ROMAGNA: Unioncamere, cala l’export nel primo trimestre 2020

Economia
ROMAGNA: Unioncamere, cala l’export nel primo trimestre 2020 Nel primo trimestre del 2020, nel sistema economico aggregato Romagna – Forlì-Cesena e Rimini le esportazioni ammontano a 1.408 milioni di euro mentre le importazioni raggiungono quota 663 milioni di euro; il saldo commerciale (differenza tra esportazioni e importazioni) risulta pertanto positivo: +745 milioni di euro. E' quanto emerge dai dati elaborati da Unioncamere secondo cui rispetto al primo trimestre del 2019 si riscontra una decisa diminuzione delle importazioni (-7,6%), e delle esportazioni (-6,5%). Nel dettaglio, diminuisce il valore esportato dei principali prodotti: -6,9% per i macchinari ed apparecchi meccanici (19,2% del totale export), -6,8% per i prodotti in metallo (12,1%), -13,2% per i prodotti dell'abbigliamento (9,8%), -8,5% per gli apparecchi elettrici (6,9%) e -0,5% per gli articoli in gomma e materie plastiche (6,0%); in aumento, invece, alimentari e bevande (+8,0%, 8,9% dell'export) e i prodotti dell'agricoltura (+5,5%, 6,9%). "L'economia, nel primo trimestre di quest'anno, è stata segnata solo in parte dalle conseguenze della pandemia da Covid-19 – dichiara Alberto Zambianchi, Presidente della Camera di commercio della Romagna -, eppure gli effetti negativi sono evidenti e i dati dimostrano che il calo dell'export è pesante. Purtroppo, c'è da aspettarsi che i dati del secondo trimestre – fase più acuta del lockdown – siano in ulteriore peggioramento".

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi