sport

CALCIO: Ricciardo e Viscomi stendono il Matelica, il Cesena vola a +10 | FOTO

CALCIO: Ricciardo e Viscomi stendono il Matelica, il Cesena vola a +10 | FOTO Il Cesena si aggiudica lo scontro al vertice col Matelica e vede avvicinarsi il traguardo della promozione in serie C: sono dieci i punti di vantaggio che i bianconeri vantano proprio sui marchigiani. Pronti via e il primo brivido lo concede l’arbitro Costanza che prima concede un rigore al Cesena per il fallo di Benedetti su Ricciardo, poi torna sui propri passi su segnalazione del proprio assistente per l’iniziale posizione di off-side del centravanti messinese. Il Matelica si rende pericoloso con la gran bordata di Melandri e il diagonale out di Florian ma al 38′ sono i bianconeri a passare in vantaggio con il solito Ricciardo che sfrutta l’assist di Alessandro e trafigge Avella. Ad inizio ripresa è ancora Ricciardo a sfiorare il raddoppio prima del pareggio del Matelica al 51′, con Agliardi che fallisce un disimpegno spianando la strada alla conclusione a porta vuota di  Florian. Il Matelica resta però in dieci per l’espulsione di Benedetti e al 71′ incassa il nuovo vantaggio del Cesena con Viscomi che sugli sviluppi di una punizione battuta da Alessandro sfrutta la sponda di Biondini e batte per la seconda volta Avella. È la rete che vale tre punti d’oro per il Cesena che batte il Matelica per 2-1.

CESENA (4-2-3-1): Agliardi, Noce, Ciofi, Viscomi, Valeri (Rutjens 81’), Biondini, De Feudis, Munari (Campagna 74’), Fortunato (Tonelli 64’), Alessandro (Tortori 83’), Ricciardo (Capellini 93’). Allenatore: Angelini.

MATELICA (4-4-2): Avelia, Visconti, Riccio, De Santis, Lo Sicco, Benedetti, Angelilli (Bittaye 87’), De Marco (Pignat 55’), Florian (Dorato 75’), Melandri (Margarita 75’) , Bugaro (Cuccato 55’). Allenatore: Tiozzo.

ARBITRO: Vingo di Pisa

MARCATORI: Ricciardo (C) 38′, Florian (M) 51′, Viscomi (C) 71′

AMMONITI: Benedetti, Cuccato

ESPULSI: Benedetti 55°

NOTE: 9282 spettatori; 1′ minuto di recupero nel primo tempo e 5′ nella ripresa

CALCIO: Addio a Stefano Evangelisti, il “mister dei miracoli” del Classe

CALCIO: Addio a Stefano Evangelisti, il "mister dei miracoli" del Classe Il mondo del calcio piange la scomparsa di Stefano Evangelisti: il tecnico romagnolo si è spento all’età di 53 anni, vittima di una malattia che lo aveva colpito nei mesi scorsi costringendolo, tra l’altro, ad abbandonare la panchina del Classe all’inizio di questa stagione sportiva. Una carriera brillantissima, quella condotta da Evangelisti nei campionati dilettantistici della Romagna, con risultati di rilievo conquistati alla guida di Low Ponte, Alfonsine, Faenza e Lavezzola fino all’ultima esperienza, quella del Classe da lui portato dalla Promozione a uno storico salto in Serie D. Biancorossi che ieri sono scesi in campo senza conoscere la notizia della morte del loro ex allenatore e hanno concluso un importante scontro salvezza contro il Ciliverghe Mazzano aggiudicandosi il match col punteggio di 2-0.

CALCIO: Il Cesena va sotto e ribalta l’Avezzano 3-1

CALCIO: Il Cesena va sotto e ribalta l'Avezzano 3-1 Il Cesena riprende il campionato di Serie D con una vittortia per 3-1 sull’Avezzano. Nella 20esima giornata del girone F, i bianconeri dopo la traversa colpita da Noce vanno sotto davanti al pubblico dell’Orogel Stadium Dino Manuzzi al minuto 11′ con la rete di Manari, su ribattuta di Noce in scivolata, l’attaccante elude anche l’intervento di Agliardi. I bianconeri abbassano i giri ma nel finale di primo tempo ribaltano la gara: infatti al 43′ Ricciardo con una volèe di destro non lascia scampo a Fanti e nell’unico minuto di recupero Alessandro si procura e realizza un calcio di rigore. Nella ripresa prendono vita la girandola di cambi e accade poco o nulla se non il gol del definitivo 3-1 di Alessandro con una stoccata potente dall’altezza del dischetto dell’area ospite. In classifica i romagnoli prendono il largo ora con 7 punti di vantaggio sul Matelica secondo, sconfitto dalla Vastese 2-1.

CALCIO: Urlo Ravenna, è secondo! Pari per Rimini e Imolese

CALCIO: Urlo Ravenna, è secondo! Pari per Rimini e Imolese L’epilogo più incredibile per una partita rocambolesca il Ravenna lo trova al 93′ del big match con la Ternana: Siani tiene vivo un pallone sugli sviluppi di un corner e lo serve a Boccacini che con un colpo di testa indirizzato sul secondo palo beffa Iannarilli, sigla la rete del definitivo 3-2 e lancia il Ravenna al secondo posto in serie C, pari merito con la Ternana e a 6 punti dal Pordenone capolista. Giallorossi che in precedenza si erano portati avanti sul 2-0 grazie alle reti di Trovade al 2′ e Bresciani al 28′ salvo poi incassare la rimonta delle fere con Marilungo (45′) e Bifulco (50′). Meno bene era andata al Rimini, a lungo avanti sulla Vis Pesaro nonostante l’inferiorità numerica (espulso Ferrani al 39′) per effetto del rigore trasformato da Candido al 52′: nel finale arriva il pareggio di Petrucci per una Vis che sfiora a più riprese il punto del sorpasso ma trova sulla sua strada un grande Nava. Rimonta riuscita invece all’Imolese: il Sudtirol passa al 43′ con Berardocco che insacca dopo che Rossi aveva respinto la sua esecuzione dal dischetto ma a dieci minuti dalla fine i rossoblu strappano l’1-1 con l’incornata sotto misura di Belcastro.

CALCIO: Urlo Ravenna, è secondo! Pari per Rimini e Imolese

CALCIO: Urlo Ravenna, è secondo! Pari per Rimini e Imolese L’epilogo più incredibile per una partita rocambolesca il Ravenna lo trova al 93′ del big match con la Ternana: Siani tiene vivo un pallone sugli sviluppi di un corner e lo serve a Boccacini che con un colpo di testa indirizzato sul secondo palo beffa Iannarilli, sigla la rete del definitivo 3-2 e lancia il Ravenna al secondo posto in serie C, pari merito con la Ternana e a 6 punti dal Pordenone capolista. Giallorossi che in precedenza si erano portati avanti sul 2-0 grazie alle reti di Trovade al 2′ e Bresciani al 28′ salvo poi incassare la rimonta delle fere con Marilungo (45′) e Bifulco (50′). Meno bene era andata al Rimini, a lungo avanti sulla Vis Pesaro nonostante l’inferiorità numerica (espulso Ferrani al 39′) per effetto del rigore trasformato da Candido al 52′: nel finale arriva il pareggio di Petrucci per una Vis che sfiora a più riprese il punto del sorpasso ma trova sulla sua strada un grande Nava. Rimonta riuscita invece all’Imolese: il Sudtirol passa al 43′ con Berardocco che insacca dopo che Rossi aveva respinto la sua esecuzione dal dischetto ma a dieci minuti dalla fine i rossoblu strappano l’1-1 con l’incornata sotto misura di Belcastro.

CALCIO: Il Cesena usa la testa, il Giulianova cade 2-0

Il Cesena supera piuttosto agilmente il Real Giulinova per 2-0 nell’ultima gara del 2018 e si aggiudica il titolo di campione d’inverno. Nell’anticipo della 19esima giornata di Serie D, nel girone F i bianconeri …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi