ROMAGNA: Lavoro femminile, 32,6% in meno di guadagno rispetto ai colleghi maschi | VIDEO

Economia
ROMAGNA: Lavoro femminile, 32,6% in meno di guadagno rispetto ai colleghi maschi | VIDEO La loro partecipazione nel mondo del lavoro è in costante aumento, ma le donne continuano a guadagnare di meno rispetto ai loro colleghi maschi. In Italia, per esempio, l’occupazione è cresciuta dell’1,4% con il lavoro femminile in aumento del 3%. Non raggiunge gli stessi numeri l’Emilia-Romagna che, nell’ultimo decennio, sempre per quanto riguarda il lavoro femminile, ha visto un aumento del 2,6%. Andando più nel dettaglio, nella provincia di Forlì-Cesena, il numero è ancora più basso ossia +2,1%. Dall’altro lato, purtroppo, rimane il problema dei compensi.  Nonostante le donne siano mediamente più istruite, 12% di laureate in più  rispetto agli uomini,  la differenza di retribuzione media annua in regione è del 32,6%. Nella Provincia di Forlì-Cesena il dislivello è superiore, attestandosi al 33%. Nella fascia 25-49 anni, il divario aumenta del 18,1% fra donne con figli che lavorano rispetto alle donne senza figli. Non va inoltre dimenticato tutto il lavoro che le donne svolgono all’interno della famiglia tra cura dei figli, della casa e degli anziani. Nonostante la Regione Emilia-Romagna registri buoni livelli per i servizi di cura offerti, il numero di lavoratrici che potrebbero essere inserite nel mondo del lavoro è ancora ampio. La mancata partecipazione al mondo del lavoro delle donne è del 13,7% contro l’8,9% degli uomini. Insomma un quadro per niente roseo che richiede ancora molto lavoro, non solo da parte del mondo politico, ma anche e soprattutto a livello culturale.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi