sport

CALCIO: Ascoli – Cesena 2-1

CALCIO: Ascoli - Cesena 2-1 Il Cesena esce sconfitto malamente dal Del Duca di Ascoli con il punteggio di 2-1. L’approccio da trasferta continua ad essere remissivo per i romagnoli che sono passati in svantaggio con la rete di Mogos al 25’. A nulla è servito il colpo di testa in rete di Fedele per il momentaneo pareggio perché ad inizio ripresa Clemenza in azione solitaria infila Fulignati. Il Cavalluccio termina la sfida in inferiorità numerica per la doppia ammonizione di Fedele subìto in due minuti. In classifica i romagnoli rimangono in zona playout ma staccati dalla Pro Vercelli sopra di un punto.

ASCOLI (4-4-2): Lanni; De Santis, Bianchi, Martinho (73’ Mignanelli), Gigliotti; Mogos (59’ Baldini), Buzzegoli (85’ Addae), Padella, Clemenza; Kanouté, Monachello. A disp.: Agazzi, Cherubin, Castellano, Pinto, Carpani, D’Urso, Lores Varela, Ganz. All.: Cosmi.

CESENA (4-4-1-1): Fulignati; Donkor, Suagher, Scognamiglio, Fazzi; Emmanuello (63 Vita), Fedele, Schiavone, Di Noia; Laribi (42’ Jallow), Cacia (73’ Moncini). A disp.: Agliardi, Melgrati, Perticone; Kupisz, Cascione, Ndiaye, Esposito, Dalmonte, Chiricò. All.: Castori.

Marcatori: 25’ Mogos, 41’ Fedele, 51’ Clemenza

Arbitro: La Penna di Roma 1

Ammoniti: Scognamiglio, Kanouté, Martinho

Espulsi: Fedele

Note: 3903 spettatori; 2’ minuti di recupero nel primo tempo, 4′ minuti nella ripresa

MOTORI: Irresistibile Melandri in Australia, il primo trionfo stagionale è suo!

MOTORI: Irresistibile Melandri in Australia, il primo trionfo stagionale è suo! Si ricomincia da Marco Melandri: il primo grande premio del mondiale 2018 di Superbike se l’è preso proprio il centauro ravennate della Ducati al termine di una gara semplicemente perfetta, senza la benché minima sbavatura. Macio, che era partito dalla terza posizione, ha avuto la meglio nel duello con il portacolori della Kawasaki Tom Sykes, superato al 19esimo giro e poi staccato nel prosieguo del Gran Premio sul circuito di Phillip Island. Terzo posto per il compagno di scuderia di Melandri, Chaz Davies, quarto Fores mentre il plurititolato Jonathan Rea si è dovuto accontentare della quinta posizione. Brutte notizie arrivano invece per Lorenzo Savadori, che è rimasto al palo per la frattura della clavicola sinistra rimediata cadendo durante la Superpole.

CALCIO: Kouame punisce il Cesena, il Cittadella passa all’Orogel Stadium | FOTO

CALCIO: Kouame punisce il Cesena, il Cittadella passa all'Orogel Stadium | FOTO Cade il Cesena all’Orogel Stadium contro il Cittadella: la squadra di Castori deve cedere il passo alla formazione veneta che si conferma un’autentica macchina da punti nei suoi viaggi in trasferta. Ospiti subito vicinissimi al vantaggio già all’8′ con Strìzzolo che coglie un palo esterno a Fulignati battuto. Il portiere bianconero deve però capitolare alla mezz’ora quando Strizzolo coglie un’altro palo su una sua respinta difettosa, riprende Kouame che segna a porta vuota. Inconsistente la reazione del Cesena nel primo tempo, meglio i bianconeri nella ripresa con Jallow vicino al pareggio al 57′ ma la sua battuta ravvicinata è respinta da Paleari. Pericoloso anche Cacia al 74′, gran sinistro deviato in angolo. Nel finale, però, il forcing bianconero si rivela infruttuoso e così il Cittadella ha vita facile a conservare l’1-0.

CALCIO: Avellino – Cesena 1-1

Il Cesena ha pareggiato sul 1-1 contro l’Avellino nella 25° giornata di Serie B. I bianconeri troppo rinunciatari, questo pomeriggio, hanno tenuto lo 0-0 fino al 90’ nonostante il palo di Ardemagni colpito ad inizi…

CALCIO: Folla gremita per l’ultimo saluto ad Azeglio Vicini a Cesenatico | VIDEO

CALCIO: Folla gremita per l'ultimo saluto ad Azeglio Vicini a Cesenatico | VIDEO Una lacrima dal cielo ha accompagnato le esequie di Azeglio Vicini, al rientro dai funerali celebrati al Duomo di Brescia. La comunità di Cesenatico, amici, conoscenti ma anche tanti personaggi del mondo dello sport si sono stretti attorno alla famiglia dell’84enne spentosi nella notte di martedì 30 gennaio. Vicini, nato nel 1933 a San Vittore di Cesena lascia la moglie Ines e i figli Ofelia, Manlio, Gianluca nonchè i nipoti. E proprio in quel mondo dello sport, Vicini si è distinto da grande uomo quale era. I suoi altissimi valori e le sue importanti doti lo hanno portato per dieci anni a militare nelle giovanili della Nazionale, poi ereditò la nomina di Commissario Tecnico da un’altra leggenda come Enzo Bearzot nel 1986. La prima impresa fu scritta dopo due anni, agli Europei del ’88 la cavalcata si fermò in semifinale, poi a Italia ’90, conquistò, con suo rammarico, una medaglia di bronzo che è stata la sua più grande impresa incompiuta. Contro l’Argentina furono fatali i rigori al San Paolo in cui era di casa un certo Diego Armando Maradona. Lasciata la panchina Azzurra ad un altro romagnolo come Arrigo Sacchi, ci fu anche la parentesi all’allora stadio Dino Manuzzi, in cui riuscì a portare alla salvezza il Cesena nel 1993 invischiato nella zona rossa della Serie B. A dare l’ultimo saluto ad Azeglio Vicini una delegazione del Cavalluccio composta da Lorenzo Lelli, Gabriele e Marco Valentini, Rino Foschi, ma anche Lorenzo Minotti e Salvatore Bagni. Al termine delle celebrazioni religiose presso la Chiesa di San Giacomo, la salma è stata tumulata presso la cappella di famiglia situata al cimitero di Cesenatico.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi