EMILIA-ROMAGNA: Si ferma la crescita dell’occupazione, in aumento gli inattivi | VIDEO

Economia
EMILIA-ROMAGNA: Si ferma la crescita dell’occupazione, in aumento gli inattivi | VIDEO Si ferma la crescita dell’occupazione nel primo trimestre dell’anno, con un aumento degli inattivi nei mesi del lockdown. E’ il quadro tracciato dall’elaborazione dei dati Istat realizzata dall’ufficio studi di Unioncamere Emilia-Romagna. In regione al termine dei primi tre mesi del 2020 gli occupati sono risultati poco più di 2 milioni e 15mila, con una lievissima flessione (-0,1 per cento) sullo stesso periodo dell’anno precedente. Nello stesso tempo, i disoccupati sono calati di oltre il 10 per cento, con una riduzione del tasso di disoccupazione dal 6,1 al 5,5 per cento. Per quanto riguarda l’emergenza sanitaria, che ha sospeso per lunghe settimane le attività non essenziali, un primo riscontro sul mercato è la riduzione delle forze di lavoro (-0,7 per cento) e dall’aumento delle non forze di lavoro (+0,9 per cento). In altre parole sono diminuiti coloro che hanno un impiego o lo cercano (la cosiddetta popolazione attiva), mentre si è registrato un incremento di chi è rimasto senza lavoro e non ha potuto o voluto cercare un’occupazione. Questi movimenti vanno in senso opposto alla tendenza dominante in precedenza e colgono l’uscita dal mercato del lavoro imposta dal lockdown ad alcune categorie di lavoratori. Per quanto riguarda i singoli settori, rispetto al primo trimestre dello scorso anno, si è assistito a un boom dell’occupazione in agricoltura (+22,7 per cento), mentre nell’industria ha fatto un deciso passo indietro (-4,6 per cento), interrompendo una serie positiva in corso da otto trimestri.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi