voi per i tantissimi messaggi che continuate ad inviarmi. Lo ripeto: insieme ce la faremo. Perché siamo l’Emilia-Romagna”.

EMILIA-ROMAGNA: Zona arancione, Boccia “Regole uguali fino al 3 dicembre” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Zona arancione, Boccia “Regole uguali fino al 3 dicembre” | VIDEO Si è tenuta ieri la nuova conferenza tra Regioni e Governo sulle misure restrittive. Alcuni territori sembrano destinati a diventare zona rossa, per l’Emilia-Romagna si allontana la possibilità di un allentamento dei divieti.

I 21 parametri che attribuiscono alle Regioni la collocazione nella zona gialla, arancione o rossa non cambieranno fino alla scadenza del Dpcm attualmente in vigore, vale a dire il prossimo 3 dicembre. Il governo respinge per il momento il pressing delle Regioni che da giorni chiedono di “semplificare” i criteri, con la conseguenza che il monitoraggio delle prossime ore seguirà lo schema utilizzato finora e potrebbe determinare il passaggio alla zona rossa di altre Regioni: nel mirino Puglia, Basilicata, Sicilia e Abruzzo, che di fatto già lo è per decisione del presidente Marsilio, con Emilia Romagna e Liguria ancora in bilico. Sfuma quindi per la nostra regione la possibilità di un allentamento delle misure restrittive nei prossimi giorni. Sarà zona arancione almeno fino al 3 dicembre. Anzi, non è esclusa la possibilità di finire in zona rossa qualora i dati sui contagi non migliorino in fretta, così come confermato dal Ministro agli Affari Regionali Francesco Boccia. Per i prossimi 15 giorni il sistema resta dunque quello attuale anche se il governo ‘concede’ due aperture ai governatori: un “coordinamento politico” per il prossimo Dpcm – che in sostanza significa andiamo avanti così fino all’inizio di dicembre e poi decidiamo insieme le regole per Natale – e, soprattutto, la possibilità di chiedere i ristori per le categorie colpite dai provvedimenti anche se sono i presidenti e non il governo, d’intesa con il ministro della Salute, a decidere le misure restrittive. Sulla possibilità di un allentamento, a livello nazioneli, nella settimana natalizia è intervenuto anche il Presidente del Consiglio Conte: “Una settimana di socialità scatenata significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva, sarebbe folle”

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi