30 DICEMBRE 2023

10:27

NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1048 visualizzazioni


30 DICEMBRE 2023 - 10:27


NOTIZIA DI ATTUALITÀ

DI

1048 visualizzazioni



EMILIA-ROMAGNA: Sanità, nel primo mese 12mila accessi ai nuovi Cau

Nel primo mese di attività dei Cau dell’Emilia-Romagna sono stati 12mila gli accessi con un tempo medio d’attesa di un’ora e 25 minuti. Questo il primo bilancio della Regione sulle strutture che affrontano le emergenze a bassa criticità.

I nuovi centri per le urgenze a bassa intensità dell'Emilia-Romagna hanno registrato, nel primo mese di attività, 12mila accessi con un'ora e 25 minuti di tempo medio d'attesa. L'83% dei pazienti ha trovato assistenza direttamente dentro la struttura.

È questo il primo bilancio della Regione su 16 centri dei primi 19 già attivi. Tra i principali motivi di accesso vi sono problemi ortopedici e gastrointestinali, e altri disturbi minori. Il maggior numero di accessi si registra nella prima parte della giornata, fra le 8 e le 14. Richieste di assistenza che contribuiscono così ad alleggerire l’attività dei pronto soccorso.

Per l'assessore regionale alla sanità Raffaele Donini, “il monitoraggio conferma la buona partenza per tutti i Cau, nonostante la complessità del periodo” per via di influenze e Covid. I tempi di attesa sono “limitati e la quasi totalità dei pazienti trova risposta direttamente all'interno della struttura”, rileva l’assessore.

La consigliera regionale di Fratelli d’Italia Marta Evangelisti ha chiesto di fare chiarezza sugli orari del Cau di Imola per assicurare che coprano l’intera giornata.




ALTRE NOTIZIE DI ATTUALITÀ

CESENA: Parlare ai bambini della tristezza, due incontri in Malatestiana

Il Centro per le Famiglie e il Servizio per il diritto di visita e di relazione So.Stare, di Cesena propongono due giornate per riflettere insieme su come sia difficile ma necessario pensare e parlare di momenti tristi e dolorosi con bambini e bambine Come adulti abbiamo il desiderio di proteggere i nostri bambini e bambine, ragazzi e ragazze da situazioni difficili e dolorose, questo tuttavia non ci legittima ad evitare di parlare di violenza, di sofferenza, di morte. Ci dovrebbe piuttosto incoraggiare a creare e sostenere spazi di cura, di ascolto e di parola per poter accogliere le emozioni dei più piccoli/e, restituire narrazioni e immagini conciliabili e possibili. Il primo incontro si terrà venerdì 10 maggio alle ore 15.00, con la visione del film documentario “Le buone intenzioni” (Italia, 2016) - Regia di Beatrice Segolini e Maximilian Schleuber. La visione del film sarà seguita da un dialogo tra la regista, Beatrice Segolini, la madre Lorella Zanotto e Paola Bastianoni, psicologa, professoressa associata di Psicologia dinamica presso l'Università degli Studi di Ferrara e i presenti. La proiezione è organizzata in collaborazione con ZeLIG - Scuola di documentario di Bolzano e grazie all‘incontro con Rara - Scuola di orientamento allo studio delle arti Forlì. Il secondo incontro “Educare alla morte, al lutto, alla perdita. Accompagnare i più piccoli nella comprensione e nell’elaborazione del lutto” si terrà sabato 11 maggio alle ore 9.30. Interverranno: Paola Bastianoni, Ilaria Contado del gruppo Eduscaffolders, Università di Ferrara, Pietro Bolognese, illustratore del libro “La biblioteca del signor la morte” e Emanuele Ortu pedagogista. I Relatori dialogheranno con i presenti per condividere strumenti per accompagnare i bambini e le bambine a conoscere ed elaborare l’esperienza del lutto e della perdita. Le due giornate saranno introdotte dalla Presidente dell’ASP Maria Elena Baredi che assieme alla Responsabile dell’Area Famiglie e Minori dell’ASP Claudia Piancastelli hanno ideato l’iniziativa. Gli incontri si terranno presso la sala proiezioni della Biblioteca Malatestiana in piazza M. Bufalini 1, Cesena. Tutti e due gli eventi sono gratuiti e rivolti a operatori della tutela, educatori, insegnanti, genitori e aperti a tutta la cittadinanza. Per partecipare è necessaria la prenotazione: Centro per le Famiglie 0547 333611 centrofamiglie@comune.cesena.fc.it.