RIMINI: Aumento Irpef “Finanzierà periferie e scuole”, opposizioni all’attacco | VIDEO

Politica
RIMINI: Aumento Irpef “Finanzierà periferie e scuole”, opposizioni all'attacco | VIDEO Più tasse sui riminese per 4,8 milioni di euro. È quanto prevede la rimodulazione dell’Irpef prevista dall’amministrazione comunale e dibattuta martedì in Commissione. Sul piede di guerra le opposizioni e i sindacati. Il sindaco Andrea Gnassi giustifica la manovra parlando di incertezza per le risorse statali del Bando Periferie. 3,7 milioni dovrebbero infatti andare alla riqualificazione di Rimini Nord. Gli altri denari all’edilizia scolastica, al trasporto pubblico, alla cultura e alle agevolazioni sulla Tari. Per i sindacati CGIL, CISL e UIL la misura verrà pagata dai “soliti noti”. “Il gettito dell’addizionale – affermano – è per tre quarti sostenuto da lavoratori dipendenti e pensionati”. Secondo i calcoli dei rappresentanti dei lavoratori, un pensionato che percepisce 1.100 euro netti al mese andrebbe a pagare 83 euro, mentre prima era esente. Una lavoratrice part-time con un reddito di 14mila euro lordi dovrà tirare fuori dalla tasca 69 euro. Dura la Lega. L’onorevole riccionese Elena Raffaelli invita Gnassi a copiare la sua città e definisce l’operazione come una “meschinità” che “dimostra – afferma – tutta l’incapacità della sua amministrazione”. Sulla stessa lunghezza d’onda i colleghi riminesi del Carroccio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi