Economia

EMILIA-ROMAGNA: Numeri positivi per Legacoop Romagna, produzione a 7 mld

EMILIA-ROMAGNA: Numeri positivi per Legacoop Romagna, produzione a 7 mld Un totale di 436 imprese, 26.500 occupati e quasi 379mila soci, con un valore della produzione di circa 7 miliardi di euro e un patrimonio di oltre tre miliardi, ed una capacità di tenuta sul fronte della qualità del lavoro con 9 occupati su dieci che vantano un rapporto a tempo indeterminato. E’ lo specchio di Legacoop Romagna – prima organizzazione d’impresa romagnola ad aver acquisito, nel 2013, la dimensione d’area vasta – che oggi a Forlì vive l’assemblea dei delegati, preceduta dall’approvazione delle modifiche statutarie e dalla ratifica del bilancio d’esercizio. Fra i temi affrontati – anticipano Resto del Carlino e Corriere Romagna – innovazione, welfare, riordino istituzionale, promozione della cooperazione. “La cooperazione può avere un ruolo chiave e al prossimo governo chiediamo di riconoscerlo con chiarezza”, spiegano Guglielmo Russo e Mario Mazzotti, presidente e direttore generale di Legacoop Romagna.    “Siamo stati in grado di raccogliere la sfida dell’innovazione – sottolineano – ma servono strumenti adeguati per un mondo che cambia. Il programma Impresa 4.0 per quanto apprezzabile non ha un approccio specifico all’impresa cooperativa. Si è affermato il principio del più forte che vince sul più debole e il valore del lavoro collaborativo trova un ostacolo in più ad affermarsi. Noi non ci stiamo”.

Legacoop Regione chiede a Regione e Governo di rilanciare gli investimenti infrastrutturali con un piano organico. Corridoio adriatico, porto di Ravenna, rete logistica, sistema regionale degli aeroporti e qualificazione della rete ferroviaria sono alcuni dei titoli, insieme al perdurante problema dei collegamenti stradali tra le città romagnole. E di fronte al dissesto idrogeologico che avanza, propone di attivare un grande piano di manutenzione del territorio, dalla collina alle coste, “da finanziare con un aumento della quota degli oneri di urbanizzazione e un fondo del 5% del valore dei pedaggi autostradali in Regione”.

ROMA: In arrivo un risarcimento per i piccoli azionisti di alcune banche fallite | VIDEO

ROMA: In arrivo un risarcimento per i piccoli azionisti di alcune banche fallite | VIDEO  E’ in dirittura d’arrivo il decreto attuativo per far partire il fondo di ristoro delle vittime di reati finanziari previsto dalla legge di bilancio. Il Fondo, inserito nella manovra durante l’iter parlamentare, prevede una dotazione di 100 milioni di euro in quattro anni – dal 2018 al 2021 – e sarà finanziato attraverso il Fondo interbancario di garanzia e il Fondo dei conti dormienti. Secondo quanto stabilito, potranno accedervi i risparmiatori – senza distinzione tra obbligazionisti e azionisti – delle ex-banche popolari venete (Veneto Banca e Popolare Vicenza) e delle quattro banche poste in liquidazione (CariChieti, Banca Etruria, CariFerrara e Banca Marche) che sono stati vittime di un danno “ingiusto”. Il riconoscimento del danno potrà arrivare attraverso con una sentenza del giudice o attraverso il ricorso alla Camera arbitrale dell’Anac. Il decreto, che il governo intende emanare nonostante la fase conclusiva della sua attività, è necessario per definire i criteri di accesso ai ristori, le modalità di erogazione e l’entità dei rimborsi. L’idea di base espressa dal sottosegretario all’Economia, Pier Paolo Baretta, è quella di non inserire troppi vincoli, per consentire a chiunque di presentare domanda e dimostrare di aver subito un danno ingiusto. Sarà poi l’arbitro dell’Anac a valutare la possibilità di rimborso sulla base del danno accertato. A breve dovrebbe arrivare inoltre il decreto di Mise e Mef per rendere operative le agevolazioni fiscali per le piccole e
medie imprese che intendono quotarsi in Borsa. Il testo, messo a punto dal ministero dello Sviluppo economico, è stato firmato dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, ed è ripassato quindi al Mise per l’emanazione che potrebbe arrivare nel giro di una settimana.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi