FORLI': Finalmente "Boldini: lo spettacolo della modernità"

Speciali
Grande inaugurazione per la decima mostra dei Musei San Domenico di Forlì, questa volta dedicata al grande pittore ferrarese dell’Ottocento Giovanni Boldini. Considerata non solo la più bella ma anche quella più completa sul pittore, la mostra “Boldini: lo spettacolo della modernità” apre i battenti il 31 gennaio e fino al 14 giugno sarà possibile visitarla presso i Musei San Domenico di Forlì. Prevista un’enorme affluenza di visitatori da tutte le parti d’Europa visto il forte richiamo che genera un’artista di questo calibro. Le opere esposte sono circa duecento, tra quadri e disegni che ripercorrono l’intera vita artistica del pittore. Molto apprezzato nel campo della ritrattistica dallo stile classico, Boldini era solito rappresentare le nobili signore dell’epoca a figura intera, le quali si mettevano in fila per essere ritratte da lui. In esposizione anche il famoso “Ritratto di Giuseppe Verdi” del 1886 che raffigura il compositore a mezzo busto con la tecnica a pastello. Accanto alla retrospettiva sull’artista anche una quarantina di opere appartenenti a  pittori di fama internazionale come Goya, Degas, Modigliani e tanti altri. Per la città di Forlì è l’ennesima conferma di un successo che ha origine proprio dall’impegno e dal lavoro che ruota attorno all’organizzazione di questi eventi culturali e artistici. Ricordiamo infatti che anche le precedenti mostre  su Palmezzano, Canova, Wildt e Liberty hanno registrato un grande successo di pubblico. Iniziative che generano non solo ricchezza culturale ma anche redditività sul piano economico.   [jwplayer file=”speciale4743.mp4″ config=”Player_Speciali” provider=”rtmp” streamer=”rtmp://live.teleromagna.it/TeleromagnaVod/” html5_file=”http://live.teleromagna.it/TeleromagnaVOD/mp4:speciale4743.mp4/playlist.m3u8″ ]
Tags:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi