ROMA: Caso Giulia Sarti, parla Di Maio “Espulsione doverosa”

Politica
ROMA: Caso Giulia Sarti, parla Di Maio "Espulsione doverosa" Scoppia il caso Sarti nel Movimento cinque stelle. Le dimissioni della deputata dalla presidenza della Commissione Giustizia della Camera sono un "atto doveroso", dice il vicepremier dopo l'annuncio della parlamentare M5s per la richiesta di archiviazione della sua denuncia ai danni dell'ex fidanzato. Di Maio spiega che per quanto riguarda l'espulsione dal Movimento si dovrà attendere la valutazione dei probiviri. "Credo – aggiunge Di Maio – che l'espulsione sia doverosa". Intanto, tirato in ballo, parla anche il portavoce del premier Conte: "Sarti si è probabilmente coperta dietro il mio nome con l'allora compagno, se avessi saputo di questi ammanchi o di giri strani l'avrei immediatamente riferito al Capo politico e ai Probiviri. Io non tutelo i parlamentari, ma il Movimento, come sanno tutti". Lo afferma in una nota Rocco Casalino, commentando quanto emerso dalla vicenda della parlamentare M5s Giulia Sarti. Bogdan Tibusche sta intanto valutando una querela per calunnia o una richiesta civile di risarcimento danni nei confronti della Giulia Sarti.  Casalino e Ilaria Loquenzi non sono stati sentiti nell'indagine su Bogdan. Né gli inquirenti intendono in futuro interrogare il portavoce di Palazzo Chigi e la responsabile comunicazione dei 5 Stelle. È quanto si apprende da fonti della Procura riminese. La loro audizione sarebbe stata ritenuta irrilevante: nel fascicolo si indagava su una presunta sottrazione di somme e non su chi, come emergerebbe da alcune chat agli atti, avrebbe detto alla deputata cosa fare.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi