RAVENNA: Nata invalida, maxi-pignoramento per Ausl Romagna

Cronaca
RAVENNA: Nata invalida, maxi-pignoramento per Ausl Romagna Dai conti correnti di Ausl Romagna sono stati pignorati 2,5 milioni di euro come risarcimento nei confronti della famiglia di una quattordicenne rimasta gravemente invalida a seguito del parto. Come riportano le agenzie di stampa, il provvedimento è stato emesso su richiesta dei legali dei genitori dal giudice dell'esecuzione di Forlì, città in cui ha sede la tesoreria dell'azienda. A giugno il tribunale di Ravenna aveva condannato la Ausl locale a un risarcimento di 1,7 milioni che, nonostante la sentenza sia divenuta esecutiva, in realtà non è mai avvenuto. Oggi la somma è stata aumentata di un terzo come prevede la legge. La vicenda risale al 2004 quando la madre, alla trentottesima settimana, si presentò all'ospedale di Lugo (RA) per un parto gemellare. I sanitari rilevarono una sofferenza fetale ma non disposero un ricovero. Non essendo disponibili ambulanze o culle termiche, la donna si recò con mezzi propri al nosocomio di Ferrara dove nacquero le due bambine, la prima con una gravissima paralisi cerebrale che l'ha resa invalida permanente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi