SANTARCANGELO: Segregata in casa dal marito per otto anni, salvata dai carabinieri

Cronaca
SANTARCANGELO: Segregata in casa dal marito per otto anni, salvata dai carabinieri Otto orribili anni quelli vissuti da una trentacinquenne di origine marocchina. Segregata in casa, senza poter uscire per fare la spesa oppure per andare a scuola ed imparare a legge e scrivere, in italiano o in arabo. Regolarmente osservata grazie all’istallazione di tre telecamere a circuito chiuso all’ingresso, picchiata quasi quotidianamente dal marito, un cinquantunenne cittadino italiano, anch’egli di origine marocchina, la donna è stata liberata  grazie all’intervento dei militari di Santarcangelo di Romagna, nel riminese. Qualche mese fa, infatti, a seguito di una mail di denuncia proveniente dal Marocco, firmata dal padre di lei, le forze dell’ordine, con la scusa di poter controllare i documenti per il permesso di soggiorno della donna, scaduto da tempo, avevano bussato alla sua porta. Aiutata da un interprete incaricato dalla Procura è riuscita a raccontare anni di soprusi. L’uomo, ora indagato a piede libero per maltrattamenti, non potrà più avvicinarsi a lei e ai figli e dovrà rimanere ad almeno un chilometro di distanza, come stabilito dal Gip del Tribunale di Rimini.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi