CONSELICE: Botte alla scuola materna, il Comune “Non ne sapevamo niente” | VIDEO

Attualità
CONSELICE: Botte alla scuola materna, il Comune “Non ne sapevamo niente” | VIDEO Fa discutere a Conselice il caso della maestra accusata di maltrattamenti che risultava da anni in cura al Sert. Dal comune fanno sapere “Non ne sapevano niente” “A scuola c’è un mostro che ci da le botte”. Queste le parole di uno dei piccoli alunni di una scuola materna di Conselice, provincia di Ravenna, che ha fatto scattare il primo campanello d’allarme nei genitori. A loro si è unito un coro di altre 10 famiglie che, a partire dal 2017, hanno cominciato a rivolgersi ai Carabinieri. Da li l’indagine su una maestra di 57 anni, che si trova indagata per maltrattamenti aggravati nei confronti di alcuni bambini tra i 3 e i 4 anni. Uno vicenda, già di per sé grave, che sta facendo ancora più rumore nell’opinione pubblica da quando si è scoperto che la donna era in cura al Sert da 10 anni e che, nell’ultimo periodo, stava seguendo un percorso di riabilitazione a base di metadone e antidepressivi. Cosa che,stando a quanto risulterebbe dalle analisi, non le impediva di assumere comunque cocaina e marijuana. E ora molti puntano il dito sul Comune, accusato di non aver vigilato a dovere. “La scuola è statale e purtroppo al Comune non è stato comunicato nulla” – spiegano dall’amministrazione. La quale si dice dispiaciuta per la vicenda, anche in virtù del fatto che nessuno dei coinvolti ha pensato di recarsi a Palazzo Fabbri per chiedere aiuto.”Noi siamo a disposizione delle famiglie – ha spiegato il Sindaco – Quando 10 anni fa si è verificato un episodio simile in una scuola comunale, l’amministrazione si è attivata da subito per risolvere la vicenda cambiando tutti gli operatori. Ora dallo Stato mi aspetto lo stesso rigore”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi