EMILIA-ROMAGNA: Indagine Intesa San Paolo, crescita export distretti industriali +0,9% | VIDEO

Economia
EMILIA-ROMAGNA: Indagine Intesa San Paolo, crescita export distretti industriali +0,9% | VIDEO Una crescita modesta che non raggiunge l’uno percento. Le esportazioni dei distretti industriali dell’Emilia Romagna hanno chiuso il terzo trimestre del 2017 con un aumento dello 0,9 percento. Dato inferiore rispetto alla media nazionale, che si attesta al più 4,5 percento, e a quello del sistema manifatturiero regionale che segna un più 5,2 percento. Questo è il quadro che emerge dal monitoraggio della Direzione Studi e Ricerche di Intesa San Paolo.   Il 2017 era partito bene per l’industria nostrana. I primi nove mesi avevano fatto segnare una crescita dell’export più marcata, sopra i due punti percentuali. Positivo il fatto che la maggior parte dei distretti ha chiuso l’anno in crescita. Cifre con il segno più per 13 distretti su 19 monitorati. Lo stato di salute migliore, secondo l’analisi, lo gode la meccanica, come il settore ciclomotori di Bologna (+10%) e quello delle macchine per il legno di Rimini (+8%). Il settore alimentari è invece ballerino. A livello romagnolo rimane però stabile l’ortofrutticolo. Il comparto moda è in contrazione, tranne che a Rimini, dove segna un più 17 percento, e a San Mauro Pascoli (+1,5%). In continua ripresa anche le esportazioni dei mobili imbottiti di Forlì.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi