FERRARA: Cimice asiatica, Bellanova, “Problema grave, subito 80 milioni”

Politica
FERRARA: Cimice asiatica, Bellanova, "Problema grave, subito 80 milioni" "Il problema della cimice asiatica è un problema grave che merita tutta l'attenzione del caso". Lo afferma il ministro della politiche agricole Teresa Bellanova parlando a margine di un incontro a Ferrara. "Noi stiamo lavorando, come ho detto ai rappresentanti degli agricoltori e alle istituzioni, nella legge di bilancio dove c'era un fondo di solidarietà che non era stato finanziato l'anno scorso, noi mettiamo 80 milioni di euro, 40 milioni per il 2020 e 20 milioni l'anno per gli anni successivi. Continueremo a lavorare per capire se riusciamo a incrementare ulteriormente ma sono risorse che devono andare a ristoro degli agricoltori che hanno perso produzione e reddito. Insieme a questo – prosegue Bellanova – stiamo lavorando perché ci possa essere con il sistema bancario un blocco dei mutui oltre a un intervento che stiamo facendo con l'Unione Europea perché noi vogliamo uscire dalla logica dell'emergenza e lavorare su uno strumento che deve essere stabile per quanto riguarda queste situazioni che purtroppo sempre più frequentemente si stanno determinando nel settore", aggiunge. "C'è un lavoro in corso". La ministra dell'Agricoltura Teresa Bellanova risponde così a Ferrara chi le chiede dell'utilizzo della 'vespa samurai', potenziale rimedio naturale contro la cimice asiatica. "Ho fatto l'intervento sul ministero dell'Ambiente – prosegue – affinché vengano fatti tutti i passaggi. Si tratta di questioni che hanno investito il mondo della ricerca, sulla quale si è lavorato, e spero che rapidamente anche questo strumento possa essere messo nella disponibilità degli agricoltori per poter contribuire a combattere questo grave fenomeno". "Noi dobbiamo investire molto sulla ricerca" prosegue il ministro Bellanova parlando dell'uso di sostanze chimiche in agricoltura. "Non possiamo combattere un problema e crearne un altro – aggiunge – gli strumenti che sono stati adottati, è mia intenzione lavorare affinché vengano prorogati ma su altri eventuali prodotti c'è sempre una ricerca da fare. Noi lavoriamo in un settore delicato dal quale si traggono prodotti che arrivano sulle tavole degli italiani e dei cittadini del mondo. Noi non possiamo essere un oggetto di inquinamento ma dobbiamo essere sempre più soggetto di risanamento e di ricucitura del territorio e dell'ambiente". CALVANO (PD): SUBITO RISORSE ALLE IMPRESE "Gli 80 milioni stanziati nel triennio sono un primo segnale ma serve aumentarli da subito come chiesto dagli agricoltori e dai rappresentanti dei lavoratori. Saremo impegnati nelle diverse sedi per aumentare il fondo a sostegno delle imprese, sia attraverso fondi nazionali che europei, magari usando quelli che rischiano di non essere spesi”: è il commento del segretario e consigliere regionale del Pd Paolo Calvano che saluta positivamente l'incontro avvenuto oggi in Prefettura a Ferrara con il ministro dell'agricoltura Teresa Bellanova. Calvano ricorda che entro fine anno, il Ministro ha assicurato che tornerà a Ferrara per fare il punto con istituzioni e agricoltori. BILANCIO EUROPEO, BELLANOVA: "PIU' RISORSE PER LA PAC" "Siamo fortemente impegnati, non solo in Italia ma a livello comunitario, affinché il bilancio comunitario non tagli risorse alla pac, anzi che la politica agricola europea venga ristorata anche delle risorse che erano state tagliate". Lo afferma il ministro Teresa Bellanova parlando con i giornalisti a Ferrara. "Noi dobbiamo fare una grande campagna di investimento in questo settore e di valorizzazione delle nostre produzioni. Noi abbiamo la necessità di far conoscere, di far ragionare sulla criticità ma anche di evidenziare i tanti punti di forza che stanno nel settore. I prodotti italiani, proprio perché non c'è l'uso della chimica in modo esasperato, perché ci sono le norme di buona coltivazione e perché c'è l'etichettatura su cui noi continuiamo a insistere, devono continuare a farsi conoscere a quei consumatori che si possono permettere il costo del 'made in Italy'. Produrre rispettando le regole di buona coltivazione significa avere anche dei costi superiori di produzione", conclude. (VIDEO IN ARRIVO)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi