RIMINI: Artigiani in difficoltà, Cupioli “Senza liquidità molti non riaprono” | VIDEO

Economia
RIMINI: Artigiani in difficoltà, Cupioli “Senza liquidità molti non riaprono” | VIDEO “In questo momento la liquidità è fondamentale, ma il Governo rimanda la responsabilità alle banche, le banche dalla loro parte sono in fase di valutazione. Ho paura che in questo momento si stia perdendo del tempo e non so quante aziende riusciranno a resistere”. “Quel che abbiamo passato è ancora nulla rispetto a quel che verrà”. Così il presidente della Confartigianato di Rimini, per le cui imprese associate la fase due non è ancora partita. “Alzando la saracinesca della bottega, ogni artigiano vedrà ripartire il contatore dei costi fissi. Quei sostegni servono subito”, esorta la categoria, duramente colpita dalle conseguenze dell’emergenza sanitaria. “Abbiamo aziende del trasporto con pullman fermi che se nei prossimi mesi non avranno un aiuto concreto non so come riusciranno a resistere. Manca un piano per il turismo. Poi abbiamo parrucchieri, centri estetici… le aziende hanno bisogno di velocità e concretezza. Bisogna che questa liquidità arrivi”. Oltre allo Stato, gli artigiani lanciano un appello anche alle banche: “Mi arrivano troppi messaggi di colleghi in difficoltà per comportamenti censurabili – afferma Cupioli -. Se a un imprenditore in difficoltà si subordina l’ottenimento dei fondi garantiti dallo Stato ad un loro utilizzo per chiudere fidi e mutui già al limite, garantiti dall’imprenditore, siamo daccapo”, conclude.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi