Politica

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, “Salvini non sa nulla di questa regione”

EMILIA-ROMAGNA: Bonaccini, "Salvini non sa nulla di questa regione" “Il fatto che Salvini parli solo di governo o di altro, perché non conosce e non sa nulla dell’Emilia-Romagna, è la dimostrazione che si stanno usando gli emiliano-romagnoli per altri fini e non è giusto. Gli emiliano-romagnoli voteranno per chi dal 27 di gennaio nei prossimi cinque anni li guiderà in questa regione, non altro”. Così Stefano Bonaccini a margine di un’iniziativa elettorale nel Bolognese.

“Faremo due grandi scelte nei primi cento giorni: estendere l’asilo nido a coloro che non ce l’hanno e un grande investimento di nuovo sul tema della non autosufficienza”. Ha poi annunciato il governatore. “E’ vero che siamo quelli col fondo più alto ma siccome si invecchia per fortuna di più c’è bisogno che l’invecchiamento sia un’opportunità e non solo un dramma. Serve un patto con tutto il terzo settore per aumentare la dotazione dei servizi e tenerli alti con la qualità dell’accreditamento”.

“Ho sentito dire alla mia avversaria che toglierà l’Irap e l’Irpef in cinque anni. Assistiamo davvero al festival delle barzellette. Vorrebbe dire che il bilancio della regione Emilia-Romagna salterebbe oppure che si chiude tutta la sanità pubblica”. Ha proseguito Stefano Bonaccini, presidente ricandidato dell’Emilia-Romagna, parlando a Castel San Pietro Terme, nel Bolognese in riferimento a Lucia Borgonzoni.

“Che una forza politica si preoccupi di diventare sempre più aperta ad altre istanze, a portare dentro nuova linfa di partecipazione credo che sia un fatto molto positivo. Ma, davvero, sinceramente, di questo me ne occuperò eventualmente dopo il 27 gennaio e me ne vorrò occupare da nuovo presidente della regione Emilia-Romagna”. Ha poi risposto a chi chiedeva un commento al rinnovamento del Partito Democratico annunciato dal segretario Zingaretti.

CESENA: In tanti al film su Craxi, il figlio, “votate Bonaccini” | VIDEO

CESENA: In tanti al film su Craxi, il figlio, "votate Bonaccini" | VIDEO Tante persone hanno assistito ieri sera a Cesena alla proiezione del film “Hammamet” che racconta gli ultimi anni di vita di Bettino Craxi. 

 

Organizzato dai giovani del Partito Socialista, il cinema Eliseo di Cesena è stato teatro della proiezione evento del film “Hammamet” che racconta l’ultimo passaggio dell’esistenza di Bettino Craxi, storico leader socialista e a lungo presidente del Consiglio. Ospite il figlio Bobo.

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, per il Financial Times vittoria Lega porta Salvini a P.Chigi

EMILIA-ROMAGNA: Regionali, per il Financial Times vittoria Lega porta Salvini a P.Chigi “Se fosse Borgonzoni a vincere, non solo il colpo manderebbe al tappeto il Pd ma probabilmente innescherebbe una crisi nella coalizione con M5s al governo, il che potrebbe far cadere il governo. Con la Lega molto più avanti, nei sondaggi, dei suoi avversari, nuove elezioni potrebbero vedere Salvini balzare al potere come presidente del Consiglio”. E’ il Financial Times a inquadrare così la posta in gioco, e il possibile esito, delle prossime regionali. L’attenzione si concentra sull’Emilia-Romagna come chiave di lettura della crisi della sinistra, per un verso, e della comunque forte presenza di un partito di centrodestra, per l’altro. L’Ft ricorda infatti che Salvini sin dal suo avvento alla guida del partito ha riconfigurato la Lega “da partito separatista del Nord a forza del centrodestra diffusa sull’intero Paese” e che ha dunque puntato “a una clamorosa rivoluzione, per prendere il controllo di un’area del Paese tradizionalmente considerata come la culla del socialismo”.

In un’ampia inchiesta, che dà voce a studiosi e a politici e imprenditori a livello locale dei due fronti, l’autorevole quotidiano finanziario riferisce di sondaggi che quotano la leghista Borgonzoni “in grado di abbattere il Muro Rosso italiano” e la vedono ora “in un testa a testa con il presidente, Pd, della Regione in carica, Bonaccini”.

L’Ft ripercorre le fasi salienti della crisi del Conte 1, con tanto di riferimento al Salvini “in costume da bagno e con un mojito in mano”, ma osserva anche che dall’uscita dal governo in poi per la Lega “i consensi si sono rafforzati, tanto che i sondaggi confermano sistematicamente che può tranquillamente considerarsi il partito più apprezzato in Italia”. Di Salvini si dice ancora che si tratta di “un talentuoso e instancabile uomo da campagna elettorale” e si ricorda che “nelle speranze dei leghisti, una vittoria in Emilia-Romagna sarebbe l’ultima spinta per portare alla rottura la fragile coalizione di governo”.
 “Comunque vadano le elezioni – sintetizza l’articolo – i giorni dell’Emilia-Romagna come roccaforte comunista sono finiti ormai da tempo. Il Pci sin dal 1990 si è trasformato in un partito socialdemocratico, poi trasformatosi nel Pd dopo una piccola scissione dei più radicali che hanno costituito delle forze minoritarie”.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi