Economia

RAVENNA: Porto, è fatta, ecco il progetto definitivo | VIDEO

RAVENNA: Porto, è fatta, ecco il progetto definitivo | VIDEO L’Emilia Romagna diventa un importante punto di riferimento per la logistica e l’importo delle merci a livello nazionale ed europeo. È questa la vera vittoria della città di Ravenna e della Regione intera che nella giornata di lunedì presenterà a Roma il progetto definitivo Hub portuale 2017, un investimento per il futuro che sarà concretizzato nei prossimi anni e che vedrà la realizzazione della grande piattaforma container. Potenziamento delle rete di collegamento ferroviario, approfondimento dei canali Candiano e Baiona, adeguamento delle banchine operative esistenti e un nuovo terminal, sono questi alcuni dei punti centrali del “progettone” del valore di 235 milioni di Euro, definito una “svolta” dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

Si tratta dunque di un momento storico e cruciale per il porto di Ravenna condiviso tanto dalla popolazione quanto dalle istituzioni, dall’Autorità portuale e dai privati. Un ambizioso risultato, pertanto, che punta alla sostenibilità della Regione e a una quasi totale rimozione della disoccupazione.

 

RIMINI: MotoGp, giro d’affari da 60,3 milioni di euro

RIMINI: MotoGp, giro d’affari da 60,3 milioni di euro Nonostante la grande assenza di Valentino Rossi, infortunato, e malgrado il maltempo che ha donato grandi incertezze, la settimana del Gran Premio di motociclismo di San Marino e della Riviera di Rimini ha registrato ottimi risultati e un’entrata complessiva generata direttamente dall’evento pari a 60.300.000 euro, con un incremento dell’1,3% sul 2016. Lo dichiara in una nota, l’Apt servizi dell’Emilia-Romagna, specificando che sulle tribune del circuito di Misano sono state 158.263 le presenze registrate nel fine settimana tra venerdì e domenica. In quella che viene definita la “seconda migliore edizione di sempre, in linea con quella record” dello scorso anno, in base ai dati raccolti da Trademark Italia, il totale raccolto si distribuisce equamente tra i diversi settori, da quello alberghiero alla ristorazione fino allo shopping e al divertimento serale.

Dei 60,3 milioni di euro 20,2 (il 33,5%) sono stati spesi per l’alloggio, sia alberghiero che extralberghiero; 17,8 (il 29,5%) per la ristorazione, bar e altri extra; il 9,3 (il 15,4%) per divertimento e shopping. Un dato essenziale, inoltre, è rappresentato dalla domanda turistica di prodotti e merchandising strettamente collegati al mondo del motociclismo, fino agli acquisti di souvenir e generici effettuati durante il soggiorno e 2,7 per trasporti e parcheggi.

EMILIA-ROMAGNA: Economia in crescita, calo per le imprese straniere | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Economia in crescita, calo per le imprese straniere | VIDEO Un buon risveglio per l’andamento economico dell’Emilia-Romagna che nel secondo trimestre di quest’anno ha ottenuto ottimi risultati decelerando l’economia delle imprese straniere che toccano quota 46.529, con un aumento del 2,6% in un anno. Sono questi i dati di giugno raccolti nel Registro delle imprese delle Camere di commercio – con un ritmo analogo a quello nazionale. Al 30 giugno, infatti, le imprese attive straniere hanno registrato un aumento di 1.199 unità, +2,6%. A livello nazionale, invece, le stesse registrano un analogo ritmo di crescita (+2,7%), superano quota 521 mila e risultano il 10,1% del totale, a fronte di una diminuzione più contenuta rispetto a quella regionale delle altre imprese (-0,4%).

Le imprese straniere diminuiscono solo in Sicilia, Sardegna e Umbria. L’incremento è più rapido in Campania, dove si assestano al +6,8%. La tendenza alla crescita delle imprese straniere domina in tutti i macro settori di attività economica: dai servizi di alloggio e ristorazione (+215 unità, +5,2) ad altri per la persona e di riparazione. Inoltre, un andamento rapido si verifica anche per le attività di noleggio agenzie viaggi e servizi di supporto alle imprese e per le imprese di trasporto e magazzinaggio. La crescita è contenuta per le imprese dell’industria e si conferma, minima anche per quelle delle costruzioni.

EMILIA-ROMAGNA: Economia in crescita, calo per le imprese straniere | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Economia in crescita, calo per le imprese straniere | VIDEO Un buon risveglio per l’andamento economico dell’Emilia-Romagna che nel secondo trimestre di quest’anno ha ottenuto ottimi risultati decelerando l’economia delle imprese straniere che toccano quota 46.529, con un aumento del 2,6% in un anno. Sono questi i dati di giugno raccolti nel Registro delle imprese delle Camere di commercio – con un ritmo analogo a quello nazionale. Al 30 giugno, infatti, le imprese attive straniere hanno registrato un aumento di 1.199 unità, +2,6%. A livello nazionale, invece, le stesse registrano un analogo ritmo di crescita (+2,7%), superano quota 521 mila e risultano il 10,1% del totale, a fronte di una diminuzione più contenuta rispetto a quella regionale delle altre imprese (-0,4%).

Le imprese straniere diminuiscono solo in Sicilia, Sardegna e Umbria. L’incremento è più rapido in Campania, dove si assestano al +6,8%. La tendenza alla crescita delle imprese straniere domina in tutti i macro settori di attività economica: dai servizi di alloggio e ristorazione (+215 unità, +5,2) ad altri per la persona e di riparazione. Inoltre, un andamento rapido si verifica anche per le attività di noleggio agenzie viaggi e servizi di supporto alle imprese e per le imprese di trasporto e magazzinaggio. La crescita è contenuta per le imprese dell’industria e si conferma, minima anche per quelle delle costruzioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi