EMILIA-ROMAGNA: Cassa integrazione straordinaria, Bonaccini “Primi in Italia” | VIDEO

Economia
EMILIA-ROMAGNA: Cassa integrazione straordinaria, Bonaccini “Primi in Italia” | VIDEO E’ stato siglato ieri l’accordo tra Regione e sindacati per introdurre la cassa integrazione straordinaria per i lavoratori delle aziende in difficoltà a causa del coronavirus. Vediamo i dettagli Sono 38 milioni di euro per un mese di cassa integrazione straordinaria. Questi i numeri dell’accordo siglato venerdì in Regione assieme a Cgil, Cisl e Uil, il primo in Italia,  in supporto ai lavoratori delle aziende colpite dalla crisi causata dal coronavirus. Nel dettaglio, l’accordo avrà valore retroattivo, partirà cioè dal 23 febbraio e durerà un mese. Possono accedervi in deroga i datori di lavoro del settore privato e delle unità produttive e operative di tutta l’Emilia-Romagna, a beneficio dei lavoratori subordinati il cui rapporto di lavoro sia stato sospeso, tutto o in parte, a causa degli effetti economici negativi causati dalle ordinanze. Questo vale anche per le aziende esterne alla regione, ma con lavoratori domiciliati in Emilia-Romagna.  

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi