Politica

FORLÌ: Bonaccini chiude la campagna, “Siamo il triplo del centrodestra”

FORLÌ: Bonaccini chiude la campagna, “Siamo il triplo del centrodestra” “Fate le foto perché siete tre volte quelli che sono andati da Salvini, Meloni e Berlusconi a Ravenna”. Lo dice Stefano Bonaccini aprendo il suo intervento sul palco dell’Unieuro Arena di Forlì nell’evento di chiusura della campagna elettorale del centrosinistra in Emilia-Romagna. “Sono stato a Marzabotto per ricordare le vittime di quell’eccidio. Sono stati loro che ci hanno liberato davvero”, ha poi aggiunto.

Le note di “Bella Ciao” hanno scaldato prima dell’intervento di Bonaccini la platea dell’Unieuro Arena di Forlì durante l’evento di chiusura della campagna elettorale di Stefano Bonaccini. Molto applauditi in apertura Vasco Errani e la ministra Paola De Micheli. Presente anche Gene Gnocchi che sul palco ha imitato il governatore uscente ironizzando su Lucia Borgonzoni: “Se dice che la sanità qui non funziona – ha detto il comico – ha ragione. Ha ragione perché effettivamente sta male lei nel dirlo e quindi ci sono delle carenze nella sanità”. 

FORLÌ: Bonaccini chiude la campagna, “Siamo il triplo del centrodestra”

FORLÌ: Bonaccini chiude la campagna, “Siamo il triplo del centrodestra” “Fate le foto perché siete tre volte quelli che sono andati da Salvini, Meloni e Berlusconi a Ravenna”. Lo dice Stefano Bonaccini aprendo il suo intervento sul palco dell’Unieuro Arena di Forlì nell’evento di chiusura della campagna elettorale del centrosinistra in Emilia-Romagna. “Sono stato a Marzabotto per ricordare le vittime di quell’eccidio. Sono stati loro che ci hanno liberato davvero”, ha poi aggiunto.

Le note di “Bella Ciao” hanno scaldato prima dell’intervento di Bonaccini la platea dell’Unieuro Arena di Forlì durante l’evento di chiusura della campagna elettorale di Stefano Bonaccini. Molto applauditi in apertura Vasco Errani e la ministra Paola De Micheli. Presente anche Gene Gnocchi che sul palco ha imitato il governatore uscente ironizzando su Lucia Borgonzoni: “Se dice che la sanità qui non funziona – ha detto il comico – ha ragione. Ha ragione perché effettivamente sta male lei nel dirlo e quindi ci sono delle carenze nella sanità”. 

RAVENNA: Regionali, il centrodestra chiude la campagna coi tre leader

RAVENNA: Regionali, il centrodestra chiude la campagna coi tre leader Selfie di ‘famiglia’ al termine del comizio del centrodestra in occasione della  chiusura della ‎campagna elettorale di Lucia Borgonzoni per le Regionali in Emilia Romagna. Al fianco della candidata leghista, l’immagine di un centrodestra unito, con Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Giovanni Toti.

“Io ho fondato il centrodestra 26 anni fa perche’ i comunisti prendessero il potere. Oggi l’unione tra di noi e’ importante per vincere e ma e’ ancora piu’ importante, il giorno dopo, per governare”.‎ Cosi’ Silvio Berlusconi prima dell’inizio del comizio di chiusura della campagna elettorale del centrodestra in Emilia-Romagna. 
 

Se vinciamo “faremo si’ che non aprano le moschee ovunque”. E’ quanto ha promesso la leghista Lucia Borgonzoni, nel comizio di chiusura della sua campagna elettorale per le Regionali in Emilia Romagna. “Se vieni qua ti deve andare bene che io faccio l’albero di natale e il Presepe, ti devono andare bene le mie regole”, ha aggiunto. “La legge che e’ stata fatta sui campi nomadi la toglieremo”, ha concluso.

RAVENNA: Flash mob delle sardine a 200 metri dal comizio del centrodestra

RAVENNA: Flash mob delle sardine a 200 metri dal comizio del centrodestra In piazza Kennedy a Ravenna, a poche centinaia di metri dal luogo del comizio conclusivo del centrodestra con i tre leader nazionali, le sardine hanno inscenato il loro ormai consueto flash-mob. C’erano circa 2000 persone. All’evento, a cui non ha partecipato Mattia Santori, si sono aggregati anche i sardoni, il movimento che guarda alla terza età. A debita distanza, in piazza dell’Aquila, si sono visti anche alcuni contestatori che non hanno creato particolari problemi.

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, a Forlì la kermesse di chiusura di Bonaccini | VIDEO

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, a Forlì la kermesse di chiusura di Bonaccini | VIDEO Si è chiusa ieri sera la campagna elettorale “bolognese” di Stefano Bonaccini,che questa sera, invece, terra’ il suo intervento finale a Forlì, prima del silenzio elettorale. In un Arci Benassi strapieno, il candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione era accompagnato dal segretario dem Nicola Zingaretti e da dirigenti e amministratori locali.

 

Ritrova il proprio orgoglio il popolo del PD all’ingresso del segretario nazionale Nicola Zingaretti. E poi, pochi minuti dopo, stesso entusiasmo per il governatore in carica e candidato presidente Stefano Bonaccini. Le 1.500 persone presenti alla sala dell’arci Benassi,per la chiusura della campagna elettorale bolognese del PD, applaudono in piedi l’arrivo dei due leader,accompagnati da dirigenti,amministratori locali e candidati consiglieri. Tutti insieme,compatti, consapevoli che sta arrivando il rush finale,che tutto si gioca nelle prossime 48 ore. E su un’idea di Emilia Romagna basata sui contenuti non sull’odio,come ricorda Zingaretti

La fuga del papeete dello scorso agosto è stato il riconscimento di una sconfitta,la lega ora semina la cultura del disprezzo-dice il segretario dem,portando sul palco anche Chiara,21 anni,la ragazza aggredita a Modena mentre stava facendo volantinaggio per il Pd. . Questa volta è toccato a me, l’altro giorno al ragazzo tunisino accusato di spacciare e prima a un giovane dislessico,messo alla gogna dall’ex ministro dell’Interno-ricorda Chiara.

Ultimo a salire sul palco Bonaccini che ironizza sullo show dei campanelli di Salvini e invita apertamente l’elettorato,indecisi, 5 stelle e sinistra estrema al voto disgiunto,sottolinenando la scelta di alcuni consiglieri regionali pentastellati.

BOLOGNA: Regionali M5s, 200 persone al comizio finale di Luigi Di Maio | VIDEO

BOLOGNA: Regionali M5s, 200 persone al comizio finale di Luigi Di Maio | VIDEO Luigi di Maio, dopo le dimissioni da capo politico dei Cinque Stelle, è arrivato a Bologna per la chiusura della campagna elettorale in città del candidato del Movimento alle regionali, Simone Benini. Il comizio ieri sera in Piazza Galvani davanti a circa 200 sostenitori.

Il candidato presidente del Movimento Cinque Stelle Simone Benini risponde all’invito ai grillini di optare per il voto disgiunto alle regionali, lanciato da Stefano Bonaccini, in corsa per il centrosinistra. Una risposta data poco prima dell’inizio del comizio di chiusura della campagna elettorale a Bologna dei pentastellati. Prima di salire sul palco Benini rilancia, invitando gli elettori di Lega e Pd a votare lui, con il voto disgiunto. All’evento conclusivo bolognese è arrivato anche il ministro degli Esteri Luigi di Maio, fresco di dimissioni da capo politico del Movimento che ha ripercorso una serie di temi nazionali, già affrontati in sede di dimissioni, e indicato la strada anche per il post-elezioni.

Sul palco tutti candidati alle regionali dell’Emilia Romagna e i parlamentari Cinque Stelle che Benini ha ringraziato uno a uno.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi