Attualità

EMILIA-ROMAGNA: Case popolari, dalla Regione uno stanziamento di 5 milioni | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Case popolari, dalla Regione uno stanziamento di 5 milioni | VIDEO Approvato dalla Giunta lo scorrimento della graduatoria degli interventi di riserva ammissibili e non finanziati dal bando 2019. Premiati i progetti per gli interventi di recupero di vecchi edifici e di rigenerazione urbana e per la sperimentazione di nuove forme di abitare. Si ampliano gli effetti del programma regionale di housing sociale della Regione Emilia-Romagna,destinato all’acquisto o all’affitto agevolato per specifiche categorie di cittadini: pronte nuove risorse per 159 alloggi destinati a persone e famiglie con redditi medio bassi. Questo grazie allo scorrimento della graduatoria degli interventi di riserva ammissibili ma non finanziati, presentati da cooperative e imprese di costruzione, approvato dalla Giunta regionale e riferito al bando da 5 milioni di euro
indetto dalla Regione nel 2019. Per finanziare i progetti di riserva la Regione ha stanziato ulteriori 5 milioni – raddoppiando di fatto quelli già finanziati nel 2019 – finalizzati alla realizzazione di alloggi per la sperimentazione di nuove soluzioni abitative innovative sotto il profilo sociale e di comunità, ed efficienti
anche sotto il profilo energetico e sismico, realizzati nell’ambito delle previsioni degli strumenti urbanistici locali, quindi senza ulteriore consumo di suolo.
I 159 alloggi saranno destinati a giovani coppie, famiglie numerose o con un solo genitore, anziani, disabili.
Tutti con un reddito medio basso, che non posseggono i requisiti per l’assegnazione di un alloggio popolare e, allo stesso tempo, non possono permettersi l’acquisto di un’abitazione nel libero mercato. Complessivamente con il programma housing sociale voluto dalla Regione sono stati stanziati 10 milioni di euro negli ultimi due anni, che hanno consentito di mettere a disposizione 286 alloggi a favore dei nuclei familiari in possesso dei requisiti richiesti.

BOLOGNA: Riapre l’Arena Puccini, si ricomincia con la commedia “L’anno che verrà” | VIDEO

BOLOGNA: Riapre l'Arena Puccini, si ricomincia con la commedia "L’anno che verrà" | VIDEO I migliori film della stagione cinematografica che si è bloccata con la pandemia da coronavirus saranno protagonisti della stagione dell’Arena Puccini, al suo 85esimo anno di vita. Domenica 5 luglio si riaccende lo schermo nel parco del Dopolavoro ferroviario con la prima visione della commedia francese L’anno che verrà. Fino al 10 settembre, il meglio dell’ultima stagione, le anteprime e gli incontri della rassegna “Accadde domani”: in arrivo Ginevra Elkann, Ferzan Ozpetek e Stefano Cipani.

RAVENNA: Focolaio coronavirus in un’azienda agricola, 12 positivi

RAVENNA: Focolaio coronavirus in un’azienda agricola, 12 positivi 12 casi di positività al Covid-19 in un’azienda agricola che si trova nelle campagne a nord di Ravenna. Si tratta – come riportato dal Corriere di Romagna – di braccianti agricoli tutti originari del Bangladesh, asintomatici e domiciliati tutti assieme nella zona tra Sant’Antonio e Sant’Alberto. Sono tutt’ora in corso gli accertamenti e si è in attesa dei monitoraggi su altri braccianti della medesima azienda. Nei giorni scorsi altri 9 casi di riscontrata positività, avevano riguardato sempre persone originarie del Bangladesh residenti tra i comuni di Ravenna e di Cervia.

BOLOGNA: Esonda un torrente in Valsamoggia, salvata madre con figli

BOLOGNA: Esonda un torrente in Valsamoggia, salvata madre con figli Per il forte temporale, che ha colpito nelle prime ore di questa mattina il Bolognese, i carabinieri e vigili del fuoco, intorno alle 3 di questa mattina, sono stati impegnati in una operazione di salvataggio. A Monteveglio, in Valsamoggia è esondato il torrente Rio la Fossetta. L’acqua ha abbattuto alcuni muretti, allagato abitazioni e alcune famiglie sono state costrette a rifugiarsi ai piani alti delle loro abitazioni. In via IV novembre una madre ha chiesto aiuto ai militari arrivati sul posto che hanno portato in salvo e fatto uscire in sicurezza lei e i suoi bambini. Al momento una famiglia risulta avere lasciato la propria abitazione. Non risultano feriti. L’allarme è partito dai gestori di un poligono in via Monteveglio alle 3.20. Il torrente, più a monte, è straripato e ha abbattuto un muretto del tiro a segno e poi le acque hanno raggiunto le case. Le strade circostanti sono state chiuse.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi