RAVENNA: Sospesi i vertici di Autorità portuale, a rischio il progetto hub

Cronaca
RAVENNA: Sospesi i vertici di Autorità portuale, a rischio il progetto hub Acque agitate nel porto di Ravenna, la Procura ha emesso un atto di interdizione per un anno nei confronti dei vertici dell’Autorità portuale.   Il porto di Ravenna non ha pace: la magistratura ha sospeso dall’incarico il presidente dell’Adsp ravennate, Daniele Rossi, il segretario generale Paolo Ferrandino e il direttore tecnico Fabio Maletti. Lo riporta Il Resto del Carlino. Il gip Janos Barlotti ha infatti emesso un atto di interdizione su richiesta della Procura  per concorso per inquinamento ambientale, abuso e omissione di atti di ufficio per il caso Berkan B, la nave affondata nella Pialassa Piombone. La sospensione dall’incarico è per un anno. Tra alcuni giorni è previsto l’interrogatorio di garanzia. Già l’11 luglio i tre erano stati sentiti in Procura per la stessa inchiesta. Una situazione che non va sottovalutata in un discorso più ampio relativo all’hub portuale: se infatti non verrà nominato un commissario, come sperano gli operatori del settore, potrebbero andare vanificati tutti gli sforzi per giungere ad emettere, entro fine settembre, il bando di gara per assegnare i lavori di escavo dei fondali del porto e la scelta delle aree per la logistica. Per il 18 settembre è in programma la conferenza dei servizi, ultimo atto del progetto hub portuale, ma se i tre indagati non saranno assolti a breve c’è rischio che tutto slitti ancora più avanti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi