Politica

EMILIA-ROMAGNA: Sole 24 Ore, cresce consenso di Bonaccini e Gnassi

EMILIA-ROMAGNA: Sole 24 Ore, cresce consenso di Bonaccini e Gnassi Cresce il consenso di Stefano Bonaccini che, a cinque mesi dalle elezioni, guadagna altri due punti e mezzo, mentre il sindaco di Rimini Andrea Gnassi, con il 57,3% del consenso, è il primo cittadino più popolare dell’Emilia-Romagna. Sono le principali indicazioni per l’Emilia-Romagna che emergono da Governance Poll 2020, un’indagine sul livello di gradimento dei presidenti delle 18 Regioni a elezione diretta e dei sindaci di 105 città capoluogo di provincia realizzata per Il Sole 24 Ore del Lunedì da Noto Sondaggi. Bonaccini è quinto nella classifica dei presidenti: secondo il sondaggio, se si votasse oggi, anche sulla spinta della gestione dell’emergenza Covid, si attesterebbe al 54%, con un +2,6% rispetto al recente risultato delle regionali. Fra i sindaci, Gnassi svetta fra i colleghi dell’Emilia-Romagna con il 57,3% (qualche decimale in più rispetto alla cifra della sua elezione), collocandosi al 24/o posto a livello nazionale. Lo segue a brevissima distanza (56,7%, al 30/posto, -6,4% rispetto al dato dell’elezione) Luca Vecchi di Reggio Emilia, terza Patrizia Barbieri di Piacenza, in calo di due punti, ma con un 56,5% che la posiziona al 33/0 posto. Gli unici due sindaci che si collocano al di sotto della soglia del 50% sono Federico Pizzarotti di Parma (85/o con il 49,4%) e Virginio Merola di Bologna, 92/o con il 48,5%. Sono, invece, tutti al di sopra della maggioranza degli intervistati gli altri sindaci esaminati: Gian Carlo Muzzarelli di Modena (41/0 con il 55%, +1,6%), Gian Luca Zattini di Forlì (50/o con il 53,8%, +0,7%), Alan Fabbri di Ferrara (64/0 con il 52,8%, -3,9%) e Michele De Pascale di Ravenna (74/o con il 51%, -2,3%).

EMILIA-ROMAGNA: L’appello di Bonaccini “Governo sia veloce e faccia ripartire il Nord”

EMILIA-ROMAGNA: L'appello di Bonaccini "Governo sia veloce e faccia ripartire il Nord" “Oggi il Pd deve avere una chiara identità riformista, rappresentando ancor di più le istanze del Nord del Paese. Io non ho dubbi che senza il Mezzogiorno questo è un Paese senza un grande futuro. Però in questo momento drammatico, la parte del Paese che produce più della metà del Pil, ha bisogno di ripartire subito”. Così il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini in un’intervista concessa alla Stampa in cui sottolinea che una volta che sarà affrontata la crisi sanitaria, toccherà evitare “la pandemia economica”. Il governatore emiliano-romagnolo, che guida anche la Conferenza delle Regioni, si rivolge al leader di Confindustria Carlo Bonomi dicendo che “bisogna saper misurare le parole”, mentre al premier Giuseppe Conte dà un consiglio sui tempi: “La velocità non è una variabile indipendente: si possono prendere ottime decisioni ma se non sono veloci, l’una vale l’altra”. Bene il Governo ha fatto durante l’emergenza ma “la vera prova del nove della sua tenuta” sarà l’autunno “caldo”. Bonaccini sottolinea di non voler sfidare Nicola Zingaretti alla guida del Pd: “Dobbiamo lavorare tutti per rafforzare il Pd, perno del governo. Perché rafforzando il Pd si rafforza il governo”. E aggiunge di sentirsi – eventualmente – tagliato più per un futuro ruolo “di governo” che non di partito. Guardando alle elezioni locali, Bonaccini afferma che “chi sta al governo dovrebbe unirsi alle prossime Regionali, ma dovrebbe farlo in nome e in ragione di un progetto di governo, non per fare somma”. Per il governatore emiliano esiste un “Pd non subalterno, capace di costruire alleanze larghe. Il tema va posto ai Cinque stelle: per mettersi insieme bisogna condividere programma e progetto”.

RAVENNA: De Pascale si ricandida, “Un onore incredibile essere sindaco” | VIDEO

RAVENNA: De Pascale si ricandida, "Un onore incredibile essere sindaco" | VIDEO Ospite nei nostri studi, il sindaco di Ravenna Michele De Pascale si è detto pronto a una seconda candidatura in vista delle elezioni nel 2021.

E’ negli studi di Teleromagna che Michele De Pascale, sindaco di Ravenna, dà il via in largo anticipo alla corsa per un secondo mandato da primo cittadino. Lo ha fatto durante una lunga intervista in cui ha stilato un bilancio delle attività svolte. Per l’esponente dem “è stato fatto un buon lavoro” con la rivendicazione di aver finalmente sbloccato la situazione al porto dove sono stati appaltati i lavori che permetteranno il rilancio dell’infrastruttura. Nel video un estratto delle parole del sindaco.

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, “L’Ue capisca che turismo è asset fondamentale” | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, "L'Ue capisca che turismo è asset fondamentale" | VIDEO Il Parlamento Europeo ha organizzato oggi un convegno sulle opportunità che l’Unione può rappresentare per il turismo della nostra regione. Chiare le richieste del presidente Bonaccini.

 

La crisi pandemica ha portato a rinnovate sensibilità sulle priorità che le istituzioni devono considerare nella crisi. Tra queste c’è anche il settore del turismo, duramente colpito dai mesi di lockdown. Per questo motivo il parlamento Europeo ha messo attorno a un tavolo tutti i principali attori del settore per fare il punto della situazione e soprattutto analizzare le opportunità che l’Unione può rappresentare per il comparto. Chiare le richieste di Bonaccini.

“L’Unione Europea deve capire che il turismo, in uno dei luoghi del mondo dove è concentrata gran parte della bellezza e dei siti culturali e architettonici, deve diventare un elemento di asset fondamentale per il futuro delle nostre economie, diversamente sprecherà una grande occasione”. Così il presidente emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini intervenendo a un seminario organizzato dal Parlamento Europeo. “Dico sempre – ha aggiunto – che ci salveranno la cultura e la bellezza. Noi puntiamo lì, il turismo è molto legato a questo. Noi – ha spiegato – nel nuovo ‘Patto per il lavoro’, che scriveremo a fine settembre, e per il clima, dove indicheremo le priorità per i prossimi dieci anni  seguendo l’agenda ONU 20-30, torneremo a inserire il turismo come uno dei pilastri su cui costruire una nuova economia”, ha concluso.

“Noi dobbiamo chiedere all’Europa, se vuole avere attenzione al turismo, tre asset di finanziamenti: investimenti per infrastrutture viarie e ferroviarie, e quindi materiali, e immateriali, cioè la digitalizzazione completa”. Lo ha detto Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna, durante un evento sul turismo regionale organizzato dal Parlamento Europeo. Secondo il presidente emiliano-romagnolo servono inoltre  “risorse per investimenti sulle strutture ricettive che vanno migliorate anche qui da noi e risorse per la promozione turistica”.

“L’Europa dovrebbe sostenere la bellezza”. Lo afferma Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, intervenendo in videoconferenza a un evento sul turismo in regione organizzato dal Parlamento Europeo. “Noi avremmo bisogno – spiega – di usare parte delle risorse europee per fare ancora meglio rispetto a tutto il tema dei waterfront, cioè una cartolina che permetta sui litorali di avere la qualità e la sostenibilità dei luoghi nei quali si va”. 

“Tra le richieste di autonomia differenziata noi non abbiamo inserito quella della promozione turistica all’estero perché credo che l’Italia nel mondo abbia bisogno di promuoversi come paese, come Italia, e troverei ridicolo che ogni regioni pensi di promuoversi da sola”. Così Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna, durante un seminario promosso dal Parlamento Europeo che sta facendo il punto della situazione sulle opportunità di rilancio offerte dall’Unione per il settore turistico regionale. “Dentro a quella promozione però – ha aggiunto – noi crediamo che alcuni riferimenti come la musica e lo sport, con gli strumenti digitali di oggi, siano formidabili veicoli di promozione del territorio”. 

FAENZA: Salvini carica i suoi per le comunali e chiede le dimissioni di Azzolina | VIDEO

FAENZA: Salvini carica i suoi per le comunali e chiede le dimissioni di Azzolina  | VIDEO Tappa in Romagna per Matteo Salvini. Il leader della Lega dopo aver visitato le Marche si è fermato qualche ora in un noto stabilimento balneare di Milano Marittima prima di cenare a Faenza in compagnia di circa 300 sostenitori e degli esponenti della Lega romagnola. L’ex Ministro degli Interni durante il proprio intervento non ha lesinato critiche nei confronti del governo e della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina affermando che «Non può permettersi di pensare di tenere fuori dalle classi un milione di bambini a Settembre, se è così si dimetta perché di danni ne ha già fatti abbastanza». La visita di Salvini era strettamente legata ai prossimi appuntamenti elettorali. In autunno infatti Faenza e Imola andranno al voto e la Lega, come riferito dal segretario del carroccio, sta decidendo sui candidati che saranno presentati nei prossimi giorni.«Abbiamo più di un’idea su come offrire finalmente una bella opportunità di cambiamento. C’è più di una disponibilità e quindi vedremo di fare la scelta migliore. Abbiamo visto i dati in tantissime città della Romagna, sono orgoglioso della buona amministrazione di Forli e non solo, i cittadini stanno toccando con mano il buon governo della Lega». I candidati inoltre secondo Salvini non dovranno necessariamente avere un’estrazione politica «Occorre scegliere persone e soprattutto squadre concrete, non chiediamo la tessera a prescindere quindi se ci sono personalità del mondo delle professioni e del lavoro che si mettono a disposizione sono le benvenute». Per i nomi però si dovrà attendere ancora qualche giorno.

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, “Il Governo ci dia 2 mld o interrompiamo relazioni”

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, "Il Governo ci dia 2 mld o interrompiamo relazioni" “Con il governo, lo dico da presidente della Conferenza delle Regioni, bisogna che arriviamo a un accordo perché o il governo stanzia altri 2 miliardi di euro per le Regioni a statuto ordinario o altrimenti noi interromperemo le relazioni istituzionali. Stiamo lavorando bene insieme, non ho dubbi che troveremo un accordo, ma le cose bisogna dirle con grande chiarezza”. L’ha dichiarato Stefano Bonaccini durante una videoconferenza stampa convocata per presentare l’assestamento al Bilancio di previsione 2020 della Regione Emilia Romagna.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi