EMILIA-ROMAGNA: Regionali, Bonaccini, “Con Bignami ottimo rapporto” | VIDEO

Politica
EMILIA-ROMAGNA: Regionali, Bonaccini, "Con Bignami ottimo rapporto" | VIDEO La sfida per le elezioni regionali entra piano piano nel vivo in Emilia-Romagna. Stefano Bonaccini, presidente uscente dell'Emilia-Romagna, appare rassicurato dopo il recente sondaggio che lo ha visto, con un 48%, in netto vantaggio sulla sua potenziale competitor leghista Lucia Borgonzoni, ammesso che non ritiri la sua candidatura come paventato. Il nodo centrale però è se ci sarà o meno l'alleanza coi 5 stelle. “Non c'è nulla", mi pare che oggi siano molto concentrati quello che accadrà in Umbria. Mi pare che la piattaforma Rousseau abbia dato il via libera a cercare un'alleanza con un candidato civico. Io ho sempre detto che le alleanze si fanno sui programmi non a tavolino e, soprattutto, non per battere gli avversari e basta, perché si rivelerebbero ben poca cosa alla prova del governo non tanto del voto”. Hd detto Stefano Bonaccini, governatore dell’Emilia-Romagna, parlando a margine della cena di partito a Misano Adriatico del tema alleanza tra Pd e 5s. “Ma credo – aggiunge – che sarebbe giusto, utile, persino naturale con un Governo nazionale che è partito, quanto meno andare a verificare se ci possono essere eventuali convergenze. Io credo che ci uniscano molte più cose di quelle che pensiamo. Per altro in diverse occasioni il Movimento 5 Stelle ha votato con la maggioranza persino diverse delibere importanti della Giunta come la prima che proposi, il taglio di 15 milioni di euro ai costi della politica a inizio legislatura oppure l'ultima, importante, quella sull'avanzamento dei diritti per le persone omosessuali. Io credo – aggiunge – che l'unica cosa che si possa fare, se si vuole provare a dialogare, sia mettersi a sedere e provare a guardare ai programmi. Altrimenti – conclude – si può rimanere tranquillamente avversari e amici come prima, ma da avversari come siamo stati in questi anni, vedremo…” Ma quasi inaspettatamente, Bonaccini lancia un assist a Galeazzo Bignami, ex parlamentare berlusconiano ora con Fratelli d'Italia su cui Giorgia Meloni spinge come candidato alle regionali. “Lucia Borgonzoni la conosco veramente poco – dice il presidente dell'Emilia-Romagna  – conosco invece abbastanza bene Galeazzo Bignami con cui abbiamo avuto una ottima collaborazione pur nel contrasto su tante politiche, parlavo di collaborazione istituzionale, persona con cui c’è sempre stato un ottimo rapporto di grande correttezza e rispetto reciproco pur militando su due posizioni proprio opposte”.  Infine la data del voto sulle regionali. “Lunedì (23 settembre, ndr) incontriamo il presidente della Corte d’Appello che è quello che insieme a me per legge deve decidere. Valuteremo lì e decideremo il da farsi”. Sarà “tra fine novembre e fine gennaio, non si scappa”, aggiunge. “Vedo tanta agitazione nella destra, non cambia nulla se sarà qualche settimana prima o dopo. La data temporale è stabilita dalle regole e noi le regole le rispettiamo”. “Ai sondaggi – conclude Stefano Bonaccini parlando a margine di un evento a Misano Adriatico dell’ultimo rilevamento che lo vede in vantaggio – ci credo zero, lasciano il tempo che trovano. Contano i voti nelle urne, quante volte abbiamo visto sondaggi che sembravano positivi rivelarsi sbagliati o sondaggi negativi che sono stati ribaltati dal voto?”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi