FERRARA: La giunta della Lega si alza lo stipendio, M5s, “presa in giro”

Politica
FERRARA: La giunta della Lega si alza lo stipendio, M5s, "presa in giro" Il Comune di Ferrara ha ripristinato il salario pieno per sindaco, assessori e presidente del consiglio comunale. Il provvedimento dell'ente, guidato da pochi mesi dal primo cittadino leghista Alan Fabbri, segue la precedente decisione della compagine di centrosinistra che aveva portato a una diminuzione degli emolumenti del 10% per la giunta, mentre il presidente del consiglio se lo era abbassato del 15%. Il primo cittadino guadagna ora 6400 euro al mese, gli assessori 4800 mentre il presidente del consiglio 2720. Fabbri ha precisato che tali aumenti "rientrano nei limiti di legge" definendo un atto "demagogico e strumentale" quello deciso dall'amministrazione precedente. "L’aumento degli stipendi di sindaco e giunta a Ferrara – commenta Andrea Bertani, capogruppo del Movimento 5 Stelle al consiglio regionale dell'Emilia-Romagna – dimostra che il primo interesse della Lega quando si trova ad amministrare un Comune, una Regione o più semplicemente un condominio, è quello di assicurarsi più soldi possibili. Altro che prima gli italiani. La motivazione – prosegue l'esponente grillino – avanzata dalla giunta per giustificare l’aumento ovvero quello di avere una 'visione macroeconomica più ampia', è una chiara presa in giro dei cittadini e un’autentica beffa per le imprese ferraresi a cui era stato destinato il taglio degli stipendi del 10% deciso dalla precedente amministrazione. Una mossa che magari la Lega attuerà anche in Regione per il futuro", conclude.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi