EMILIA-ROMAGNA: Treni, 1.364 corse soppresse in un anno, M5S “Un flop”

Attualità
EMILIA-ROMAGNA: Treni, 1.364 corse soppresse in un anno, M5S “Un flop” Oltre 1.300 corse soppresse nel 2018. I dati, raccolti dal Movimento 5 Stelle, riguardano i treni gestiti direttamente dalla Regione Emilia-Romagna attraverso FER e TPER. “Il flop di Bonaccini è evidente”, tuonano Silvia Piccinini e Davide Zanichelli, rispettivamente consigliera regionale e portavoce in Parlamento dei pentastellati. Dopo i ritardi dei convogli (115mila minuti lo scorso anno sulle 9 linee regionali), i 5stelle tornano ad attaccare la giunta regionale sul fronte dei trasporti ferroviari. Nel dettaglio, secondo i dati forniti da FER e raccolti da Piccinini, in 12 mesi sono state 1.364 le corse cancellate che hanno lasciato a piedi i pendolari in Emilia-Romagna. In media 151 corse saltate all’anno per ognuna delle nove tratte gestite dalla Regione, che si trovano prevalentemente in Emilia, con un aumento del 5,54% rispetto al 2017 e del 25% rispetto al 2014. Alcune linee registrano in media una corsa saltata al giorno: ad esempio la Modena-Sassuolo, con 361 corse cancellate nel 2018 e un peggioramento del 45% rispetto all’anno precedente. I grillini sottolineano che le cause delle cancellazioni sono legate soprattutto al materiale rotabile e alle infrastrutture. Scrivono in una nota: “Crediamo che le responsabilità della Regione davanti a questo ennesimo disastro della nostra mobilità ferroviaria siano evidenti”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi