FERRARA: Coop sociali, “No all’accoglienza migranti di bassa qualità” | VIDEO

Cronaca
FERRARA: Coop sociali, “No all'accoglienza migranti di bassa qualità” | VIDEO "Eravamo consapevoli che la nostra non partecipazione al bando ci avrebbe esposto a facili critiche e, purtroppo, anche ad offese ed insulti, ma non siamo disponibili ad una accoglienza di bassa qualità che considera le persone più deboli non più come uomini e donne con una piena dignità, ma soggetti da mantenere al minimo in attesa di una espulsione che ben difficilmente avverrà". Questo quanto spiegato in un nota dalle 15 coop sociali di Ferrara, tra le più impegnate in prima linea da anni nell'accoglienza dei migranti e richiedenti asilo, per motivare la decisione di non partecipare al bando di gara per i Cas , i Centri assistenza straordinaria,  indetto dalla Prefettura, i cui termini sono scaduti lo scorso 9 aprile.  Sulle 640 persone ad oggi accolte, 78 sono impegnate in attività di volontariato e integrazione in collaborazione con associazioni locali e società sportive, 175 stanno svolgendo un tirocinio lavorativo o un corso di formazione e 220 sono assunte con regolare contratto di lavoro. Secondo le stesse coop il capitolato di questo nuovo bando renderebbe impossibile molto di tutto questo. Se da un lato viene condivisa la riduzione della spesa giornaliera pro-capite prevista fino ad ora, dall’altro, continua la nota “viene ridotto drasticamente il numero degli educatori impegnati nel seguire i richiedenti asilo, aprendo una grave falla sia a livello educativo che a livello di controllo e di sicurezza per le comunità locali in cui gli appartamenti sono inseriti".

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi