RAVENNA: Protesi difettose, il principale imputato irreperibile | VIDEO

Cronaca
RAVENNA: Protesi difettose, il principale imputato irreperibile | VIDEO Era stato chiamato a rispondere di frode in commercio, violazione del Codice del Consumo e lesioni personali aggravate il francese Jean Claude Mas, titolare della società Poly Implants Prothèses (Pip), per aver venduto protesi al silicone difettose. Ma il processo a suo carico a Ravenna è stato sospeso a causa dell'irreperibilità dell'imputato. Mas infatti era stato arrestato in Francia a causa di una denuncia di guida in stato di ebbrezza in Costa Rica, ma dopo l'uscita dal carcere, sembra essere scomparso nel nulla. Nel processo di Ravenna 8 donne  – residenti tra Faenza e la Bassa Romagna, tra i 50 e gli 80 anni,- si sono costituite parte civile per chiedere il risarcimento dei danni fisici e morali subiti. Tra il 1999 e il 2002 le donne si erano sottoposte a interventi di chirurgia come conseguenza di operazioni per l’asportazione di un tumore al seno. Tutte le donne sono state richiamate per asportare le protesi Pip.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi