EMILIA-ROMAGNA: Natalità, aumentano le mamme straniere e non laureate | VIDEO

Attualità
EMILIA-ROMAGNA: Natalità, aumentano le mamme straniere e non laureate | VIDEO In questi giorni ha fatto molto discutere il bambinello di colore collocato in un presepe della Sicilia, ma non si va molto lontani dal vero se si afferma che negli ultimi anni si contano sempre di più nati da genitori stranieri. Un dato, questo, che interessa principalmente l’Emilia-Romagna e che viene definito all’interno del 14esimo Rapporto sui dati del certificato di Assistenza al Parto in tutto il 2016. Il documento descrive l'assistenza a gravidanza e parto in Emilia-Romagna e propone due approfondimenti: uno sulle disuguaglianze e uno sulla sorveglianza della natimortalità. Nel 2016 vi sono stati 34 mila parti (34.790 neonati). Risulta quindi confermata la progressiva diminuzione nel numero dei nati residenti in regione iniziata nel 2010 (-18.5%). Il tasso di natalità, invece, scende a 7.8 nati per 1000 abitanti, 2 punti in meno rispetto al 2009. Dalle informazioni raccolte emergono il progressivo incremento della quota di madri con cittadinanza straniera, da 21.8% nel 2005 a 32.5% nel 2016); e per la prima volta si registra un lieve incremento della quota di madri con una scolarità bassa (licenza elementare o di scuola media inferiore) pari a 25.7%, pressoché stabile la quota di madri laureata o con diploma universitario pari a 32.2. Si tratta di dati che si inseriscono direttamente nella questione politica dello ius soli, la legge sulla cittadinanza, approvata dalla Camera alla fine del 2015 e da allora in attesa di essere esaminata dal Senato. La legge espande i criteri per ottenere la cittadinanza italiana e riguarda soprattutto i bambini nati in Italia da genitori stranieri o arrivati in Italia da piccoli.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi