Cronaca

RICCIONE: Accoltellamento, dopo due giorni si costituisce il quarto uomo

RICCIONE: Accoltellamento, dopo due giorni si costituisce il quarto uomo Dopo due giorni dall’accoltellamento avvenuto al di fuori di un locale di Riccione ai danni di due giovani, si è costituito oggi [martedì] pomeriggio il quarto uomo ricercato dalle forze dell’ordine. Il soggetto, secondo i carabinieri, è stato insieme ad altri tre giovanissimi il responsabile dell’aggressione che nella notte tra venerdì e sabato ha portato al grave ferimento di due studenti di 23 anni. Le due vittime, operate e tutt’ora ricoverate a Rimini, sarebbero fuori pericolo. Dopo 48 ore di intense ricerche in tutta la provincia, si è dunque fermata la corsa dell’ultimo ricercato che si è presentato spontaneamente alla caserma di Riccione.

RAVENNA: Fermato al porto con targa straniera e gasolio di contrabbando | FOTO

RAVENNA: Fermato al porto con targa straniera e gasolio di contrabbando | FOTO Gli agenti  delle Fiamme Gialle di Ravenna hanno fermato un’autovettura con targa estera che, accortasi dei controlli in atto, aveva cercato di invertire la propria direzione di marcia nel tentativo di eludere la vigilanza. Alla guida del veicolo c’era un rumeno, da anni residente a Ravenna, che aveva omesso di reimmatricolare l’automobile in Italia in violazione delle nuove norme del Codice della strada e gli è stata elevata una sanzione amministrativa da 500 euro mentre il veicolo è stato sottoposto a sequestro in attesa che venga ricondotto all’estero o reimmatricolato con targa italiana. Nell’ispezione del bagagliaio invece i finanzieri hanno rinvenuto cinque taniche di gasolio da 10 litri ciascuna, delle quali il proprietario del veicolo non è stato in grado di dimostrare la legittima provenienza ed è stato segnalato all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Ravenna per il mancato pagamento delle accise gravanti sul carburante illecitamente detenuto.

 

RAVENNA: Fermato al porto con targa straniera e gasolio di contrabbando | FOTO

RAVENNA: Fermato al porto con targa straniera e gasolio di contrabbando | FOTO Gli agenti  delle Fiamme Gialle di Ravenna hanno fermato un’autovettura con targa estera che, accortasi dei controlli in atto, aveva cercato di invertire la propria direzione di marcia nel tentativo di eludere la vigilanza. Alla guida del veicolo c’era un rumeno, da anni residente a Ravenna, che aveva omesso di reimmatricolare l’automobile in Italia in violazione delle nuove norme del Codice della strada e gli è stata elevata una sanzione amministrativa da 500 euro mentre il veicolo è stato sottoposto a sequestro in attesa che venga ricondotto all’estero o reimmatricolato con targa italiana. Nell’ispezione del bagagliaio invece i finanzieri hanno rinvenuto cinque taniche di gasolio da 10 litri ciascuna, delle quali il proprietario del veicolo non è stato in grado di dimostrare la legittima provenienza ed è stato segnalato all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Ravenna per il mancato pagamento delle accise gravanti sul carburante illecitamente detenuto.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi