RIMINI: Alluvione 2015, chiesto rinvio a giudizio per i tecnici

Cronaca
RIMINI: Alluvione 2015, chiesto rinvio a giudizio per i tecnici Per l'alluvione del 2015 a Bellaria-Igea Marina e Santarcangelo di Romagna, la Procura di Rimini con le accuse, a vario titolo, di inondazione colposa e falso ideologico, ha chiesto il giudizio per due dirigenti regionali, Mauro Vannoni, responsabile sicurezza del territorio e protezione civile, e Fiorenzo Bertozzi, del servizio area Romagna, per due dirigenti Hera, e per il titolare e il progettista di un'impresa edile. L'indagine fa riferimento a ciò che accadde nella notte tra il 5 e il 6 febbraio del 2015. Una famiglia di quattro persone residente in zona 'Nuova Contea' sulla strada Santarcangiolese fu salvata solo grazie all'intervento con gommone dei vigili del fuoco. La Procura ha deciso di tenere separati i fatti accorsi nei due comuni, contestando solo per Bellaria-Igea Marina, dove esondò l'Uso, il reato di inondazione colposa, mantenendo quello di falsità ideologa per i fatti di Santarcangelo. Nel diniego di alzare le paratie del tratto fluviale, la Procura ha quindi individuato sufficienti prove per chiedere il processo. Due le famiglie che si costituiranno parte civile, una di Santarcangelo e una di Bellaria.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi